Conan il Barbaro 3D

FANTASY, Conan the Barbarian 3D, Usa, 2011 - regia di Marcus Nispel - scritto da Thomas Dean Donnelly, Joshua Oppenheimer e Sean Hood - con Jason Momoa,
Stephen Lang,
Rachel Nichols,
Ron Perlman,
Rose McGowan - durata: 112 minuti - distribuito da 01 Distribution - giudizio: mediocre

E' sempre molto difficile offrire una valutazione onesta del reboot di una franchise, perché è sempre in agguato il pericolo che la preferenza per un film del passato o l'effetto nostalgia limitino le possibilità di una valutazione più 'fresca' e senza pregiudizi.

Soprattutto quando il remake in questione è legato ad una serie di titoli "iconici" e di grande valore come quelli interpretati ormai trenta anni fa da Arnold Schwarzenegger che, alle loro spalle, avevano il talento creativo di John Milius, di Oliver Stone e — ovviamente — del nostro, grande Dino De Laurentiis.

Un allineamento di astri e di talenti sensibilmente assente in questo film violentissimo, grottesco, banale, con donne che sembrano modelle di Victoria's Secret in topless e vestite di pellicci.

 

Il problema è che Conan il Barbaro 3D  è soprattutto molto noioso.

 

Hollywood, nel corso degli anni, ci ha abituato ad un involgarimento di certe storie e di alcune modalità di racconto: Conan, produzione dove gli Europei hanno grande peso, prende l'immaginario di Robert E. Howard e ne trae ispirazione per battaglie e barbarie senza fine, ma soprattutto, senza un afflato che convinca davvero lo spettatore che quanto vede sullo schermo abbia un senso.

L'impressione generale che si ha guardando a questo Conan è la stessa che si potrebbe ricavare dinanzi ad un videogioco molto spettacolare di cui non capiamo bene il senso narrativo e, soprattutto, di cui non riusciamo a trovare "i comandi" per immedesimarci. 

Lo spettatore non viene mai coinvolto nella narrazione, perché a parte i momenti di violenza più trucidi (il padre deve ammazzare la madre di Conan per farla partorire dopo che è stata ferita gravemente dai nemici, Conan deve 'bruciare' il papà per motivazioni di carattere pratico bellico...) l'arma più letale del film è la sua trama meccanica, interpretata da un cast in cui manca una vera amalgama e in cui è assente il fascino epico e carismatico della narrazione epica alla Stone e alla Milius.

Alla fine per Conan il Barbaro 3D diventa sempre più forte il sospetto essere un film non riuscito di per sé che, in più, soffre anche lo sfavorevole paragone con una pellicola che per quanto imperfetta resta senza dubbio un classico del cinema di genere.

 

Il più lontano possibile, dunque, dai pregiudizi derivanti dal passato, questo film è un tentativo dove l'interesse è più legato al progetto in sé che al suo reale valore inficiato da una sceneggiatura dove ad un elemento spettacolare non corrisponde un vero piano di coinvolgimento emotivo del pubblico.

Non è un problema di 'aridatece Arnold' e basta: la questione è che per affrontare certe storie e certi film andrebbero riviste e considerate alcune rilevanti priorità narrative, rispetto a quanto si vede sullo schermo, spesso, con le mani sugli occhi per una violenza francamente eccessiva.

Autore: Marco Spagnoli - Data: 18 agosto 2011

Notizie correlate

Conan il Barbaro 3D: dai il tuo voto

Voti dei lettori

23 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

22 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Me l'aspettavo :(

» postato da Sergio Donato alle 09:27 del 18-08-2011

2 Bah, recensione banale e poco accurata, se la gioca in 10 righe e spara una stella cosi', a caso, senza motivazioni... la recensione, quella si', davvero mediocre...

» postato da (matteo giunti) alle 14:42 del 18-08-2011

3 La recensione mi sembra scritta con pertinenza. Ho l'impressione che non sia colpa del recensore se i contenuti da valutare siano riassumibili in cosi poco spazio :roll: Bella grazia che si prende anche il dovuto spazio per fare un discorso di discernimento su come prendere il concetto di "reboot" per questa nuova versione di Conan... Ho letto altre recensioni di questo Conan the barbarian. Alcune anche tiepidamente positive, non credere. Ma in effetti su una cosa si assomigliano tutte: la brevità. Perchè anche quelli che lo reputano discreto, hanno davvero poco di cui discutere...

» postato da Darklight alle 19:40 del 18-08-2011

4 Un dubbio dal sapore di provocazione: perché il film viene analizzato come un remake e non come un'opera a se stante? I confronti fra l'originale e il remake hanno senso quando esiste effettivamente un originale. Ma Conan non è stato inventato né da John Milius né da Oliver Stone né, tantomeno, da Arnold Schwarzenegger...

» postato da SeanMacMalcom alle 21:06 del 18-08-2011

5 «Un dubbio dal sapore di provocazione: perché il film viene analizzato come un remake e non come un'opera a se stante?» Così a tentoni, direi che è perché il recensore, come molti altri, ha visto solo il film con Schwarzenegger, senza aver mai letto i romanzi di Howard. :wink:

» postato da Lord of Chaos alle 22:22 del 18-08-2011

6 ««Un dubbio dal sapore di provocazione: perché il film viene analizzato come un remake e non come un'opera a se stante?» Così a tentoni, direi che è perché il recensore, come molti altri, ha visto solo il film con Schwarzenegger, senza aver mai letto i romanzi di Howard. :wink:» Sigh... :cry: :cry: :cry:

» postato da SeanMacMalcom alle 07:27 del 19-08-2011

7 In effetti visto come opera a sé stante è solo un film brutto e noioso. Mi chiedo tuttavia come fare a ignorare l'opera di Milius, e se lo deve essere chiesto anche Nispel, visto che anche lui descrive l'infanzia di Conan e ne segue il percorso di vendetta. Le opere di Howard le ho lette, e non mi risulta che si parli dell'infanzia di Conan, e nemmeno dei suoi genitori, il barbaro nasce durante una battaglia e riceve il suo battesimo del fuoco a 15 anni, combattendo contro Aquilonia, null'altro viene detto sui suoi primi anni. Lo vediamo come ladro, poi pirato, infine conquistatore e re, questo dice Howard di Conan. Il film di Milius si distacca da questa sequenza, lo stesso fa Conan 3D, quindi è un remake in pieno, e come tale naufraga miseramente, seppure in un tripudio di effetti speciali..

