Lucca Comics And Games

Morire per vivere

John Scalzi, Morire per vivere (Old man's War, 2005) - FANTASCIENZA - Gargoyle - Gargoyle Extra - 2012 - traduttore: Concetta D’Addetta - pagine 308 - prezzo 18,00 euro - giudizio: ottimo

La vita ricomincia a 75 anni. Almeno questo è quello che spera John Perry che ha raggiunto questa età. A dire il vero, se è già possibile oggi considerarla una età tutt'altro che veneranda, nel mondo del futuro potrebbe anche essere considerata addirittura giovanile.

Molto realisticamente John Scalzi però suppone che tutto sommato la fisiologia umana avrà dei limiti anche nel futuro, anche dopo la colonizzazione dello spazio. Anzi proprio nello spazio potrebbero esserci nuove sfide per i limiti umani.

Nel suo mondo a 65 anni gli "anziani" firmano un contratto per essere arruolati, alla scadenza dei fatidici 75, come fanti delle Forze di Difesa Coloniale.

Così hanno fatto John e sua moglie, solo che la donna a quell'età non ci è arrivata. Motivo in più per John per non rinunciare all'occasione di scoprire il mistero: com'è è possibile che dei corpi sicuramente logori e in alcuni casi malati possano essere messi in condizione di prestare servizio militare per almeno altri 10 anni? Tanto dura infatti il periodo massimo di ferma, alla fine del quale è previsto l'inserimento in una delle colonie spaziali, per vivere una nuova vita.

E quale nuova esistenza si può cominciare a 85 anni?

É presto detto, e lo dice anche il riassunto dell'aletta del volume, per cui non vi sto facendo alcuno spoiler. 

Non si può.

I corpi vengono semplicemente buttati e l'essenza stessa dell'esistenza, la presunta anima, viene trasferita in un altro corpo come fosse un software. Un corpo giovane, clonato dal materiale genetico originale, ma potenziato in molte caratteristiche, che lo rendono a tutti gli effetti sovrumano.

 

Quello che prende il via diventa quindi un romanzo di formazione, perché nonostante l'esperienza di una vita, John non è preparato non solo all'uso del suo formidabile nuovo corpo, ma anche a quello che troverà "lì fuori".

Lo spazio non è un luogo deserto. Razze di ogni tipo lottano per la sopravvivenza. Le esperienze umane non sono applicabili alle modalità di comportamento degli alieni.

Tante saranno quindi le lezioni che John imparerà, anche a sue spese, durante la sua "carriera".

Una delle prime è che in guerra si viene dotati del minimo indispensabile per sopravvivere, quindi se il suo nuovo corpo può apparire stupefacente in confronto ai normali esseri umani, contro gli alieni è appena sufficiente. Per il resto bisogna imparare a cavarsela, e alla svelta.

 

Battaglia dopo battaglia, esperienza dopo esperienza, John farà una rapida carriera, trovandosi coinvolto in scontri cruciali e a momenti topici della guerra della razza umana per sopravvivere nello spazio.

Il dubbio che John abbia "più culo che anima" talvolta viene. Ma i romanzi di guerra non sono interessanti se parlano dei tanti soldati, la maggioranza, che muoiono al primo scontro, o di quelli che erano in seconda fila durante gli scontri. 

No, la narrazione ha bisogno di raccontare dell'uomo che, volente o nolente, ha fatto la differenza.

Qualche sospetto sulla straordinaria fortuna di John verrà anche ai superiori, visto che sarà l'unico sopravvissuto allo scontro con una razza aliena che sembra dotata di tecnologie in grado di prevedere le mosse degli avversari.

Ma è proprio in quello scontro, al quale è sopravvissuto per miracolo, questo va detto, che John s'imbatte in un mistero ancora più grande. Chi è quella soldatessa delle Brigate Fantasma che sembra tanto somigliare alla sua defunta moglie?

 

Andando verso lo scontro finale l'agile prosa di Scalzi porta velocemente alla risoluzione di questo e molti altri misteri, lasciando comunque intravedere ampi squarci di una costruzione molto bella e complessa, così piena di idee che traboccano dal romanzo. Il segreto delle Brigate Fantasma al quale si potrebbe arrivare tutto sommato con un po' di intuito è solo una della tante.

