Qual è stata l'origine di Battlestar Galactica, fortunato remake della serie omonima degli anni ottanta che ha regalato al suo ideatore, Ronald D. Moore, fama e successo? È lo stesso Moore a rivelarlo dopo alcuni anni, e in realtà non è una grande sorpresa. Ebbene, uno dei telefilm sci-fi di maggior qualità degli ultimi anni deve la sua nascita a un altro popolarissimo serial, parte di una saga ultraquarantennale: parliamo di Star Trek: Deep Space Nine, terza incarnazione televisiva del mito Star Trek dopo la serie originale (TOS) e la ripresa degli anni novanta (TNG).

Di recente Moore ha rilasciato un'intervista al sito britannico Heyuguys.co.uk, poi ripresa e rilanciata dal noto sito specializzato TrekMovie.com. In questa intervista Moore ripercorre un po' la sua carriera di autore e produttore televisivo, iniziata negli anni novanta proprio lavorando per il franchise di Star Trek: diciassette episodi di TNG, trenta di DS9, due di Voyager più la partecipazione a due dei dieci film (Generazioni e Primo Contatto). È proprio durante la stesura delle sceneggiature della serie che Moore ha assimilato e apprezzato la struttura e la tipologia di show che stavano scrivendo, portando poi la sua esperienza in Galactica.

"Ritengo che gran parte di Battlestar sia nata da Deep Space Nine - ha detto Moore - nel momento in cui Deep Space, partita come serie episodica a causa della natura dello show, ha poi preso una struttura molto più serializzata. Mi piaceva, e mi piaceva moltissimo lo stile di narrazione, soprattutto negli ultimi anni della produzione, quando abbiamo introdotto la Guerra del Dominio. Stavamo molto a discutere e ragionare sul modo di inserire nel mondo Trek una guerra che fosse più realistica, quindi con toni più cupi e duri; aggiungendo ambiguità ai personaggi, lavorando di più sulle caratteristiche, ho finito per scontrarmi contro la struttura del mondo Trek. Alla fine non siamo riusciti a fare in modo che lo show fosse proprio come lo volevamo, e questo per me è stato molto frustrante, dovermi limitare a dire: beh, almeno avevamo buone intenzioni. Questi pensieri mi sono rimasti in testa, così quando ho iniziato a lavorare a Battlestar, ho avuto la possibilità di fare finalmente tutto quello che in Deep Space non ero riuscito a fare."

Moore si è poi dilungato sulle differenze pratiche tra le serie, che consistevano ovviamente nel fatto che su Galactica e sul suo spin off Caprica, ha avuto molto più controllo sul progetto, mentre nel mondo Trek era stato costretto a inserirsi su una linea ben precisa. In effetti DS9 è forse la più dark tra le varie serie trekkiane, meno positiva e più "cattiva", riflettendo pertanto la personalità di Moore. Tanto che alcuni fan si sono divertiti a unire idealmente le due serie, con un video amatoriale che proponiamo qui sotto e che fa un certo effetto.

Lo schermo LGBTQ. Dentro, e fuori, la fantascienza

Da Star Trek: The Next Generation a Caprica: i personaggi LGBTQ nelle serie TV di fantascienza.

Roberto Taddeucci, 15/05/2022

Ronald D. Moore, perché Star Trek non è adatta al grande schermo

Per Moore il cinema trasforma Star Trek in qualcosa che non è, un grande spettacolo senza...

Leo Lorusso, 25/02/2021

What We Left Behind: il documentario su Star Trek: Deep Space Nine

Deep Space Nine è una delle serie di Star Trek che negli ultimi anni ha visto un rinnovato...

Leo Lorusso, 10/04/2019