» postato da Anacho alle 10:30 del 19-08-2011

8 Domenica c'è caso che lo vada a vedere. Perchè nonostante le stroncature qua e là, mi incuriosisce sempre vedere la resa del mondo Hyboriano e di Conan. Certo che Nispel è davvero pessimo come regista.... Mah, vedrò.

» postato da Darklight alle 12:28 del 20-08-2011

9 ...di solito ho gusti differenti da Marco Spagnoli ma in questo caso non posso che concordare con una recensione, considerata la qualità del film, anche eccessivamente esplicativa... :wink:

» postato da Zakalwe alle 12:57 del 24-08-2011

10 L' ho visto ieri sera in 2D ovviamente. Lo ritengo un film molto brutto, con una violenza talmente gratuita e cafona da risultare una parodia del genere stesso, e non và affatto bene; per quello c'è il ReScorpione che almeno ne è consapevole. E' chiaro che il mio è un giudizio assolutamente soggettivo e volendo cimentarmi in un paragone con alcuni film di puro intrattenimento preferisco di gran lunga la regia di McTiernan del -13°Guerriero-, dello Snyder di -300-, quella di Neal Marshall in -Centurion-. Non mi permetto di scomodare Milius perchè siamo su ben altri pianeti.

» postato da ryoma alle 10:03 del 26-08-2011

11 Concordo e voglio aggiungere qualche dettaglio in quanto il "Conan il barbaro" dell'82 è uno dei miei film preferiti che ho visto almeno 50 volte. Tanto per cominciare j.Momoa non centra nulla con Conan. Conan è un cimmerio, un uomo del nord, glielo ripetono più volte nel film, e, per quanto Momoa abbia un fisico possente non ha lineamenti nordici (e poi diciamolo... non è grosso come Arnold ;-)). Conan e i cimmeri in questo film parlano troppo, conan è un personaggio da emozioni profonde non parla se non è necessario: lui agisce. non piange e non ti dice che ti vuole bene ma si sacrifica per te deve farlo, non ti dice che ti odia ma ti infilza con la spada. E le poche volte che parla è poesia. Il conan originale è determinato, che sceglie la via più breve per uccidere il nemico, ama combattere così come un calciatore ama il pallone e la vendetta è lo scopo della sua vita semplicemente perchè "tu hai fatto questo a me io faccio questo a te". Il personaggio di questo film è un violento e un frustrato, un sadico. Il Conan originale aveva i tratti dell'animale feroce, che dimentica le parole ma non i fatti, e fa giustizia in silenzio. Non è l'eroe d'azione che prima di ammazzarti ti deve dire la frase ad effetto. Non voglio fare paragoni con i cattivi, ci sarebbe ancor più da dire. E poi le musiche, suoni troppo moderni per l'ambientazione, ci volevano più tamburi e meno "canti gregoriani". Non viene sottolineato l'aspetto solitario e maledetto della faccenda, la solitudine della steppa e dei paesaggi incontaminati di una terra di 12000 anni fa che fanno risaltare il mondo freddo, ma caldo nel cuore, del nord e il "vero" contrasto con la civiltà. Mi fermo qui perchè potrei scrivere un libro sull'argomento. Dire che il film si può vedere giusto per passare una serata al cinema e dimenticarselo, a meno che non siete fan di conan.

» postato da Reuel alle 12:09 del 26-08-2011

12 «Concordo e voglio aggiungere qualche dettaglio in quanto il "Conan il barbaro" dell'82 è uno dei miei film preferiti che ho visto almeno 50 volte. Tanto per cominciare j.Momoa non centra nulla con Conan. Conan è un cimmerio, un uomo del nord, glielo ripetono più volte nel film, e, per quanto Momoa abbia un fisico possente non ha lineamenti nordici (e poi diciamolo... non è grosso come Arnold ;-)). Conan e i cimmeri in questo film parlano troppo, conan è un personaggio da emozioni profonde non parla se non è necessario: lui agisce. non piange e non ti dice che ti vuole bene ma si sacrifica per te deve farlo, non ti dice che ti odia ma ti infilza con la spada. E le poche volte che parla è poesia. Il conan originale è determinato, che sceglie la via più breve per uccidere il nemico, ama combattere così come un calciatore ama il pallone e la vendetta è lo scopo della sua vita semplicemente perchè "tu hai fatto questo a me io faccio questo a te". Il personaggio di questo film è un violento e un frustrato, un sadico. Il Conan originale aveva i tratti dell'animale feroce, che dimentica le parole ma non i fatti, e fa giustizia in silenzio. Non è l'eroe d'azione che prima di ammazzarti ti deve dire la frase ad effetto. Non voglio fare paragoni con i cattivi, ci sarebbe ancor più da dire. E poi le musiche, suoni troppo moderni per l'ambientazione, ci volevano più tamburi e meno "canti gregoriani". Non viene sottolineato l'aspetto solitario e maledetto della faccenda, la solitudine della steppa e dei paesaggi incontaminati di una terra di 12000 anni fa che fanno risaltare il mondo freddo, ma caldo nel cuore, del nord e il "vero" contrasto con la civiltà. Mi fermo qui perchè potrei scrivere un libro sull'argomento. Dire che il film si può vedere giusto per passare una serata al cinema e dimenticarselo, a meno che non siete fan di conan. » Mah, secondo me ti conviene rileggerti Conan e rinfrescarti la memoria, perché la tua descrizione corrisponde meno di quella del film. A cominciare dal fatto che Conan non ha nulla di scandinavo (ha pelle scura e capelli neri); la Cimmeria è "a nord" ma non è mica la Svezia, è a nord di Aquilonia e se proprio vuoi confrontare il continente di Conan con quelli attuali, la Cimmeria si colloca più o meno in Algeria. S*

