Un manipolo di agguerriti fan di Star Trek salverà il mondo dagli zombie. Quirk Books, casa editrice americana decisa a sfruttare fino in fondo il successo dei mash-up (incrocio fra due generi generalmente ritenuti incompatibili, almeno fino a oggi), ritorna con Night of the Living Trekkies, romanzo demenzial-horror-sci-fi ambientato in una convention fantascientifica.

Scritto da Kevin D. Anderson (al suo esordio, qualche precedente con racconti horror) con Sam Stall (autore di testi curiosi come 100 Cats Who Changed Civilization: History’s Most Influential Felines), il romanzo promette soprattutto di far ridere, essendo imbottito di “centinaia” di riferimenti a Star Trek, Star Wars e fumetti vari non meglio precisati. Si racconta la storia di un manipolo di fan costretto a difendersi da un’improvvisa epidemia di morti viventi. Le loro inutili nozioni sulla fisica e sui vecchi episodi di Star Trek trovano improvvisamente applicazione nel mondo reale...

Riusciranno davvero a strappare un sorriso? Alla Quirk ne sono certi, visti i pregressi: il botto l’ha fatto Pride and Prejudice and Zombies, opera scritta a “quattro mani” da Jane Austen e Seth Grahame-Smith (in arrivo un film con Natalie Portman, in Italia il romanzo è pubblicato da Editrice Nord), a cui sono seguiti il prequel Pride and Prejudice and Zombies: Dawn of the Dreadfuls e altre due chicche come Sense and Sense and Sensibility and Sea Monsters e Android Karenina. Ce la farà Night of the Living Trekkies a tenere alta la bandiera? O la moda si sta già sgonfiando? Staremo a vedere. Intanto, ecco il book trailer. Buona visione.

È morto Leonard Nimoy

L'amato attore di Star Trek era ricoverato per una crisi respiratoria. Era affetto da anni da broncopneumopatia...

S*, 27/02/2015

Matt Smith e il Paziente Zero

L'ex undicesimo Dottore entra nel cast di un nuovo sci-fi thriller a base di zombie, a fianco di Natalie Dormer.

Maurizio Del Santo, 25/11/2014

Zombies vs Robots diventa un film

Il sogno di ogni nerd si avvera, ecco arrivare un film in cui di umani non c'è nemmeno l'ombra, o quasi.

Leo Lorusso, 10/03/2011