Abbiamo parlato e mostrato spesso dei cortometraggi: film di cinque, dieci minuti che condensano storie ed emozioni, a volte in modo più sincero e interessante di quanto riescano a fare le grandi produzioni hollywoodiane. Grazie alle tecnologie moderne, sempre più a buon mercato, i corti sono ormai una delle strade principali con cui giovani autori e cineasti riescono a realizzare idee e progetti, e a farli conoscere attraverso le numerose piattaforme pubbliche che ospitano video, come Youtube e Vimeo. Capita poi che alcuni di questi autori riescano a realizzare corti talmente belli da riuscire a farsi notare dai produttori professionisti, e fare così il grande salto nell'industria cinematografica (un esempio per tutti: Neill Blomkamp).

Ogni tanto però anche i grandi autori tornano alle origini e si divertono a produrre o realizzare cortometraggi, così, come fonte di svago rispetto agli impegni hollywoodiani. È il caso Ollie Klublershturf vs. The Nazis, il corto che presentiamo, scritto e prodotto alla fine del 2010 da uno degli autori di blockbuster più in voga al momento: Damon Lindelof, autore e coproduttore di Lost, di Cowboy & Aliens, di Prometheus, prossimo film di Ridley Scott, nonché del prossimo sequel di Star Trek targato J.J. Abrams.

Come detto, Ollie Klublershturf vs. The Nazis è stato prodotto e realizzato alla fine del 2010 ma sta suscitando in rete un rinnovato interesse. La storia tratta il tema dei viaggi nel tempo in un modo decisamente ironico: la famiglia ebrea degli Klublershturf è a cena per festeggiare il fidanzamento del figlio maggiore Dade con la biondissima Daniella. Ma a rubare la scena è ben presto il fratello minore Ollie, genio della famiglia e inventore nientemeno che di una macchina del tempo. Ollie capisce subito che Daniella non è solo una bella ragazza, ma è in realtà un agente nazista venuta a conoscenza dell'invenzione del piccolo Klublershturf. Come se non bastasse arrivano inaspettati due giovani venditori di bibbie, e anche loro non sono quello che sembrano.

Lindelof ha scritto la storia affidando la regia a Skot Bright, proveniente dal mondo MTV. Il corto ha un curioso aspetto retrò, con molte citazioni degli anni Settanta-Ottanta (chi riconosce il dispositivo usato da Ollie per attivare la macchina del tempo?). E soprattutto, altra cosa che lo distingue da altri corti, è ricco di star, a cominciare da Ollie, interpretato da Zach Mills, protagonista di Super 8 di Steven Spielberg. Gli altri interpreti sono uno stralunato Chris Hemsworth (Star Trek, Thor), Rachel Nichols (Alias, Star Trek, Conan il barbaro), Norman Reedus (Blade II, Pandorum - L'universo parallelo), Samm LevineLainie Kazan e i veterani George Segal (L'uomo terminale, film sci fi del 1974, 2012) e Jack Axelrod (Star Trek: Voyager, Hancock, Super 8, Transformers 3). È possibile che il ritorno d'interesse per il corto sia collegato proprio alla presenza del piccolo Mills, dato che Super 8 negli USA è già in circolazione da un mese. Il corto resta però gradevole, quindi non resta che gustarselo; con l'avvertenza che la macchina del tempo, quando si attiva, si annuncia in un modo, ehm, originale...

Primo teaser per The Leftovers

Rilasciato in rete il teaser della nuova serie tv ideata da Damon Lindelof e basata sul bestseller di Tom Perrotta.

Maurizio Del Santo, 9/04/2014

Damon Lindelof: Prometheus non è il prequel di Alien

Secondo lo sceneggiatore dell'atteso film di Ridley Scott, il concetto stesso di prequel mal si adatta alla storia...

Leo Lorusso, 6/04/2012

Prometheus sembra proprio Alien

Appare in rete una nuova immagine di Prometheus. E lo sceneggiatore Damon Lindelof la commenta a modo suo.

Maurizio Del Santo, 20/01/2012