Batman: lo strafalcione di Repubblica e le scuse a Neil Gaiman

Il nuero 147 di Delos è dedicato a Total Recall - Atto di Forza, il remake/reboot del film di Paul Verhoeven, diretto da Len Wiseman e interpretato da Colin Farrell.


ingrandisci
Di fronte a una strage che ha colpito il mondo intero si dovrebbero ponderare le parole, soprattutto quando tra le vittime innocenti ci sono anche dei bambini. A pesare le parole dovrebbero essere prima di tutto i giornalisti che, come dire, a tale esercizio dovrebbero essere abituati. Purtroppo non è stato così per la recente strage di Denver, in Colorado, in cui un ragazzo ha sparato in una sala cinematografica alla prima del film The Dark Knight Rises, l’ultimo capitolo della saga cinematografica su Batman di Christopher Nolan.

Uno studente 24enne, James Holmes, è entrato nella sala 9 del Century 16 Movie Theatre, nel centro commerciale di Aurora a mezzanotte e 39, dopo l'inizio della proiezione, e ha sparato all’impazzata, uccidendo dodici persone, tra cui dei bambini, e ferendone oltre cinquanta.

La notizia, come è ovvio, ha fatto il giro del mondo e il quotidiano La Repubblica non ha mancato di pubblicare una corrispondenza di Angelo Aquaro.

E ora veniamo ai fatti. Ecco come Angelo Aquaro ha chiuso il suo articolo del 21 luglio: “«È orribile» dice adesso Neil Gaiman, che non è un testimone scampato al massacro: è il papà di Batman, e forse anche della follia di un fuoricorso di neuroscienze che ha macchiato di sangue perfino il sogno dei supereroi.”

Partiamo dalla cosa più futile. Aquaro scrive che Neil Gaiman, che tutti conosciamo come un grande scrittore nonché sceneggiatore di fumetti, è il papà di Batman. Ora è vero che noi appassionati di fantascienza, ma anche di fumetti, siamo abituati agli strafalcioni dei giornalisti italiani non specializzati, soprattutto quelli dei grandi quotidiani o delle televisioni, ma non ci sono davvero limiti agli stafalcioni. Prima constatazione: non stiamo parlando di un oscuro fumetto underground, ma di un’icona mondiale come Batman, nato nel 1939. È evidente che per Aquaro sia normale che il suo “papà” vada ancora in giro a rilasciare dichiarazioni. Senza contare che Gaiman è stato davvero un “mago” (o se preferite un crononauta)  a creare un personaggio a fumetti nel 1939 e a nascere nel 1960. Su Batman, lo scrittore britannico ha scritto solo una sola storia nel 2009, ma pare che basti per diventare papà. Seconda constatazione: ammettiamo anche che il giornalista Aquaro non sappia chi è Batman (difficile, visto anche che vive in America) o chi è Neil Gaiman, basta mettere uno dei due nomi in un qualsiasi motore di ricerca per ricevere una valanga di informazioni. Siamo nel Terzo Millennio, nell’era di Internet, mica all’età della pietra.

Passiamo alla cosa più grave. Scrive Aquaro, a proposito di Neil Gaiman, che è il papà di Batman: “…e forse anche della follia di un fuoricorso di neuroscienze che ha macchiato di sangue perfino il sogno dei supereroi.” Devo ammetterlo, all’inizio il mio cervello non riusciva a connettere le due cose, o meglio, forse si rifiutava. Per Aquaro vale la seguente associazione: Gaiman è il papà di Batman, Gaiman è il colpevole, morale s’intende, della strage.

Ecco che davanti ad una strage in cui, mi ripeto, delle giovani vite sono state stroncate in quello che doveva essere un momento di divertimento, certi giornalisti farebbero meglio quantomeno a rileggere ciò che hanno scritto e non si può credere che nessuno al quotidiano La Repubblica si sia accorto di una tale sciocchezza scritta da Aquaro. Insomma, stiamo parlando di uno dei quotidiani più omportanti del nostro Paese, mica di un giornaletto di paese.

