È un periodo di assoluta e a tratti eccessiva sincerità nel mondo del cinema americano. Ad aprire le danze è stato Robert Downey jr quando ha espresso i suoi dubbi sul Iron Man 2, seguito poi dal mea culpa di McG per Terminator Salvation. Ma in questi giorni, Ron Meyer, presidente della Universal, ha deciso di ammettere gli errori della Universal senza tanti complimenti.

Mentre presenziava al Savannah Film Festival per parlare con gli studenti e gli insegnanti del Savannah College of Arts & Design, ha raccontato qualcosa dei suoi esordi e si è poi spostato sulle scelte meno indovinate compiute dalla sua casa di produzione: "Abbiamo realizzato film come A beautiful mind, ma non abbiamo mai ripetuto il miracolo. Questa è la parte triste. È ottimo vincere premi e guadagnare facendo film che ti piacciono, ma il primo impegno è pur sempre il successo al botteghino e poi preoccuparti di quello che fai".

James Cameron: vi aggiorno su Avatar e Terminator

Non più un unico lungo arco narrativo, ma due storie autoconclusive per Avatar, tre capitoli per...

Leo Lorusso, 28/11/2017

Fantascienza.com, il meglio dell'ultima settimana del mondo

Se leggete questo articolo significa che dopotutto la fine del mondo prevista per il 21 ottobre 2011 non era così...

S*, 23/10/2011

Cowboys & Aliens

Marco Spagnoli, 15/10/2011