Lucca Comics And Games

Delos Science Fiction 155 su carta!


Delos Science Fiction 155
pagine 80, b/n
copertina a colori plastificata
prezzo 6,50 euro
prezzo per i soci 5,85 euro
acquistalo subito
su Delos Store!

oppure

ABBONATI!
5 numeri
solo 26 euro


Mazinga Z: il primo anime robotico di Go Nagai

A quarant'anni dalla nascita, ricordiamo il primo cartoon che ha dettato le regole dell'animazione giapponese con protagonista un gigantesco robot.


Mazinga Z ingrandisci
Il 1972 è un anno di svolta per l’animazione nipponica. In quell’anno appaiono diversi titoli che contribuiranno a cambiare diverse regole all’interno del mercato di produzione degli anime. Gō Nagai con Mazinga Z (Mazinger Z) e Devilman rivoluzionerà l’approccio sia produttivo che di fruizione del cartoon giapponese. Con questi due titoli si vira verso storie e spunti narrativi maggiormente maturi. Ma procediamo con ordine, partendo da Mazinga Z, di cui quest’anno ricorre il trentesimo anniversario dalla sua creazione. È il primo robot gigante con pilota a bordo della storia dell’animazione giapponese. Nagai chiarisce fin dalle prime battute del primo episodio della serie (che ne conterà ben 92 alla fine, diventando la più longeva del genere) che Mazinga Z è un’arma a tutti gli effetti e ha scopi difensivi di tipo bellico, essendo dotata di diversi tipi di armamenti. Si alza l’età del protagonista. Kōji (nell’edizione italiana verrà ribattezzato con il nome di Ryo), il pilota di Mazinga, ha infatti circa 16 anni, tre/quattro se non sei/otto in più dei protagonisti principali di serie precedenti come Tetsujin 28-gō e Tetsuwan Atom. In Kōji è possibile riscontrare, nel proseguire degli episodi, una chiara e netta evoluzione psicologica che lo porterà a relazionarsi agli eventi bellici in cui è coinvolto, con una prospettiva sempre più matura di eroe moderno, un tipo di combattente nuovo in cui esiste una parte oscura che non viene nascosta al lettore ma che per senso del dovere, disciplina in battaglia e obiettivo da raggiungere non verrà mai ad avere il sopravvento sulla parte positiva volta alla ricerca del bene.

Nagai introduce diverse novità con Mazinga, che diventeranno delle vere e proprie regole fisse del genere robotico/bellico e che contribuiranno a costituire la cosiddetta “scuola ortodossa” del genere. Innanzitutto il mezzo da combattimento viene dotato di una base logistica per il ricovero, il rifornimento ed eventuali riparazioni, da spettatori ci imbattiamo così nell’Istituto di Ricerca per l’Energia Fotoatomica, che avrà anche altre due valenze, rappresentando sia il centro sociale di sviluppo delle dinamiche interpersonali tra i personaggi coinvolti, sia il principale centro della intelighenzia scientifica giapponese. È possibile notare come nella denominazione data alla base ritorna anche l’accenno all’atomo, ma l’aggettivo fotoatomico fa comprendere come stavolta l’intento della tipologia della ricerca non abbia un obiettivo distruttivo ma di mera ricerca scientifica volta ad usi pratici. D’altro canto la lega Z, misteriosa lega metallica di cui è composto il robot Mazinga, come viene detto più volte nella serie, è indistruttibile anche all’energia atomica. La serie ha, poi, un antefatto di origine storica, singolare per il riallacciarsi anche a leggende mitologiche di origine classica, innovativo perché rielabora in modo molto originale alcuni elementi tipici della science fiction degli anni Trenta e Quaranta: tutti elementi questi che diventeranno uno dei cardini della scuola ortodossa.