Con quello che abbiamo appreso in questo romanzo siamo pronti e curiosi di esplorare sia il romanzo a loro dedicato. Ma viene da chiedersi per esempio come vivano i coloni reduci dal servizio militare. Sono ottantacinquenni in corpi giovani, che quindi sono destinati a vivere emotivamente esperienze per almeno centocinquantanni. È un'altra porzione di Universo che meriterebbe di essere esplorata.

 

Quanto al militarismo del romanzo, l'atteggiamento di Scalzi è parente a quel pragmatismo statunitense che giustifica la detenzione di armi in casa e che è trasversale a qualsiasi convinzione politica. Lo spazio è come il Far West, pertanto è obbligatorio uccidere per non essere uccisi.

L'istituzione Esercito descritta nel romanzo sembra immune da macchie e corruzioni ma non da errori di valutazione. Pertanto non c'è esaltazione dei valori militari, ma solo accettazione della loro necessità date le circonstanze. È poi la stessa "lezione" che impartiva la primigenia fonte di ispirazione di questo romanzo, Fanteria dello Spazio di Robert Heinlein, che Scalzi omaggia in modo aperto e pedissequo, pur rimescolandone gli elementi aggiungendo i suoi temi e le sue idee. Una operazione che nella letteratura di genere si fa spesso. In questo caso con ottimi risultati.

 

Autore: Emanuele Manco - Data: 13 gennaio 2013

Risorse in rete

Notizie correlate

Recensioni di altri libri di John Scalzi

Morire per vivere: dai il tuo voto

Voti dei lettori

8 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

7 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 E siccome che StarshipTroopers è uno dei miei romanzi preferiti e siccome che sulle recensioni dei libri mi trovo d'accordo la quasi totalità delle volte con voi, me lo prendo!

» postato da (Simone Medusa) alle 10:57 del 15-01-2013

2 «E siccome che StarshipTroopers è uno dei miei romanzi preferiti e siccome che sulle recensioni dei libri mi trovo d'accordo la quasi totalità delle volte con voi, me lo prendo!» E tra pochi giorni esce pure "Le Brigate Fantasma", ovvero il seguito. :)

» postato da L.MCH alle 19:07 del 15-01-2013

3 ««E siccome che StarshipTroopers è uno dei miei romanzi preferiti e siccome che sulle recensioni dei libri mi trovo d'accordo la quasi totalità delle volte con voi, me lo prendo!» E tra pochi giorni esce pure "Le Brigate Fantasma", ovvero il seguito. :)» Ho letto il primo volume qualche tempo fa è mi è piaciuto davvero molto, Mi fa piacere che pubblichino anche il secondo volume, francamente non ci speravo proprio. Peccato che non facciano anche una versione ebook.

» postato da Riccardo Saettone alle 20:44 del 15-01-2013

4 « Ho letto il primo volume qualche tempo fa è mi è piaciuto davvero molto, Mi fa piacere che pubblichino anche il secondo volume, francamente non ci speravo proprio. Peccato che non facciano anche una versione ebook.» Forse quelli della Gargoyle non hanno i diritti per la versione ebook oppure li hanno ma non hanno ancora deciso se vendere direttamente loro o appoggiarsi a venditori tipo Amazon. Intanto comunque quella serie di libri va avanti. Scalzi anni fa si era fermato a "Zoe's Tale" per scrivere altri libri ma ora è appena uscito in inglese il racconto breve "The B-Team" ed a ruota altre 12 storie brevi in formato ebook che poi a maggio verranno raccolte in un unico libro antologia intitolato "The Human Division". I racconti ruotano per la maggior parte intorno ai personaggi che sono già comparsi in "After The Coup" ovvero astronave Clarke ed il suo equipaggio, l'ambasciatrice Abumwe ed il tenente Wilson delle forze di difesa coloniale (finito sulla Clarke come consulente tecnico e coinvolto per cause di forza maggiore in ...)

» postato da L.MCH alle 05:07 del 16-01-2013

5 Mi sfugge una cosa: se delos store vende il libro di Scalzi http://www.delosstore.it/librinuovi/scheda.php?id=39210 perchè nell'articolo è stato messo il link di ibs (è posto sopra le stellette) ? nuova politica di marketing?????? strana però!!!!

