Nel 1982 il geniale regista John Carpenter ci avrebbe portato in una postazione scientifica nell'antartico dove gli occupanti avrebbero fatto una scoperta che avrebbe sconvolto le loro vite per sempre con La cosa (The Thing).

Uscito nello stesso periodo di Poltergeist e Megaforce, il film precipitava fuori dalla top ten dopo tre settimane e guadagnava in totale 19,6 milioni contro un budget di quindici, non esattamente quello che la Universal avrebbe desiderato ma nemmeno il fiasco che sarebbe stato dipinto negli anni seguenti. Ora è il momento di tornare letteralmente dove tutto è iniziato.

In origine

La cosa

Sinossi

Antartico, polo magnetico terrestre. Indagando su un'anomalia magnetica una spedizione scientifica scopre il relitto di un veicolo precipitato sulla Terra venti milioni di anni prima. Nei pressi del veicolo, congelata da eoni, viene reperito il corpo di un essere alieno dall'aspetto mostruoso. Gli scienziati sono incerti su come procedere, ma sono convinti che nessuna forma di vita superiore potrebbe sopravvivere dopo essere rimasto nel ghiaccio così a lungo. Una regola che però, scopriranno, sembra valere solo per le forma di vita terrestri. 

Dal padre dell'età d'oro della fantascienza John W. Campbell, per la prima volta in ebook, un grandissimo classico della fantascienza dal quale sono stati tratti ben tre film, La cosa da un altro mondo di Christian Nyby (1951), La cosa di John Carpenter (1982) e La cosa di  Matthijs van Heijningen Jr. (2011).

L'autore

John Wood Campbell jr. (1910-1971) è stato la personalità più influente della fantascienza nell'età d'oro del genere. Come direttore della rivista Astounding (in seguito Analog) ha lanciato autori come Isaac Asimov, Robert Heinlein, A.E. van Vogt e innumerevoli altri. Campbell ha dedicato la vita al lavoro di editor, rinunciando a una carriera di scrittore nella quale aveva mostrato doti eccellenti in particolare con i cicli di Isole nello spazio e di Aarn Munro. Tra le ultime cose pubblicate come scrittore, prima di prendere la direzione di Astounding, il romanzo breve Who Goes There? (La cosa) del  1938 dal quale sono stati tratti diversi film.

John W. Campbell, jr, La cosa (Who Goes There?), ciclo: La cosa, traduzione: Marco Crosa, Delos Digital, Robotica 10, isbn: 9788867752171, ebook formato kindle (su Amazon.it) o epub (sugli altri store) con social drm (watermark) dove disponibile , Euro 2,99 iva inclusa

Ebook disponibile

Acquistalo subito su uno dei seguenti negozi online:

Il celebrato autore John W. Campbell Jr. pubblicava per la prima volta il racconto Who Goes There? nel 1938 sulla rivista Astounding Science Fiction (da lui stessi diretta) sotto lo pseudonimo di Don A. Stuart. Da noi sarebbe arrivato per la prima volta nel 1953 con il titolo La "cosa" da un altro mondo, Urania n.4, per poi avere altre cinque edizioni, l'ultima delle quali nel 1996 all'interno della raccolta Quando gli alieni invasero la Terra, Grandi opere Nord, fino all'ebook del 2014 che potete scoprire qui sopra.

Il plot del racconto, fatte le dovute differenze rispetto al periodo storico, non si discosta molto da quanto realizzato da Carpenter: nell'antartico un gruppo di scienziati isolati dal mondo a causa di un inverno che sta per finire scopre un'astronave seppellita nel ghiaccio, precipitata venti milioni di anni fa. Nel tentativo di aprirla la fanno inavvertitamente esplodere, ma riescono a recuperare il cadavere del pilota alieno, che sembrava stare cercando una fonte di calore prima di congelarsi. Come saprete, si rivelerà meno morto di quanto inizialmente immaginato dai protagonisti.

La versione estesa 

Nel 2018 si scopriva all'interno di una scatola di manoscritti che l'autore aveva mandato ad Harvard che Who Goes There? era solo la versione abbreviata di un romanzo lungo intitolato Frozen Hell, con tanto di inizio completamente diverso. Tramite una campagna su Kickstarter veniva raggiunto il budget necessario a realizzare l'ebook prima e la versione cartacea poi, inedita al momento da noi.

Le trasposizioni cinematografiche

Prima di Carpenter ci aveva pensato Christian Nyby nel 1951 con La cosa da un altro mondo (The Thing from Another World), dove però si ispiravano liberamente al racconto originale, mentre nel 2011 veniva realizzato un prequel dove si raccontava del destino della spedizione norvegese che per prima aveva trovato l'astronave. Il film intitolato con molta originalità La cosa (The Thing), vedeva tra i protagonisti Mary Elizabeth Winstead (Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn) come una novella Ellen Ripley e Joel Edgerton (Bright su Netflix, irriconoscibile con la maschera da orco). Il film incassava 27,43 milioni nel mondo a fronte di un budget di trentotto e malgrado tramite dvd e blu-ray aggiungesse altri dieci milioni, quello che nelle intenzioni della Universal doveva essere l'inizio di un franchise si arenò, ma almeno l'ultima scena andava a collegarsi direttamente con l'inizio del film di Carpenter.

Oggi

Poco tempo fa avevamo riportato dell'accordo tra la Universal e la Blumhouse di Jason Blum per riportare in vita il fallito Dark Universe usando lo stile della suddetta casa di produzione: film a budget contenuto (tra i quindici e i quaranta milioni di dollari) e fortemente improntati all'horror, come è il caso del prossimo L'uomo invisibile con Elisabeth Moss (The Handmaid's Tale). Ora le due case di produzione hanno intenzione di riportare sul grande schermo l'opera di Campbell, ma rifacendosi proprio a Frozen Hell e nelle intenzioni rimanendo più fedeli all'originale.

La notizia era stata postata ufficialmente su Facebook con un comunicato poi cancellato dal produttore Alan Donnes e riportata da Screen Rant:

È ufficiale! Ho ricevuto il contratto firmato e il primo assegno! Sono il produttore esecutivo del remake di La cosa ma con i capitoli aggiuntivi del romanzo originale Frozen Hell, che era andato perso per decenni. Ora per la prima volta, l'intera visione originale di Campbell verrà trasposta per il grande schermo e includerà le parti migliori dei due film del 1951 e del 1982, nonché sia il racconto breve che il romanzo. 

Non ci sono ancora date ufficiali per l'arrivo nelle sale, ma voi che ne dite, è il momento di dare una chance al romanzo originale di John W. Campbell Jr.?