Due importanti scienziati, il dottor Kabuto e il dottor Inferno (Doctor Hell), durante una spedizione archeologica presso l'isola di Rodi, ritrovano complessi e pericolosi manufatti meccanici appartenuti all'antica civiltà guerriera di Mikenes. Il dottor Inferno decide di sfruttare la scoperta per subdoli fini personali, tesi alla conquista del mondo. Il dottor Kabuto, compresa la malvagità del collega, prima riesce a sfuggirgli e poi costruisce un robot meccanico adatto ad affrontare gli automi dello scienziato criminale, utilizzando una lega di sua invenzione, il Japanium, con cui verrà creata la mirabolante lega Z, dotata di una resistenza incredibile e capace di potenziarsi se irradiata di energia fotoatomica. Inferno decide di eliminare l'unico ostacolo ai suoi piani di conquista e invia i suoi fedeli soldati, le Maschere di Ferro, ad assassinare Kabuto. Lo scienziato non riesce ad opporre resistenza ma, prima di morire, fa in tempo ad affidare al nipote Kōji, accorso troppo tardi in suo aiuto, il potente robot combattente Mazinga Z. Il giovane, entra a far parte del personale dell'Istituto per la Ricerca dell'Energia Fotoatomica, un laboratorio condotto dal professor Yumi, un collega ed allievo del nonno. Comincia così la lunga guerra fra le forze del bene e i terribili mostri meccanici inviati dal perfido scienziato. Kōji, aiutato dalla bella Sayaka, la figlia del professore del laboratorio, e dal buffo Boss, imparerà a pilotare il robot e a impiegarlo efficacemente per sconfiggere i nemici. 

pagina 1 di 5 - continua
Autore: Giorgio Messina - Delos Science Fiction 148 - Data: 15 ottobre 2012

Notizie correlate

Vota questo articolo

Voti dei lettori

ancora nessun voto

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Veramente sarebbero 40 gli anni e non 30 ;)

» postato da (Leonardo Ferri) alle 00:34 del 15-10-2012

2 Oltre la diatriba 30/40 prima fatta notare tecnicamente Mazinger Z non è il primo anime di Nagai.... Devilman è antecedente di qualche mese (luglio se non vado errato) al dicembre mazinghiano....

» postato da Piacca alle 10:00 del 15-10-2012

3 «Oltre la diatriba 30/40 prima fatta notare tecnicamente Mazinger Z non è il primo anime di Nagai.... Devilman è antecedente di qualche mese (luglio se non vado errato) al dicembre mazinghiano....» Non mi risulta che Devilman riguardi i robottoni. La frase dice: "il primo cartoon che ha dettato le regole dell'animazione giapponese con protagonista un gigantesco robot", non dice "il primo anime di Go Nagai". S*

» postato da S* alle 10:51 del 15-10-2012

4 ««Oltre la diatriba 30/40 prima fatta notare tecnicamente Mazinger Z non è il primo anime di Nagai.... Devilman è antecedente di qualche mese (luglio se non vado errato) al dicembre mazinghiano....» Non mi risulta che Devilman riguardi i robottoni. La frase dice: "il primo cartoon che ha dettato le regole dell'animazione giapponese con protagonista un gigantesco robot", non dice "il primo anime di Go Nagai". S*» Ehm il titolo dell'articolo però è il primo anime di Go Nagai :) e comunque il gigantesco robot c'era gia con superrobot28 o giant robot (e questi han dettato l'animazione giapponese allo stesso modo di mazinga o gundam) o astroganga... Mazinga è il primo robot pilotato dall'interno...

» postato da Piacca alle 11:40 del 15-10-2012

5 «Ehm il titolo dell'articolo però è il primo anime di Go Nagai :) e comunque il gigantesco robot c'era gia con superrobot28 o giant robot (e questi han dettato l'animazione giapponese allo stesso modo di mazinga o gundam) o astroganga... Mazinga è il primo robot pilotato dall'interno...» Ehm, hai ragione :oops: S*

» postato da S* alle 14:56 del 15-10-2012

6 :oops: Scusate, il titolo è mio. Il senso era il primo anime robotico

» postato da Carmine Treanni alle 21:49 del 15-10-2012

7 «:oops: Scusate, il titolo è mio. Il senso era il primo anime robotico» beh era giusto per precisare e correggere l'eventuale errore per un servizio migliore :) l'articolo è bello e valevole .... anche se c'è una scuola di pensiero, forse non proprio completamente non condivisibile, che sostiene che l'anime di mazinga z sia stato una sorta di ritorno all'indietro nella trama visto la sua struttura ad episodi... di sicuro rispetto alla roba che arrivava in italia i temi trattati erano , non dico piu adulti (forse un mio fratello supervip è come tematica adulto allo stesso modo di un mazinga z) , ma differenti sopratutto meno ironici o con un ironia diversa.

» postato da Piacca alle 22:51 del 15-10-2012

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.