Teorizzati già nel 1783 dallo scienziato inglese John Michell, i buchi neri sono uno degli oggetti più misteriosi e affascinanti tra il bizzarro bestiario dell'universo. Per la fantascienza, il confine senza ritorno dell'orizzonte degli eventi ha sempre costituito una sfida invitante, numerose opere sono state dedicate a questi avidi e invisibili abitatori delle profondità siderali.

Scorciatoie per viaggi interstellari o temporali, porte d'ingresso per universi paralleli, trappole senza via d'uscita o sicuri rifugi, fine ultima o creatori dell'universo, tante le ipotesi degli scrittori. Ma anche gli scienziati non si sono tirati indietro.

L'idea che un buco nero fosse un passaggio per un altro universo è del fisico Stephen Hawking, che in seguito cambiò idea. Amos Ori e Yakir Aharonov dell'università di Tel Aviv hanno teorizzato la creazione di una macchina del tempo utilizzando un buco nero appositamente costruito, mentre il concetto di "wormhole" è nato dalle menti di Michael Morris e Ulvi Yurtsever a seguito della richiesta dell'astronomo Carl Sagan, al quale serviva un congegno narrativo che permettesse rapidi viaggi tra le stelle, un intreccio tra letteratura e scienza davvero intrigante.

Le ricerche su questi oggetti di confine tra scienza e fantascienza si susseguono. Il telescopio orbitante WISE (Wide-field Infrared Survey) ha recentemente scoperto la presenza di due milioni e mezzo di buchi neri, il triplo di quelli scoperti finora. Una scoperta del genere ha interessanti implicazioni. La massa concentrata nei buchi neri è enorme, e scoprire che questi oggetti spaziali sono molto più comuni di quanto si pensasse potrebbe fare la differenza tra il Big Freeze e il Big Crunch.

La Cina e Larry Niven in due antologie

Libri in uscita sul mercato anglosassone e che forse, un domani, potremmo leggere anche nel nostro Paese. O magari...

Redazione, 28/02/2019

L'universo senza Stephen Hawking

Lo studio dei buchi neri, l'intuizione della radiazione Hawking, il grande contributo alla teoria del big bang. Ed...

S*, 14/03/2018

Dall'Arrival di Ted Chiang a Larry Niven, fantascienza cinematografica sempre più letteraria

Dopo gli alieni di Arrival, è giunto il momento dell'ultima notte di vita per gli abitanti del nostro...

Leo Lorusso, 27/01/2017