Da parte sua, Neil Gaiman è stato sarcastico. Informato via twitter da un suo fan italiano dell’accaduto, ha risposto: “that's a bit mad. Personally, I blame Italian journalists for the massacre.”, ossia “È folle. Personalmente ritengo che i colpevoli del massacro siano i giornalisti italiani”.

Umberto Folena, editorialista del quotidiano L’Avvenire, ha chiesto scusa a Neil Gaiman a nome dei giornalisti italiani. Ci associamo, scusa Neil.

 

 

pagina 1 di 1 - (fine)
Autore: Carmine Treanni - Delos Science Fiction 147 - Data: 9 settembre 2012

Vota questo articolo

Voti dei lettori

6 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 E Antonella Clerici è la madre di Catwoman perchè una volta a carnevale si è vestita da gatta. Aquaro, prendi nota per il prossimo articolo. La mia considerazione è che oggi i giornali li comprano in pochi e solo una sparuta minoranza di questi li legge, perciò tizi come Aquaro possono scrivere quel che vogliono tanto i loro articoli nemmeno i loro parenti li leggeranno (solo il titolo e la firma in calce se alcuni di loro sanno ancora leggere).

» postato da (Exidor ) alle 08:07 del 09-09-2012

2 Dunque questo Gaiman che parla di Batman e' uno scrittore di fumetti, dunque sara' l' ideatore del fumetto. In fondo per quale altro motivo l' opinione di un un autore di fumetti dovrebbe essere preso in considerazione dalla stampa americana? E dire che una volta era Frank Miller ad essere considerato il papa' di Batman dalla stampa italiana... :D Ad ogni modo non credo che il valente giornalista intendesse attaccare Gaiman o Batman, ma piu' semplicemente intendesse dire che lo studente di neuroscienze fuori corso (il killer americano) ha macchiato indelebilmente l' aurea da sogno e innocenza che pervade il mondo dei super eroi. Affermazione che farebbe sorridere in ogni caso, figurarsi se riferita a Batman ...

» postato da Davide Siccardi alle 19:02 del 09-09-2012

3 bhe comprensibile: i giornalisti italiani sono abituati da anni a riportare nei loro articoli fiumi di copia/incolla a casaccio di questa o quella intercettazione/dossier altrui/blog a caso sul web oppure lunghi e soporiferi elenchi di opinioni personali. quando devono scrivere un articolo su qualcosa che non conoscono - come i fumetti, ma vale lo stesso per la scienza - oscillano tra la presuntuosa visione di se stessi come persone che tutto sanno e non devono documentarsi e l'incapacità di concepire qualcosa di diverso da ciò che considerano "cultura".

» postato da (Cristian nn) alle 22:53 del 09-09-2012

4 Attenzione però, Carmine, lo strafalcione è alla portata di tutti... rileggiti qua sopra: leggo bene che Gaiman è uno "scrittore americano"? Ma non era di Portchester (GB)? ;-)))) Cmq su tutto il resto hai straragione, basta leggere la recensione "repubblicana" della Aspesi del film di Nolan per essere travolti da una compiacente alterigia nei confronti del fumetto e di quel tipo di cinema, che certamente la dotta Natalia considera ancora scempiaggini da brufolosi... L'ho linkato anche nella mia rece del film (posthuman.it) come esempio negativo. A proposito, com'(e di chi è soprattutto) è la storia su Arkham, in edicola oggi con Panorama? Viene chiamato Cavaliere Oscuro ma dubito che sia Frank Miller, dubito anche Gaiman (!) e Grant Morrison (papà del capolavoro Arkham Asylum).... ne sapete?

» postato da (mario gazzola) alle 13:55 del 12-09-2012

5 «Attenzione però, Carmine, lo strafalcione è alla portata di tutti... rileggiti qua sopra: leggo bene che Gaiman è uno "scrittore americano"? Ma non era di Portchester (GB)? ;-))))» Abita da vent'anni nel Wisconsin e ha sposato l'artista newyorkese Amanda Palmer, ma probabilmente hai ragione, andrebbe definito britannico. S*

» postato da S* alle 18:56 del 12-09-2012

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.