» postato da Jabbafar alle 07:36 del 16-01-2013

6 «Forse quelli della Gargoyle non hanno i diritti per la versione ebook oppure li hanno ma non hanno ancora deciso se vendere direttamente loro o appoggiarsi a venditori tipo Amazon.» La Gargoyle appartiene a uno stampatore, è possibile che ci sia qualche remora filosofica a passare al digitale. Forse temono che possa danneggiare la carta. Personalmente se alcuni loro libri fossero in ebook li prenderei senz'altro, ma libri stampati ormai non ne compro praticamente più. "Vendere direttamente o appoggiarsi a venditori come Amazon" invece è un nonsense, Amazon è una libreria come tutte le altre, quando produci ebook poi ti affidi a un distributore (come Simplicissimus, BookRepublic e Edigita) e li distribuisci a tutti i negozi, Amazon, iTunes eccetera inclusi. Vendere direttamente tramite Amazon con il sistema DTP è una cosa che fa l'autore che si autopubblica, non l'editore. S*

» postato da S* alle 08:41 del 16-01-2013

7 «Mi sfugge una cosa: se delos store vende il libro di Scalzi http://www.delosstore.it/librinuovi/scheda.php?id=39210 perchè nell'articolo è stato messo il link di ibs (è posto sopra le stellette) ? nuova politica di marketing?????? strana però!!!!» In realtà è un link con numerino che dovrebbe garantirci una provvigione. Questa cosa l'abbiamo da secoli e me l'ero anche dimenticata, e a dire il vero provvigioni non ne sono mai arrivate. Quindi penso che la toglierò. S*

» postato da S* alle 08:45 del 16-01-2013

8 L'ho letto appena uscito: in effetti si legge bene e visto i temi che affronta direi che è onesto e riesce a mantenere fino alla fine un non facile equilibrio. La bella notizia è la pubblicazione del seguito o meglio del secondo volume della serie di 5 già usciti. Di questi tempi sono rare le belle notizie ...

» postato da Giandomenico Clementi alle 09:14 del 16-01-2013

9 Francamente non riesco a condividere tutto questo entusiasmo per gli e-books. OK, ti arriva il libro sul computer, ma poi lo devi stampare, e l'inchiostro costa.... per non parlare dell'ingombro di un fascicolo di formato A4. Certo, puoi fare i caratteri belli grandi, questo si.

» postato da Anacho alle 10:13 del 16-01-2013

10 «Francamente non riesco a condividere tutto questo entusiasmo per gli e-books. OK, ti arriva il libro sul computer, ma poi lo devi stampare, e l'inchiostro costa.... per non parlare dell'ingombro di un fascicolo di formato A4. Certo, puoi fare i caratteri belli grandi, questo si.» dovresti leggerli su un e-reader... mica stamparli... :lol:

» postato da Jirel alle 10:50 del 16-01-2013

11 ««Francamente non riesco a condividere tutto questo entusiasmo per gli e-books. OK, ti arriva il libro sul computer, ma poi lo devi stampare, e l'inchiostro costa.... per non parlare dell'ingombro di un fascicolo di formato A4. Certo, puoi fare i caratteri belli grandi, questo si.» dovresti leggerli su un e-reader... mica stamparli... :lol:» Dai che ha già fatto passi da gigante, fino al mese scorso se li copiava a mano con la biro su un quadernetto. S*

» postato da S* alle 14:14 del 16-01-2013

12 L'ho preso, mi piace molto il genere e visti i commenti positivi voglio proprio vedere com'è, anche se l'autore non lo conosco. :D Gargoyle nel ultimo anno ha sfornato opere decisamente interessanti e di gran qualità, snobbate dalle case editrici più importanti, un'applauso. P.S. C'ho provto con gli ebook ma il piacere feticistico che ho verso i libri in versione cartacea non riesco a sorpassarlo.

» postato da DiVega alle 15:15 del 16-01-2013

13 «« dovresti leggerli su un e-reader... mica stamparli... :lol:» Dai che ha già fatto passi da gigante, fino al mese scorso se li copiava a mano con la biro su un quadernetto. S*» Cos'é un e-reader? Comunque non li copiavo con una biro, usavo una matita. poi mi hanno parlato di quella nuova invenzione, la stampa a caratteri mobili, ho comperato una pressa da stampa (curioso, sembra che i soli a possedere questi ritrovati tecnologici siano i musei) e sono in grado di stampare un e-book in pochi giorni

» postato da Anacho alle 15:37 del 16-01-2013

14 «L'ho preso, mi piace molto il genere e visti i commenti positivi voglio proprio vedere com'è, anche se l'autore non lo conosco. :D Gargoyle nel ultimo anno ha sfornato opere decisamente interessanti e di gran qualità, snobbate dalle case editrici più importanti, un'applauso. P.S. C'ho provto con gli ebook ma il piacere feticistico che ho verso i libri in versione cartacea non riesco a sorpassarlo.» spetta di avere 2000 e passa libri e non sapere dove metterli e poi apprezzerai il reader... comprerai cartacei solo quelli che ti piacciono di più comprandono una media di 7-8 libri al mese (ora sono 2-3, crisi...) arrivi presto alla fine dello spazio di stoccaggio...