» postato da S* alle 15:30 del 26-08-2011

13 ««Concordo e voglio aggiungere qualche dettaglio in quanto il "Conan il barbaro" dell'82 è uno dei miei film preferiti che ho visto almeno 50 volte. Tanto per cominciare j.Momoa non centra nulla con Conan. Conan è un cimmerio, un uomo del nord, glielo ripetono più volte nel film, e, per quanto Momoa abbia un fisico possente non ha lineamenti nordici (e poi diciamolo... non è grosso come Arnold ;-)). Conan e i cimmeri in questo film parlano troppo, conan è un personaggio da emozioni profonde non parla se non è necessario: lui agisce. non piange e non ti dice che ti vuole bene ma si sacrifica per te deve farlo, non ti dice che ti odia ma ti infilza con la spada. E le poche volte che parla è poesia. Il conan originale è determinato, che sceglie la via più breve per uccidere il nemico, ama combattere così come un calciatore ama il pallone e la vendetta è lo scopo della sua vita semplicemente perchè "tu hai fatto questo a me io faccio questo a te". Il personaggio di questo film è un violento e un frustrato, un sadico. Il Conan originale aveva i tratti dell'animale feroce, che dimentica le parole ma non i fatti, e fa giustizia in silenzio. Non è l'eroe d'azione che prima di ammazzarti ti deve dire la frase ad effetto. Non voglio fare paragoni con i cattivi, ci sarebbe ancor più da dire. E poi le musiche, suoni troppo moderni per l'ambientazione, ci volevano più tamburi e meno "canti gregoriani". Non viene sottolineato l'aspetto solitario e maledetto della faccenda, la solitudine della steppa e dei paesaggi incontaminati di una terra di 12000 anni fa che fanno risaltare il mondo freddo, ma caldo nel cuore, del nord e il "vero" contrasto con la civiltà. Mi fermo qui perchè potrei scrivere un libro sull'argomento. Dire che il film si può vedere giusto per passare una serata al cinema e dimenticarselo, a meno che non siete fan di conan. » Mah, secondo me ti conviene rileggerti Conan e rinfrescarti la memoria, perché la tua descrizione corrisponde meno di quella del film. A cominciare dal fatto che Conan non ha nulla di scandinavo (ha pelle scura e capelli neri); la Cimmeria è "a nord" ma non è mica la Svezia, è a nord di Aquilonia e se proprio vuoi confrontare il continente di Conan con quelli attuali, la Cimmeria si colloca più o meno in Algeria. S*» Certo... algerino come Arnold... e poi premesso che il conan di howard è diverso da quello del film caratterialmente, la descrizione di conan è un uomo di due metri grosso, veloce con occhi azzurri (che non so quanti algerini li abbiano!!!) e capelli corvini (un tedesco più che un algerino, direi) e quando per esempio incontra la figlia dei ghiacci gli uomini che vivono più a nord rispetto a lui l'unica differenza è che hanno sono i capelli biondi... forse hai ragione... forse io ne capisco poco ma forse tu ne capisci più di john Milius e Oliver stone che hanno scelto un austriaco per fare la parte di un algerino... io qualcosa la metterei in discussione

» postato da Reuel alle 23:38 del 26-08-2011

14 Non ho visto il film (di Nispel) ma in effetti Reuel, Conan di Howard NON è come l'hai descritto tu. Quello che hai descritto è il Conan di Swarzy, che è apprezzabilissimo, ma diverso da quello del libro. Nel libro è descritto come possente, forte, ma agile e scattante e fisicamente slanciato (Conan di Swarzy NON lo è), viene descritto come un guerriero feroce sì, ma riflessivo (nel film NON lo è)... E in effetti, Howard lo descrive come un guerriero dalla fisicità molto "mediterranea", perchè la gente di Aquilonia ha i tratti del genere. Son d'accordo con S*, direi che la versione cartacea di un libro sia un pò come la matematica... :roll:

» postato da Darklight alle 01:52 del 27-08-2011

15 «Certo... algerino come Arnold... e poi premesso che il conan di howard è diverso da quello del film caratterialmente, la descrizione di conan è un uomo di due metri grosso, veloce con occhi azzurri (che non so quanti algerini li abbiano!!!) e capelli corvini (un tedesco più che un algerino, direi) e quando per esempio incontra la figlia dei ghiacci gli uomini che vivono più a nord rispetto a lui l'unica differenza è che hanno sono i capelli biondi... forse hai ragione... forse io ne capisco poco ma forse tu ne capisci più di john Milius e Oliver stone che hanno scelto un austriaco per fare la parte di un algerino... io qualcosa la metterei in discussione» 1) non mi pare di aver detto che Conan è algerino. Se vuoi favorire un'occhiata alle cartine del mondo di Conan forse capisci meglio quello che ho scritto. 2) Arnold Schwarzenegger dal mio punto di vista non ha nulla a che vedere con Conan. Il film di Milius è un bel film, ma con i libri di Howard c'entra davvero molto poco, e il personaggio è del tutto diverso sia fisicamente che caratterialmente. Leggere Howard please. S*

» postato da S* alle 08:58 del 27-08-2011

16 Milius quanto manca a questa saga. :nonso: Film semplicemente osceno. Pure le musiche. Nei Conan di Milius erano qualcosa di stupendo.

» postato da Kobol77 alle 19:24 del 27-08-2011

17 Ma da Nispel che ci si poteva aspettare? è un regista tristissimo. davvero tristissimo.

» postato da Darklight alle 02:22 del 28-08-2011

18 «Milius quanto manca a questa saga. :nonso: Film semplicemente osceno. Pure le musiche. Nei Conan di Milius erano qualcosa di stupendo.» Secondo me da Conan manca qualcuno che abbia letto Conan...

» postato da Zakalwe alle 12:17 del 28-08-2011

19 «Secondo me da Conan manca qualcuno che abbia letto Conan...» Mah, probabilmente Conan semplicemente non è del tutto adeguato per un film attuale. Conan è un selvaggio, è il mito del superuomo naturale, non corrotto dalla debolezza della civiltà. È uno che uccide perché può farlo, senza bisogno di grandi ideali, vendette o giustificazioni etiche. Tutto ciò non è esattamente adatto al pubblico del 2011. Comunque, ho visto oggi il film. Momoa non è pessimo, ma meno Conan di quanto mi aspettassi a causa dell'eccesso di sogghigno. La storia non ha né capo né coda, è pieno di "citazioni" (o di "omaggi", come volete chiamarli: scopiazzature da altri film) come la corsa con le uova (da Rapa nui), qualche errore di montaggio, poche idee. Il 3D è poco visibile ma non fastidioso. Doppiaggio fastidioso e voci inadatte, inoltre odio sentir dire "cimmerio" invece di "cimmero". S*

» postato da S* alle 22:44 del 28-08-2011

20 «Doppiaggio fastidioso e voci inadatte, inoltre odio sentir dire "cimmerio" invece di "cimmero".» questo ha dato fastidio anche a me...

