Nel 2005 la Editrice Nord ci ha fatto conoscere ed apprezzare la scrittrice Christine Feehan e ora ci propone un suo secondo romanzo dal titolo Fuoco nel fuoco.

Come il precedente romanzo Vieni da me (Editrice Nord, 2005) anche questo appartiene alla serie GhostWalkers che comprende anche Night Game (2005) e Conspiracy Game (2006).

L’autrice nella sua lunga carriera ha pubblicato circa trenta romanzi molti dei quali appartenenti ai cicli Dark (diciotto volumi), Drake Sisters (sei volumi) e Leopard (tre volumi).

Americana, Christine Feehan dichiara di aver sempre scritto in tutta la sua vita e di scrivere innanzitutto per se stessa. Creare situazioni, immagini ed emozioni con le parole lo ritiene quasi un miracolo. Oltre a scrivere le piace molto anche leggere.

L’autrice, che sino a ieri era praticamente sconosciuta in Italia, ha negli Stati Uniti un grande successo e i suoi volumi sono dei bestseller, regolarmente ai primi posti nelle classifiche di vendita.

Con il romanzo Vieni da me l’autrice crea in pratica “un mondo” e getta le basi per le storie future.

I suoi romanzi sono un mix ben calibrato di storie di amore, azione e fantascienza con personaggi vivi e vibranti. Preferisce scrivere storie in cui le protagoniste sono donne che magari sono in situazioni pericolose e vengono “salvate” da un “lui” forte e vigoroso ma, a differenza delle classiche damigelle svenevoli, le donne della Feehan sono forti nelle loro decisioni e cedono il passo solo al loro uomo.

Luna di fuoco, un grande classico della fantascienza italiana

Viene riproposto nella collana Odissea Digital Fantascienza il secondo romanzo vincitore del Premio Urania, Luna...

S*, 21/05/2019

10 cose da sapere prima di vedere The Hunger Games La ragazza di fuoco

State per entrare in sala e scoprite di non ricordarvi più tutti i dettagli della storia? O siete tentati di andare...

Leo Lorusso, 27/11/2013

Fuoco nella polvere

Un fantastico viaggio verso il Giappone a bordo di uno Zeppelin in compagnia di Buffalo Bill o almeno di una sua parte.

Pino Cottogni, 23/09/2008