» postato da Jirel alle 15:39 del 16-01-2013

15 « spetta di avere 2000 e passa libri e non sapere dove metterli e poi apprezzerai il reader... comprerai cartacei solo quelli che ti piacciono di più comprandono una media di 7-8 libri al mese (ora sono 2-3, crisi...) arrivi presto alla fine dello spazio di stoccaggio...» Almeno fossero 2000.... duemila sono gli Urania, classici e millemondi. Poi ci sono i Cosmo (ponzoni e nord), i galassia, gli Odissea, che incominciano a essere parecchi, libra/perseo/elara, fanucci.... ho libri in cantina, in garage, dappertutto. In effetti è un problema.

» postato da Anacho alle 23:23 del 16-01-2013

16 «« spetta di avere 2000 e passa libri e non sapere dove metterli e poi apprezzerai il reader... comprerai cartacei solo quelli che ti piacciono di più comprandono una media di 7-8 libri al mese (ora sono 2-3, crisi...) arrivi presto alla fine dello spazio di stoccaggio...» Almeno fossero 2000.... duemila sono gli Urania, classici e millemondi. Poi ci sono i Cosmo (ponzoni e nord), i galassia, gli Odissea, che incominciano a essere parecchi, libra/perseo/elara, fanucci.... ho libri in cantina, in garage, dappertutto. In effetti è un problema.» Sono il Signor Wolf, risolvo problemi. dimmi dove abiti e vengo io a liberarti del problema :lol: :lol:

» postato da Jabbafar alle 07:30 del 17-01-2013

17 « Sono il Signor Wolf, risolvo problemi. dimmi dove abiti e vengo io a liberarti del problema :lol: :lol:» So come faresti, ma le tue soluzioni non mi piacciono. :D

» postato da Anacho alle 09:10 del 17-01-2013

18 «.... comprandono una media di 7-8 libri al mese...» :shock: Ma scusa dove li trovi 7-8 libri (nuovi?) ogni mese?

» postato da senji alle 09:48 del 17-01-2013

19 ««.... comprandono una media di 7-8 libri al mese...» :shock: Ma scusa dove li trovi 7-8 libri (nuovi?) ogni mese?» e infatti ho ridotto.. :x poi mica devono essere nuovi, eh... ora con Amazon e compagni trovi un sacco di roba che non è mai arrivata

» postato da Jirel alle 11:30 del 17-01-2013

20 «««.... comprandono una media di 7-8 libri al mese...» :shock: Ma scusa dove li trovi 7-8 libri (nuovi?) ogni mese?» e infatti ho ridotto.. :x poi mica devono essere nuovi, eh... ora con Amazon e compagni trovi un sacco di roba che non è mai arrivata» Con Amazon trovi libri usati a mezza sterlina :o Comunque sono anche io presso il punto di non ritorno a livello di spazio, tanto che ho addocchiato un lettore da 39.90 a Mediawold in cui potrei convogliare il materiale che mi interessa solo leggere

» postato da Otrebla alle 12:01 del 17-01-2013

21 Trepido, ogni volta che passo davanti allo scaffale di fantascienza. Attendo troppo impazientemente che esca questo "seguito".

» postato da Andras Eris alle 22:37 del 17-01-2013

22 « Comunque sono anche io presso il punto di non ritorno a livello di spazio, tanto che ho addocchiato un lettore da 39.90 a Mediawold in cui potrei convogliare il materiale che mi interessa solo leggere» Occhio che a meno di novità sensazionali a quel prezzo non si trovano ebook reader decenti. Se non sbaglio l'unico prodotto a quel prezzo è il trekstor da 7 pollici con schermo LCD 800x480 non-touch e software molto limitato) ed è uno strumento di tortura, si può trovare di meglio. Se vuoi solo un lettore di ebook punta su un dispositivo con display eink, meglio se dotato di touchscreen, se conti di leggerci anche pdf ecc. invece devi per forza puntare su un tablet androdi con (almeno) display touch 9.7" 1024x768 (ed adesso cominciano pure a vedersi in commercio anche modelli con display 9.7" 2048x1536 sui 200..250 euro).