» postato da Zakalwe alle 23:34 del 28-08-2011

21 « Mah, secondo me ti conviene rileggerti Conan e rinfrescarti la memoria, perché la tua descrizione corrisponde meno di quella del film. A cominciare dal fatto che Conan non ha nulla di scandinavo (ha pelle scura e capelli neri); la Cimmeria è "a nord" ma non è mica la Svezia, è a nord di Aquilonia e se proprio vuoi confrontare il continente di Conan con quelli attuali, la Cimmeria si colloca più o meno in Algeria. S*» In tutte le cartine dell'Era Hyboriana che ho visto finora la Cimmeria si trova appena a sud di Asgard e Vanaheim, che dai nomi sembrerebbero voler corrispondere ai territori degli antenati degli odierni scandinavi. Credo piuttosto che la Stygia si trovi all'altezza dell'Algeria, ed è molto più a sud.

» postato da AKKA alle 23:55 del 28-08-2011

22 Il paradosso è che Momoa era più Conan in "Game of Thrones" nella parte del capotribù Dothraki che in questo misero film.

» postato da Kobol77 alle 12:04 del 29-08-2011

23 «Il paradosso è che Momoa era più Conan in "Game of Thrones" nella parte del capotribù Dothraki che in questo misero film.» Vero? Infatti è stato vedendolo lì che ho pensato che sarebbe stato un ottimo Conan. S*

» postato da S* alle 16:20 del 29-08-2011

24 Io questo film l'ho trovato semplicemente divertente. All'ingresso del cinema dove ho visto il film, da un lato della locandina di Conan vi era esposta quella di Green lantern e dall'atra parte quella di Capitan america e alla fine (complice una rassegnazione dei tempi odierni) non ho fatto altro che adattarmi a ciò che poteva essere rappresentato come film su conan il barbaro e alla spontaneità della visione di un film del genere e mi son lasciato trasportare dai miei ahimè 40 anni. Pensate che son riuscito pure a trovare interessante anche Solomon Kane, il mio personaggio preferito creato da Howard. :)

» postato da (Francesco x) alle 18:27 del 29-08-2011

25 «In tutte le cartine dell'Era Hyboriana che ho visto finora la Cimmeria si trova appena a sud di Asgard e Vanaheim, che dai nomi sembrerebbero voler corrispondere ai territori degli antenati degli odierni scandinavi.» può darsi, ma i racconti di howard non lasciano comunque dubbi: conan non viene mai descritto con tratti scandinavi, o vichinghi, o teutonici, o come altro li vogliamo definire. momoa calza tanto quanto schwarzenegger: capelli lunghi e scuri? yes. fisico massiccio? yes. pelle abbronzata da anni di scorribande nei territori del sud? yes. il resto è tutta e solo colpa degli sceneggiatori.

» postato da jonny lexington alle 19:11 del 29-08-2011

26 Poco fa su Coming Soon ho visto il nuovo trailer "lungo" de "I tre moschettieri 3D". :shock: A confronto il Conan interpretato da Momoa vi sembrerà una remake rispettoso sia dei libri di Howard che dei film interpretati da Arnie. Lord Buckingham ha una flotta di navi-dirigibile, Milady fa la super-ninja, Richelieu che combatte come fosse Zorro, ecc. ecc. :shock: Mi sa pure che nella versione 3D a molti verrà fastidio a vedere gente che gli agita lo spiedo davanti agli occhi o gli tira addosso oggetti vari e palle di cannone. Insomma, promette di essere un film divertente ... se si fa finta di non capire in quale periodo storico ed in quali luoghi geografici è ambientato. :lol:

» postato da L.MCH alle 20:17 del 29-08-2011

27 Ma lo fa Paul anderson di resident evil, poveretto anche lui, registucolo ormai... vuol schiaffare quella bonazza della sua moglie Milla in qualsiasi cosa le permetta di fare mosse da action super girl, in questo caso avrà pensato Alice di Resident evil + corsetti ottocenteschi e parruccone=sono un fico. tsè

» postato da Darklight alle 20:35 del 29-08-2011

28 «Lord Buckingham ha una flotta di navi-dirigibile, Milady fa la super-ninja, Richelieu che combatte come fosse Zorro, ecc. ecc. :shock: Mi sa pure che nella versione 3D a molti verrà fastidio a vedere gente che gli agita lo spiedo davanti agli occhi o gli tira addosso oggetti vari e palle di cannone. Insomma, promette di essere un film divertente ... se si fa finta di non capire in quale periodo storico ed in quali luoghi geografici è ambientato. :lol:» Anzi: è una versione Steampunk dei Tre Moschettieri, lo attendo con molta curiosità. Adoro lo Steampunk. S*

» postato da S* alle 20:46 del 29-08-2011

29 «In tutte le cartine dell'Era Hyboriana che ho visto finora la Cimmeria si trova appena a sud di Asgard e Vanaheim, che dai nomi sembrerebbero voler corrispondere ai territori degli antenati degli odierni scandinavi. Credo piuttosto che la Stygia si trovi all'altezza dell'Algeria, ed è molto più a sud.» La mappa dell'Era Hyboriana mostra una sorta di Pangea pre deriva dei continenti, il cui la parte occidentale è decisamente simile all'Africa. Se la vedi così, la Stigia corrisponde al Congo. C'è un Zembabwei che corrisponde più o meno allo Zimbabwe e un Iranistan che si trova suppergiù dove sarebbe l'Iran supponendo una rotazione del continente. Tuttavia, ho visto un'altra cartina dove erano tracciati in sovraimpressione i confini della geografia moderna, e la Cimmeria sarebbe stata nel mare del Nord, tra Scozia e Danimarca. S*

» postato da S* alle 20:54 del 29-08-2011

30 «Io questo film l'ho trovato semplicemente divertente. All'ingresso del cinema dove ho visto il film, da un lato della locandina di Conan vi era esposta quella di Green lantern e dall'atra parte quella di Capitan america e alla fine (complice una rassegnazione dei tempi odierni) non ho fatto altro che adattarmi a ciò che poteva essere rappresentato come film su conan il barbaro e alla spontaneità della visione di un film del genere e mi son lasciato trasportare dai miei ahimè 40 anni. Pensate che son riuscito pure a trovare interessante anche Solomon Kane, il mio personaggio preferito creato da Howard. :)» Allora non sono il solo ad apprezzare Solomon Kane. :) Il film tuttavia non l'ho visto. La scelta per me era tra quello e Predators. Su Predators avevo letto opinioni positive (e infatti poi mi è piaciuto). Riguardo a Solomon Kane, invece, quel poco che avevo letto sulla trama mi aveva convinto che avrei odiato quel film.

