Wolfman

HORROR, Wolfman, Usa, 2010 - regia di Joe Johnston - scritto da Andrew Kevin Walker, David Self - con Benicio Del Toro, Anthony Hopkins, Emily Blunt, Hugo Weaving, Art Malik - durata: 105 minuti - distribuito da Universal Pictures - giudizio: ottimo

Estremamente fedele allo spirito e alle atmosfere dell'originale omonimo del 1941 intepretato con trucco patetico, ma tanta buona volontà da Lon Chaney Jr, Wolfman risulta sorprendentemente libero di fornire un'insperata connotazione psicologica a un film horror prodotto nel ventunesimo secolo da una major hollywoodiana.

In questo senso, Wolfman deve grandissima parte della sua riuscita al talento dei due sceneggiatori coinvolti: Andrew Kevin Walker (Il Mistero di Sleepy Hollow, 8MM, Seven) e David Self (Thirteen Days, Era Mio Padre).

A questi due veri e propri geni della scrittura cinematografica viene affiancato un regista dall'enorme talento visivo come Joe Johnston che prima di Capitan America cui sta lavorando attualmente, ha diretto l'indimenticabile Cielo D'Ottobre e i meno interessanti, se non addirittura trascurabili Jurassic Park III e Hidalgo.

 

Wolfman, quindi, unisce una sensibilità e un'estetica molto classiche da film Hammer (semplicemente meravigliosa la fotografia desaturata di Shelly Johnson che richiama il bianco e nero) a uno spirito postmoderno in grado di creare un gioco di rimandi continui tra la tragedia greca, Shakespeare e il lavoro di Sigmund Freud, mettendo in scena una sorta di violenta rilettura del complesso di Edipo.

Tutto questo nel contesto dinamico e adrenalinico di un film horror pieno di colpi di scena ed emozioni, impreziosito da dialoghi eleganti e raffinati interpretati con eleganza da Sir Anthony Hopkins, una sensuale Emily Blunt, un ambiguo Benicio del Toro e un — come sempre — sarcastico Hugo Weaving.

 

Intelligente e divertente, Wolfman, pur lasciando aperta discretamente la porta alla possibilità di una franchise, è una pellicola compiuta che prova, sin da subito, a fuorviare lo spettatore in direzione di cose che non accadono e di indizi più o meno volutamente errati rispetto a quello che sarà il finale.

La storia, infatti, che vede un nobile inglese tornare alla casa paterna dopo un lungo esilio, richiamato dalle richieste della fidanzata del fratello scomparso, offre spunto per una serie di interpretazioni psicologiche estremamente interessanti e stimolanti.

Brillante e in alcuni momenti, perfino divertente, Wolfman è un film da amare per la sua straordinaria capacità di unire classico e moderno, per un uso intelligente ed estensivo degli effetti visivi, per il suo sapere essere essenziale, in un contesto visivo e narrativo sofisticato e meraviglioso.

Nessuna forzatura e tantomeno nessuna ridondanza connotano questa trama che gioca anche su continui rimandi rispetto a quello che lo spettatore sa oppure ritiene di sapere rispetto alla licantropia e alla Londra vittoriana.

Un remake unico nel suo genere che riesce ad andare molto oltre l'altrimenti asfittico e generalmente cafone panorama delle produzioni hollywoodiane legate all'horror.

Un film da non perdere per chi ama il cinema di genere, ma anche per chi, al cinema, adora essere sorpreso da una narrazione ineccepile ed elegante.

Autore: Marco Spagnoli - Data: 18 febbraio 2010

Notizie correlate

Recensioni di altri film di Joe Johnston

Wolfman: dai il tuo voto

Voti dei lettori

10 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

10 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Mah, Hidalgo addirittura trascurabile, suvvia

» postato da achernar alle 07:51 del 18-02-2010

2 Non dimentichiamo che l'uomo lupo fu il vero primo serial cinematografico di massa: cinque film uno dietro l'altro che salvarono temporaneamente la Universal. Ciò garantisce che ne faranno almeno una ventina, di sequel. Senza contare i prequel. È vero, il trucco di Lon Chaney Jr. era patetico (anche lui) ma fu mostruosamente innovativo, per l'epoca.

» postato da CobbAnderson alle 10:13 del 18-02-2010

3 Nel testo dell'articolo è scritto Chanet, sarebbe da correggere :wink:

» postato da Il Castiglio alle 20:18 del 18-02-2010

4 Data la pochezza di tanti attori ggggiovani, Anthony Hopkins resta una garanzia sempre.

» postato da Adm.Adama alle 21:53 del 18-02-2010

5 typo corretto, grazie.

» postato da S* alle 22:27 del 18-02-2010

6 Personalmente ritengo wolfman uno dei peggiori film mai visti in vita mia, gli effetti speciali (fatta eccezione per la trasformazione da uomo a lupo, quella veramente ben fatta) facevano pena, la lotta tra i due uomini lupo era esilarante; questi due personaggi che levitavano e si "abbracciavano" in volo; la storia scontata e banale, in una scala da 1 a 10 il mio voto è 4,5

» postato da (Lawliet903 oedì) alle 16:43 del 21-02-2010

7 quoto completamente Lawliet903 film Horrendo!

» postato da (Progetto2501 ) alle 11:35 del 22-02-2010

8 lo vedrò domani sera, finora si presenta bene.

» postato da Technomancer alle 12:17 del 22-02-2010

9 Film deludente... trama scontatissima (anche per chi non ha mai visto il vecchio film o letto la storia originale), alcune scelte di sceneggiatura incomprensibili, a meno che non abbiano voluto far passare la Scotland Yard dell'epoca come un'accozzagliai di idioti... Benicio del Toro sfoggia al massimo 2 espressioni facciali, anche Hopkins si limita a fare "l'Hopkins", niente di più, film davvero trascurabile.

» postato da (Lee Kelso) alle 15:55 del 07-03-2010

10 Film brutto che rischia di farti addormentare. Belle fotografie, ma per i quadri esistono i musei. Peccato, ma d'altronde sono davvero pochi i remake riusciti.

» postato da francesco spagnuolo alle 09:03 del 13-03-2010

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.