Lucca Comics And Games

Profumo - Storia di un assassino

THRILLER, Perfume - The Story of a Murderer, Germania - Uk, 2006 - regia di Tom Tykwer - scritto da Andrew Birkin & Bernd Eichinger - con Dustin Hoffman, Ben Whishaw, Alan Rickman, Rachel Hurd-Wood, Dora Romano - durata: 142 minuti - distribuito da Medusa - giudizio: ottimo

Jean-Baptiste Grenouille possiede un dono: una capacità olfattiva unica che gli permette di riconoscere le differenze più minime e intime tra gli aromi che lo circondano. Dopo un'adolescenza passata tra un orfanotrofio e una conceria di pelli, per un caso fortuito riesce a diventare l'apprendista di un profumiere dal passato glorioso. Grazie all'abilità del giovane il negozio torna a fiorire, ma Jean-Baptiste inizia a sviluppare l'ossessione che lo accompagnerà per sempre: ottenere l'essenza assoluta in grado di restituirgli quell'amore che non ha mai avuto.

Dopo film molto originali e interessanti come Lola Corre e Heaven, il regista Tom Tykwer porta sullo schermo il celeberrimo romanzo di Patrick Suskind in una pellicola visivamene geniale ed emotivamente sorprendente.

Un thrilller in cui l'ossessione per la ricerca della perfezione mostra la sua inquietante fenomenologia sullo sfondo di una Francia prerivoluzionaria fatta di sporcizia e di sopraffazione. In questo contesto si muove il protagonista: fanatico, ossesso, assassino, disperato. Un uomo pronto a tutto pur di dare compimento alla sua ricerca e dimostrare a se stesso e al mondo la forza della propria intuizione. Un film inquietante in cui l'assenza assoluta di sentimenti che circonda Jean-Baptiste dalla sua nascita, finisce per diventare una sorta di bolla entro cui il protagonista scivola fino alla distruzione.

Interpretato in maniera straordinaria da Ben Whishaw, il personaggio del romanzo assume i connotati di un essere apparentemente invincibile che con intelligenza e lucidità non si ferma davanti a nulla pur di raggiungere il suo scopo. In questo senso l'andamento del film ha qualcosa di profondamente terrorizzante e — al tempo stesso — paradossalmente sublime. Dal fango della Parigi del diciottesimo secolo, sorge la luminosa possibilità di combinare gli elementi per dare vita a essenze dalla fragranza paradisiaca. In quell'era affossata dalla sporcizia di città maleodoranti, il profumo non è solo un lusso, ma soprattutto un viatico dal peso della propria esistenza, una droga in grado di offrire un presente in cui l'olfatto viene liberato — almeno per un po' — dal putridume di un regno in decomposizione.

Jean-Baptiste prima di essere un assassino è quindi, soprattutto, un artista capace di fare qualcosa che nessuno ha osato tentare prima, perseguendo una scienza sperimentale tipica dell'epoca e avvicinandolo più al grado di un intellettuale che abbassandolo al ruolo di uno spietato depravato. La scienza, però, serve soprattutto a migliorare la vita delle persone e Jean-Baptiste si trova dinanzi al sospetto che potrà tentare di salvare tutti dall'oblio olfattivo, tranne se stesso. Scaltro manipolatore l'uomo arriva perfino ad essere in grado di controllare le emozioni altrui.

Sensuale ed elegante, addolorata e volutamente rivoltante, la storia di Profumo è restituta in maniera brillante dal regista che rimanendo fedele allo spirito e — sopratutto — alle inquietudini del romanzo, trasporta lo spettatore in un'altra dimensione, laddove — anche chi ha letto il libro — si troverà colto alla sprovvista. Tykwer, infatti, insiste molto sull'elemento visivo che oltre a restituire il gioco olfattivo alla base del film conduce lo spettatore in una dimensione dove tutti i sensi sono in allarme. Interessante e originale, Profumo è espressione di un cinema nuovo in cui il talento e la sensibilità di un autore si combina — come un'essenza pregiata — con una storia cupa ed ossessiva figlia delle suggestioni del thriller e non priva di alcune eco dell'horror più classico.

Autore: Marco Spagnoli - Data: 23 settembre 2006

Notizie correlate

Profumo - Storia di un assassino: dai il tuo voto

Voti dei lettori

1 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

1 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 L'unico commento che mi sento di fare a proposito del film "Profumo" riguarda la recensione di Marco Spagnoli da un punto di vista meramente grammaticale. Leggere una frase che recita "permette di riconoscere le differenze più minime" è ben più spaventoso di alcune truculente scente del film.

» postato da Valentina Calzia alle 16:32 del 04-10-2006

2 Il libro lo adoro. Mi auguro che il film abbia anche solo una piccola parte della bellezza del libro.

» postato da Ommadawn alle 20:38 del 04-10-2006

3 il film è ben riuscito. ciò che mi ha colpito è che, nonostante l'allestimento storico-ambientale estremamente verosimile, in contrasto violento con la trama assolutamente fantascientifica, il film rende più il sogno che la realtà, disvelando per immagini l'idea e il significato di un senso trascurato eppure così potente. uno dei pochi film le cui immagini mi siano tornate in sogno di notte.

» postato da hwi noree alle 21:43 del 04-10-2006

4 a me il libro non era piaciuto...

» postato da Jirel alle 14:07 del 05-10-2006

5 a me il film incuriosisce parecchio, ma prima vorrei leggere il libro! le recensioni che ho letto qua e la del film non mi son sembrate troppo entusiastiche, poichè si accusa il regista di aver snaturato il senso del libro! Ciauzzzzzz

» postato da cateye10 alle 16:45 del 05-10-2006

6 davvero bello libro, anche se contiene una falla piuttosto grossa (*). (*) <spoiler>il protagonista (di cui ora mi sfugge il nome) è come tutti sappiamo uno con l'olfatto incredibile e quindi ha la fissa per gli odori, ma non è minimamente interessato di cibi. il che è un'incongruenza, poichè i sapori si sentono col naso, non con la lingua, e quindi lui dovrebbe essere interessatissimo agli aspetti culinarii. :roll:<fine spoiler>

» postato da jonny lexington alle 17:34 del 05-10-2006

7 magari è a dieta...

» postato da Zakalwe alle 17:45 del 05-10-2006

8 «magari è a dieta...» magari ha le papille gustative che gli fanno contatto con il naso!!! Ciauzzzzzzzzzz

» postato da cateye10 alle 17:52 del 05-10-2006

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.