» postato da AKKA alle 21:15 del 29-08-2011

31 ««In tutte le cartine dell'Era Hyboriana che ho visto finora la Cimmeria si trova appena a sud di Asgard e Vanaheim, che dai nomi sembrerebbero voler corrispondere ai territori degli antenati degli odierni scandinavi.» può darsi, ma i racconti di howard non lasciano comunque dubbi: conan non viene mai descritto con tratti scandinavi, o vichinghi, o teutonici, o come altro li vogliamo definire. momoa calza tanto quanto schwarzenegger: capelli lunghi e scuri? yes. fisico massiccio? yes. pelle abbronzata da anni di scorribande nei territori del sud? yes. il resto è tutta e solo colpa degli sceneggiatori.» Non ho un preciso ricordo di come Howard descrivesse Conan. Dovrei rileggermi i racconti. Sicuramente lo descriveva come alto e massiccio. Probabilmente però i capelli lunghi sono un particolare aggiunto in seguito da altri. Potrei sbagliarmi, ma un indizio a mio favore è che nelle copertine di Weird Tales che lo vedevano protagonista era raffigurato con capelli piuttosto corti.

» postato da AKKA alle 21:38 del 29-08-2011

32 ««In tutte le cartine dell'Era Hyboriana che ho visto finora la Cimmeria si trova appena a sud di Asgard e Vanaheim, che dai nomi sembrerebbero voler corrispondere ai territori degli antenati degli odierni scandinavi. Credo piuttosto che la Stygia si trovi all'altezza dell'Algeria, ed è molto più a sud.» La mappa dell'Era Hyboriana mostra una sorta di Pangea pre deriva dei continenti, il cui la parte occidentale è decisamente simile all'Africa. Se la vedi così, la Stigia corrisponde al Congo. C'è un Zembabwei che corrisponde più o meno allo Zimbabwe e un Iranistan che si trova suppergiù dove sarebbe l'Iran supponendo una rotazione del continente. Tuttavia, ho visto un'altra cartina dove erano tracciati in sovraimpressione i confini della geografia moderna, e la Cimmeria sarebbe stata nel mare del Nord, tra Scozia e Danimarca. S*» Mah, credo che la Stygia, con i suoi stregoni e le sue magie fosse, nelle intenzioni di Howard, l'antenata dell'antico Egitto. C'è anche un fiume (lo Stige, appunto) che la attraversa da sud a nord per poi piegare bruscamente verso ovest e buttarsi nell'Oceano. E quello sembrerebbe essere il Nilo, che andando in cerca del Mediterraneo e non trovandolo perché ancora non esiste, decide di optare per il mare più vicino. Inoltre non sarà un caso che lo stregone Toth-Amon, essendo stigiano, porta il nome di due divinità egizie.

» postato da AKKA alle 22:00 del 29-08-2011

33 «Mah, credo che la Stygia, con i suoi stregoni e le sue magie fosse, nelle intenzioni di Howard, l'antenata dell'antico Egitto. C'è anche un fiume (lo Stige, appunto) che la attraversa da sud a nord per poi piegare bruscamente verso ovest e buttarsi nell'Oceano. E quello sembrerebbe essere il Nilo, che andando in cerca del Mediterraneo e non trovandolo perché ancora non esiste, decide di optare per il mare più vicino. Inoltre non sarà un caso che lo stregone Toth-Amon, essendo stigiano, porta il nome di due divinità egizie.» La realtà, penso, è che Howard non si faceva tutte queste menate, e non sono certo di questo ma suppongo che non avesse neppure un'idea precisa della sua geografia. La cartina probabilmente è stata disegnata per la prima volta all'epoca di De Camp quando Conan è uscito in volume e Howard era morto e sepolto. Comunque è certo che il Conan che descrive non è né scandinavo né "ariano" in senso tedesco del termine. Capelli neri e pelle scura. E ti assicuro che puoi tenere uno scandinavo o un tedesco al sole finché vuoi ma la pelle non gli diventa scura, gli diventa rosso peperone: lo so perché questa estate al mare ne ho visti diversi :lol: S*

» postato da S* alle 22:31 del 29-08-2011

34 « La realtà, penso, è che Howard non si faceva tutte queste menate, e non sono certo di questo ma suppongo che non avesse neppure un'idea precisa della sua geografia. La cartina probabilmente è stata disegnata per la prima volta all'epoca di De Camp quando Conan è uscito in volume e Howard era morto e sepolto. Comunque è certo che il Conan che descrive non è né scandinavo né "ariano" in senso tedesco del termine. Capelli neri e pelle scura. E ti assicuro che puoi tenere uno scandinavo o un tedesco al sole finché vuoi ma la pelle non gli diventa scura, gli diventa rosso peperone: lo so perché questa estate al mare ne ho visti diversi :lol: S*» Sull'aspetto fisico di Conan sono d'accordo con te. Per quanto riguarda l'era Hyboriana qualche menata Howard se la faceva, almeno per quanto riguarda la storia. Per la geografia, non so. Se, come ha scritto lui stesso, tracciare una storia dell'era Hyboriana lo aiutava a visualizzarla meglio quando scriveva le storie, immagino che lo stesso valesse per la geografia, così, mi sembra probabile che dei disegni li abbia tracciati, e che le mappe pubblicate si basino su quelli.

» postato da AKKA alle 23:10 del 29-08-2011

35 «immagino che lo stesso valesse per la geografia, così, mi sembra probabile che dei disegni li abbia tracciati, e che le mappe pubblicate si basino su quelli.» Indagheremo. Sarebbero le prime mappe fantasy della storia; ho sempre pensato che la prima fosse quella di Tolkien. S*

» postato da S* alle 23:41 del 29-08-2011

36 « Anzi: è una versione Steampunk dei Tre Moschettieri, lo attendo con molta curiosità. Adoro lo Steampunk. » Sicuro? Più che steampunk è steamninjapunk. :lol:

» postato da L.MCH alle 14:28 del 30-08-2011

37 Il film se lo trovi ad un prezzo accettabile anche in formato DVD te lo consiglio non per il film in se che ha diversi punti che non funzionano ma per il fatto che ne abbiano fatto una trasposizione cinematografica. Per quanto deludente sia stata la pellicola comunque era su solomon kane.