» postato da L.MCH alle 05:22 del 18-01-2013

23 «« Comunque sono anche io presso il punto di non ritorno a livello di spazio, tanto che ho addocchiato un lettore da 39.90 a Mediawold in cui potrei convogliare il materiale che mi interessa solo leggere» Occhio che a meno di novità sensazionali a quel prezzo non si trovano ebook reader decenti. Se non sbaglio l'unico prodotto a quel prezzo è il trekstor da 7 pollici con schermo LCD 800x480 non-touch e software molto limitato) ed è uno strumento di tortura, si può trovare di meglio. Se vuoi solo un lettore di ebook punta su un dispositivo con display eink, meglio se dotato di touchscreen, se conti di leggerci anche pdf ecc. invece devi per forza puntare su un tablet androdi con (almeno) display touch 9.7" 1024x768 (ed adesso cominciano pure a vedersi in commercio anche modelli con display 9.7" 2048x1536 sui 200..250 euro).» Dato che la differenza in euro non me la da nessuno e lo scopo è leggere ebook sostituendoli al cartaceo...

» postato da Otrebla alle 11:49 del 18-01-2013

24 «se conti di leggerci anche pdf ecc. invece devi per forza puntare su un tablet androdi con (almeno) display touch 9.7" 1024x768 (ed adesso cominciano pure a vedersi in commercio anche modelli con display 9.7" 2048x1536 sui 200..250 euro).» Perchè, con un Sony Prs o un Kindle Paperwhite, non si leggono i pdf normali o i file word?

» postato da Andras Eris alle 02:35 del 19-01-2013

25 ««se conti di leggerci anche pdf ecc. invece devi per forza puntare su un tablet androdi con (almeno) display touch 9.7" 1024x768 (ed adesso cominciano pure a vedersi in commercio anche modelli con display 9.7" 2048x1536 sui 200..250 euro).» Perchè, con un Sony Prs o un Kindle Paperwhite, non si leggono i pdf normali o i file word?» Sì, ma in genere gli eink sono lenti e il pdf è una sofferenza. Inoltre spesso i pdf sono formati più grandi e sul 7 pollici tocca navigare in continuazione. Però leggere ebook su un dieci pollici è molto scomodo per via del peso, quindi va valutato. S*

» postato da S* alle 13:34 del 19-01-2013

26 « Sì, ma in genere gli eink sono lenti e il pdf è una sofferenza. Inoltre spesso i pdf sono formati più grandi e sul 7 pollici tocca navigare in continuazione. Però leggere ebook su un dieci pollici è molto scomodo per via del peso, quindi va valutato. » Inoltre non è insolito che nei pdf ci siano grafici a colori (e non parliamo di quelli con immagini di sfondo ecc.) e distinguere su eink a scale di grigio un grafico con linee in verde e rosso diventa una tortura. Per questo se uno ha intenzione di leggere molta roba in pdf che non sia romanzi è consigliabile prendere un tablet da 9.7" 4:3. Perchè corrisponde a circa mezzo A4 ed ha pure le proporzioni "giuste" (un 10" 16:10 ha circa la stessa area di un 9.7" 4:3 solo che viene sprecata maggiormente a causa delle proporzioni sbagliate). Inoltre come dicevo prima ora si iniziano a vedere tablet Android con display 9.7" 2048x1536 a circa 200..250 euro che valgono tutti i soldi che costano se usati per leggere pdf. :) Infine riguardo i documenti word, ecc. a meno che non sia necessario poterli modificare è meglio convertirli in pdf (la conversione in epub spesso è meno fedele all'originale, più che altro perchè la conversione in pdf è più simile ad una stampa che ad una conversione di formato).