» postato da (Francesco-x ) alle 20:28 del 30-08-2011

38 «Il film se lo trovi ad un prezzo accettabile anche in formato DVD te lo consiglio non per il film in se che ha diversi punti che non funzionano ma per il fatto che ne abbiano fatto una trasposizione cinematografica. Per quanto deludente sia stata la pellicola comunque era su solomon kane.» Mah. Onestamente da quello che ho letto riguardo alla trama credo proprio che lo odierei. Ma questo l'ho già scritto. Il Solomon Kane di Howard è fondamentalmente un fanatico religioso, che vede in ogni cosa l'opera del demonio ed è spinto a battersi proprio dal suo fanatismo. Non certo dal fatto che avrebbe incontrato il demonio che gli ha annunciato che è destinato all'Inferno ecc. come è scritto nella trama del film. Almeno questo è come io ho sempre interpretato il personaggio. E' questo essere eroi-antieroi, che se fanno le cose giuste le fanno comunque per i motivi sbagliati, che rende tanto affascinanti i personaggi di Howard. Non è bello che vengano snaturati in questo modo.

» postato da AKKA alle 23:47 del 30-08-2011

39 «E' questo essere eroi-antieroi, che se fanno le cose giuste le fanno comunque per i motivi sbagliati, che rende tanto affascinanti i personaggi di Howard. Non è bello che vengano snaturati in questo modo.» La cosa che più mi lascia perplesso è che, a mio avviso, un eroe antieroe come quello che descrivi creerebbe certamente polemiche, ma probabilmente avrebbe un successo di pubblico enormemente maggiore. Sia perché la gente si è francamente rotta le balle di eroi buoni e giusti, sia perché comunque il "cattivo" è sempre più affascinante del buono. Insomma, magari mi sbaglio, ma secondo me ci perdono a fare queste cose. S*

» postato da S* alle 08:02 del 31-08-2011

40 Una cosa sono i racconti su Solomon kane un'altra il film che hanno fatto sul personaggio, il fatto che non si limitino solamente a proporci al cinema tutti i personaggi dei fumetti è già una gran cosa. D'accordo forse avranno insultato l'anima artistica di Howard con quella pellicola ma almeno è stato fatto un tentativo. Io preferisco un debole segnale di vita che la morte definitiva. Non voglio essere polemico, questo è solo il mio punto di vista. :)

» postato da (Francesco-x ) alle 14:31 del 01-09-2011

41 Howard disegnò due mappe, già nel 1932 (vedete la bibliografia di Louinet sul sito della REHupa); anche la sovrapposizione tra i contorni dei continenti attuali e dell'epoca è howardiana. La cimmeria come diceva S, sarebbe dunque nella zona del mar del nord, e questo è coerente con quanto scrive Howard (nel suo saggi sull'età hyboriana), per il quale i cimmeri sono precursori dei Celti (come indica del resto anche il nome di Conan). Sul film, poco da aggiungere a quanto detto: il film non mi è spiaciuto, ma certo non è un granché. L'estetica da videogioco, nei contenuti (di fatto una serie quasi ininterrotta di scontri) e nelle riprese (che rendono tra l'altro spesso le scene di combattimento alquanto confuse) rendono il tutto alla lunga un po' ripetitivo e noioso. Manca in realtà qualsiasi costruzione narrativa che ceri una suspance, un senso di mistero o che altro. Quanto a Conan, il tema forte della vendetta, qui ancora più ossessionante che nel film di Milius, rende il personaggio molto diverso da quello howardiano che invece agisce (e non solo uccide) come dice S più perché per sopravvivenza, perché gli capita e perché così è la sua natura che non per motivazioni ideali o comunque forti (come una vendetta). Particolarmente fastidioso poi, nel film, il sadismo che rivela a tratti Conan, non solo nel rispetto dell'originale howardiano (rispetto che del resto potrebbe essere un metro di giudizio non pertinente, non fosse per l'indubitabile maggior efficacia del prototipo), ma anche perché troppo sopra le righe rispetto al profilo del personaggio, che invece in altre scene ci viene presentato come un idealista che affronta un combattimento per liberare degli schiavi proclamando che "nessun uomo deve essere prigioniero" (tra parentesi, cosa che il Conan howardiano difficilmente si sarebbe preso la briga di fare).

» postato da (Paolo Bertetti) alle 14:14 del 02-09-2011

42 Una trasposizione dal racconto scritto e dal fumetto è possibile, lo dimostrano "Sin City" e "300", ma avviene solo quando c'è qualcuno che ci tiene, come in quei due casi. La norma però è che i produttori siano interessati ai soldi, a quanti più soldi possibile, e se il loro "naso" gli suggerisce che questo si ottiene con ingredienti che trasformano la "trasposizione" in "versione", si può star certi che le discrepanze saranno tante e quindi vanno prese come un dato di fatto di partenza. Va tenuta in considerazione anche la volontà autoriale di registi e sceneggiatori, altrettanto consistente nel distanziare i film dal materiale di riferimento. Per questo mi paiono interessanti, dei precedenti commenti, quelli che guardano ai film come opere a se, indipendenti dalla letteratura a cui vorrebbero ispirarsi. Anche quelli di un confronto tra il film di Milius e quello attuale, per il fatto che dovrebbero parlare dello stesso personaggio. A proposito del primo, quanto avete trovato accettabile che un ragazzino di 10 anni circa, messo in catene a girare una mola da asino, arrivi ai 18-20 anni col fisico di un culturista? :-D

» postato da DanieleTomasi alle 10:31 del 06-09-2011

43 «A proposito del primo, quanto avete trovato accettabile che un ragazzino di 10 anni circa, messo in catene a girare una mola da asino, arrivi ai 18-20 anni col fisico di un culturista? :-D» Effettivamente era una domanda che mi era balenata, ma è stata subito cancellata dalla mia attenzione quando, in quella scena, Conan alza la testa e si vede per la prima volta la sua faccia, e sorge spontanea la domanda "e questa faccia da pirla sarebbe Conan?" Fa un po' strano magari dirlo a tanti anni di distanza quando ormai siamo abituati a conoscere Schwarzy per tanti altri ruoli, ma in Conan aveva davvero una faccia da scemo... S*

» postato da S* alle 10:36 del 06-09-2011

44 ««A proposito del primo, quanto avete trovato accettabile che un ragazzino di 10 anni circa, messo in catene a girare una mola da asino, arrivi ai 18-20 anni col fisico di un culturista? :-D» Effettivamente era una domanda che mi era balenata, ma è stata subito cancellata dalla mia attenzione quando, in quella scena, Conan alza la testa e si vede per la prima volta la sua faccia, e sorge spontanea la domanda "e questa faccia da pirla sarebbe Conan?" Fa un po' strano magari dirlo a tanti anni di distanza quando ormai siamo abituati a conoscere Schwarzy per tanti altri ruoli, ma in Conan aveva davvero una faccia da scemo... S*» Il vulcanico Dino De Laurentiissi all'inizio prese malissimo la scelta di Swarzi, incacchiandosi con Milius. Disse, testuali parole:" Ma questo parla come un nazista!". :lol:

» postato da Kobol77 alle 11:46 del 06-09-2011

45 « Il vulcanico Dino De Laurentiissi all'inizio prese malissimo la scelta di Swarzi, incacchiandosi con Milius. Disse, testuali parole:" Ma questo parla come un nazista!". :lol:» E neanche a farlo per scherzo aveva pure il babbo nazista. :twisted:

» postato da L.MCH alle 11:52 del 06-09-2011

46 neanche una parola sulla colonna sonora? il "vecchio" mi ha incantato la "romanza" di Pouledoris ... musica meravigliosa!!

» postato da Giobatta65 alle 14:07 del 09-09-2011

47 «neanche una parola sulla colonna sonora? il "vecchio" mi ha incantato la "romanza" di Pouledoris ... musica meravigliosa!! » Splendida. La colonna sonora del primo Conan sorreggeva in modo superbo i primi 40 minuti di film in cui il nostro Conan spiaccicava sì e no 4 frasi in croce. Ipnotica.

» postato da Kobol77 alle 11:54 del 10-09-2011

48 ««A proposito del primo, quanto avete trovato accettabile che un ragazzino di 10 anni circa, messo in catene a girare una mola da asino, arrivi ai 18-20 anni col fisico di un culturista? :-D» Effettivamente era una domanda che mi era balenata, ma è stata subito cancellata dalla mia attenzione quando, in quella scena, Conan alza la testa e si vede per la prima volta la sua faccia, e sorge spontanea la domanda "e questa faccia da pirla sarebbe Conan?" Fa un po' strano magari dirlo a tanti anni di distanza quando ormai siamo abituati a conoscere Schwarzy per tanti altri ruoli, ma in Conan aveva davvero una faccia da scemo... S*» Paradossalmente proprio quella scena fu, all'epoca, quella che scatenò le migliori reazioni tra il pubblico. La fonte è questo illuminante documentario che racconta la genesi del film. Film, tra l'altro, che al di là della cornice fantastica, tocca temi molto più "nobili" in maniera mai banale. Bye Phant

» postato da phant alle 03:08 del 22-09-2011

49 «Paradossalmente proprio quella scena fu, all'epoca, quella che scatenò le migliori reazioni tra il pubblico.» Interessante. Fonte? S*

» postato da S* alle 09:21 del 22-09-2011

50 ««Paradossalmente proprio quella scena fu, all'epoca, quella che scatenò le migliori reazioni tra il pubblico.» Interessante. Fonte? S*» Mi autoquoto dal mio post precedente: «La fonte è questo illuminante documentario...» La citazione precisa la trovi nella 2° parte del documentario (min 07:30) per bocca dello stesso Milius. Forse valutando la cosa ad oggi, dopo aver visto l'attore in decine di films ed addirittura in quelle di governatore :shock: posso capire che ci scappi un mezzo sorriso ma, ancora oggi, faccio fatica ad immaginare qualcuno che potesse essere più credibile in quella parte. Non per particolari doti recitative di Schwarzenegger ma semplicemente perchè, a mio modestissimo avviso, quel ruolo gli calzava a pennello. Bye Phant

» postato da phant alle 02:54 del 23-09-2011

51 «Mi autoquoto dal mio post precedente: illuminante documentario» Ok, scusa se su questa cosa non considero fonte attendibile un documentario autocelebrativo tratto dagli extra di un dvd. «faccio fatica ad immaginare qualcuno che potesse essere più credibile in quella parte. Non per particolari doti recitative di Schwarzenegger ma semplicemente perchè, a mio modestissimo avviso, quel ruolo gli calzava a pennello.» Intanto, il Conan descritto da Howard è del tutto diverso. Ma a parte questo, Schwarzenegger, allora ancora più di oggi, era il tipico culturista gonfiato. A me personalmente quel tipo di fisico non dà affatto l'idea di forza, dà l'idea di steroidi. La faccia, soprattutto, era flaccida e molle. Conan è un selvaggio, un individuo che trae la sua forza dal suo vivere quasi animalesco, dal lottare e combattere ogni giorno. Schwarzenegger sarebbe stato più adatto, per dire, per fare Superman. Per Conan era *del tutto* fuori ruolo. "Forzuti" di altre epoche pre-culturismo sarebbero stati più credibili. Pensino Momoa è più adatto di lui. S*

» postato da S* alle 08:52 del 23-09-2011

52 Comunque mi è venuto in mente un particolare agghiacciante che la mia mente aveva rimosso: il parto cesareo a inizio film con coltellaccio svedese da parte del padre di Conan per permettere alla madre di vedere il figlio. Naturalmente il tutto in piena battaglia. Che scena grottesca. Vabbè che era un Fantasy, ma a certi sceneggiatori dovrebbero tagliare le mani, perché con 'sto film siamo veramente arrivati ai livelli di Fthorrr, figlio di Ftaghhh di Aldo, Giovanni e Giacomo.