» postato da L.MCH alle 22:12 del 19-01-2013

27 tada da daaaaaaaaaa preso L'ULTIMA COLONIA... fresco fresco di stampa settembre 2014 credo :lol: :lol:

» postato da Jabbafar alle 18:37 del 30-09-2014

28 «tada da daaaaaaaaaa preso L'ULTIMA COLONIA... fresco fresco di stampa settembre 2014 credo :lol: :lol:» Dove? Dove? Lo voglio ora! all'1:57 del mattino

» postato da Andras Eris alle 01:57 del 01-10-2014

29 ««tada da daaaaaaaaaa preso L'ULTIMA COLONIA... fresco fresco di stampa settembre 2014 credo :lol: :lol:» Dove? Dove? Lo voglio ora! all'1:57 del mattino» dove???????

» postato da Jirel alle 09:21 del 01-10-2014

30 .......zon ssss non ditelo in giro

» postato da Jabbafar alle 12:29 del 01-10-2014

31 «.......zon ssss non ditelo in giro» ok allora vado a cercare SUBITO!!!!!

» postato da Jirel alle 12:38 del 01-10-2014

32 Domanda. Ne "L'ultima Colonia" come hanno tradotto i nomi delle tate/tati (non si capisce bene) Obin ? In originale erano Hickory e Dickory (dalla ninna nanna anglosassone "Hickory, dickory dock";). Ah! In "L'ultima Colonia" alcuni aspetti della storia sono gestiti un pochino in fretta, ma vengono ripresi ed approfonditi nel libro successivo ("Zoe's Tale" ovvero "Il racconto di Zoe"/"La versione di Zoe";) dove viene rivisto tutto dal punto di vista di Zoe ... e di Hickory e Dickory.

» postato da L.MCH alle 23:18 del 01-10-2014

33 Ho un po' di dubbi, però non rispondetemi "Io no", altrimenti mi rotolo a terra dal ridere :D Mi pare di aver capito che trattasi di serie di 6 libri di cui il 3° appena pubblicato in traduzione; spero ci sia l'intenzione di proseguire fino alla fine. Nella news di oggi si dice che è cambiato lo stile grafico... è cambiato anche il formato tipo la cesura di urania collezione o solo i colori/impostazione della copertina/altro? Sono ancora reperibili i primi 2? (magari questa la risolvo cercando...) Grazie :)

» postato da Alba3 reloaded alle 01:35 del 02-10-2014

34 si :roll:

» postato da Jabbafar alle 07:06 del 02-10-2014

35 « Sì, ma in genere gli eink sono lenti e il pdf è una sofferenza. Inoltre spesso i pdf sono formati più grandi e sul 7 pollici tocca navigare in continuazione. Però leggere ebook su un dieci pollici è molto scomodo per via del peso, quindi va valutato. S*» Sono usciti un paio di reader impermeabili, il che toglie la preoccupazione di dover rinunciare alla lettura mentre faccio il bagno (mai provato? Dovreste farlo). Credo che sia arrivato il momento di passare al formato elettronico anche per me. :cry:

» postato da Anacho alle 09:37 del 02-10-2014

36 «Credo che sia arrivato il momento di passare al formato elettronico anche per me.» Sarebbe ora che questo momento arrivasse anche per la Gargoyle... :? :? :?

» postato da Ale K alle 09:46 del 02-10-2014

37 « Mi pare di aver capito che trattasi di serie di 6 libri di cui il 3° appena pubblicato in traduzione; spero ci sia l'intenzione di proseguire fino alla fine. » I libri sono: Old Man's War (Morire per Vivere) The Ghost Brigades (Le Brigate Fantasma) The Last Colony (L'ultima colonia) Zoe's Tale The Human Division The End of All Things (in uscita nel 2015) Ogni libro ha un suo "vero" finale, niente cliffhanger (anche "The Human Division" che ha un racconto finale cataclismatico). Notare che "The End of All Things" non chiude la serie, chiude solo il ciclo narrativo iniziato da "The Human Division".

» postato da L.MCH alle 13:31 del 02-10-2014

38 Off Topic: Anacho, per caso hai un avatar linkato da un sito protetto da password ? Perche ogni volta che apro una pagina dove posti pure tu, sembri non avere alcuna immagine ma mi viene fuori una richiesta di login su http://image.evene.fr

» postato da L.MCH alle 13:34 del 02-10-2014

39 Grazie a Jabba e L.MHC per le info... a questo punto mi posso lanciare negli acquisti :) In effetti alla peggio me li leggo in lingua originale, mentre per l'uniformità di formato cartaceo/stile grafico, beh amen.

» postato da Alba3 reloaded alle 13:50 del 02-10-2014

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.