» postato da Kobol77 alle 14:36 del 23-09-2011

53 «...Schwarzenegger, allora ancora più di oggi, era il tipico culturista gonfiato. A me personalmente quel tipo di fisico non dà affatto l'idea di forza, dà l'idea di steroidi. La faccia, soprattutto, era flaccida e molle. Conan è un selvaggio, un individuo che trae la sua forza dal suo vivere quasi animalesco, dal lottare e combattere ogni giorno. Schwarzenegger sarebbe stato più adatto, per dire, per fare Superman. Per Conan era *del tutto* fuori ruolo. "Forzuti" di altre epoche pre-culturismo sarebbero stati più credibili. Pensino Momoa è più adatto di lui.» De gustibus non disputandum. :roll: Bye Phant

» postato da phant alle 17:10 del 23-09-2011

54 «De gustibus non disputandum. :roll: » Indubbiamente, ma non vedo cosa c'entri, ho portato argomenti, non ho parlato dei miei gusti. S*

» postato da S* alle 19:09 del 23-09-2011

55 ««De gustibus non disputandum. :roll: » Indubbiamente, ma non vedo cosa c'entri, ho portato argomenti, non ho parlato dei miei gusti.» Non voglio sembrare insistente ma credo ci sia un qui pro quo. Se la tua tesi è che Schwarzenegger non fosse adatto al ruolo in quanto poco aderente al personaggio ideato da Howard posso anche essere d'accordo. Se invece sostieni che, a prescindere dal Conan Howardiano, Schwarzenegger fosse completamente fuori ruolo nel film, beh, questa è solo una tua legittima ma personalissima opinione, per la quale non riscontro nessun argomento oggettivo se non, appunto, una mera questione di gusti (tu stesso utilizzi il termine "a me personalmente...";). Se proprio dobbiamo adottare un metro di giudizio che sia (minimamente) oggettivo, concreto, verificabile da tutti, l'unico che mi viene in mente è il successo stesso della pellicola e del suo personaggio principale, che proprio grazie a quel film vedrà la sua carriera cinematografica decollare a livello addirittura mondiale. Cosa che non quadra molto con "...per Conan era *del tutto* fuori ruolo...", a meno che, ripeto, non ne facciamo una questione di gusti/argomenti soggettivi, dove qualunque cosa vale. Non sono un fan di Schwarzenegger: mi pare di constatare semplici dati di fatto. Bye Phant

» postato da phant alle 01:50 del 24-09-2011

56 «Se la tua tesi è che Schwarzenegger non fosse adatto al ruolo in quanto poco aderente al personaggio ideato da Howard posso anche essere d'accordo.» Infatti è questa. Il discorso se ricordi è partito dalla reazione alla faccia di Schwarzenegger quando vi vede per la prima volta al mulino. In quel momento chiaramente si può dare solo un giudizio sulla sua corrispondenza al personaggio, non sul ruolo nel film, essendo la prima scena in cui compare. Secondo me anche il personaggio del film avrebbe dovuto apparire meno gonfiato, più tetro e più "interiore". Schwarzie invece ha l'aspetto del grande grosso e ciula. Ma ovviamente in un film ci sono altri aspetti, Schwarzie ha sicuramente funzionato con il pubblico, e quello che è venuto dopo lo sappiamo. Direi che ha funzionato più lui del film. S*

» postato da S* alle 08:45 del 24-09-2011

57 «Schwarzie invece ha l'aspetto del grande grosso e ciula. » gonfio, basso e ciula... :lol: »

» postato da Zakalwe alle 13:52 del 24-09-2011

58 Conan non è ne' algerino ne' un tedesco...piuttosto quello che potremmo dire un 'black irish' o un celtico-britannico con i capelli neri (come certi gallesi delle zone interne) e la Cimmeria, nelle mappe di una ipotetica Europa da epoca glaciale, si estenderebbe tra il Mare del Nord e l'Irlanda. Così come Aquilonia rappresenta un mix tra Impero romano e Francia medievale, dato che Howard si è ispirato alla regione storica dell'Aquitania ed alle vicissitudini dell'omonimo Ducato che aveva come punta di diamante del suo esercito i cavalieri della contea di Poitiers...da cui i cavalieri di Poitain nel mondo di Conan. Howard è stato un avido lettore di libri di storia e romanzi storici fin da bambino sotto la guida del padre...che, secondo alcune testimonianze coeve, pare che avesse una capacità narrativa ed evocativa non inferiore al figlio.

» postato da nestorio alle 16:32 del 27-03-2012

59 Film molto altalenante. Parte come un vero e proprio film bifolco: la scena del parto in mezzo alla battaglia è uno “scult” da urlo, che si presta a un sacco di parodie; anche la prova dei ragazzi, per dimostrarsi adulti, è risibile: una corsa con un ovetto in bocca. Sti Cimmeri, grandi guerrieri, manca solo che facciano fare la corsa dei sacchi (ma perché poi dicono Cimmerio? Non era Cimmero?) Poi però parte l’azione, e dimentichi queste tremende scelte dello sceneggiatore. L’azione, in questo film, è quasi tutta di serie A. Inoltre la fattura, va detto, è buona. Gli effetti sono fatti bene, su costumi e scenografie non si è risparmiato, e anche i vari personaggi sono tratteggiati in maniera interessante, seppure senza alcuna originalità, in quanto è evidente la scopiazzatura da altri film (vedi Il signore degli anelli). Gli attori sono tutti di seconda fascia, in gran parte sconosciuti al grande pubblico. Per la figura di Conan, si è puntato su Khal Drogo, o meglio, sull’attore che interpretava quel personaggio in Il trono di spade. Non un attore particolarmente dotato, ma funzionale. E no, qua non ci sono accoppiamenti alla pecorina, anche se non mancano belle gnocche con le tette di fuori. Il cattivo è il cattivo di Avatar, buona scelta. La fighetta che si passa Conan non è poi così fighetta, ma insomma va bene. Buono anche il contorno. Riprese fatte in Est Europa, per risparmiare e come si vede anche dai titoli di coda, ricchissimi di “ov” finali. Il film va avanti tra alti e bassi: continueranno i momenti “scult”, che ne fanno un film che potrebbe essere parodiato alla grande, ma l’azione e il ritmo ci sono, e poi con le tette io non posso dare meno di 5 , è una questione di principio. Sono abbastanza vecchietto per avere visto al cinema, a suo tempo, Conan con uno sconosciuto Arnold Schawarzenegger. Avendo letto tutti i libri e fumetti, ero rimasto deluso, anche se dicevo, beh, l’attore, di cui era impossibile ricordare il cognome impronunziabile, non è male come Conan. Qua come film siamo un po’ peggio, a essere onesti. Stroncato dalla critica, piaciuto pochino anche al pubblico, malgrado la trasferta bulgara è costato lo stesso (soprattutto in effetti speciali, immagino), ed è stato un colossale flop al botteghino, e così scordiamoci probabilmente Conan 2 la vendetta.

» postato da Tobanis alle 10:38 del 20-09-2012

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.