Lucca Comics And Games

Dello stesso genere

  • V Visitors
  • V - Visitors: Red Rain - Season 2 premiere

V - Visitors: Red Rain - Season 2 premiere

Tornano Barbie Bruna, Barbie Mamma, Ken Attempato e Skipper a patinare la fantascienza piatta di V. Si spera che la comparsa di Barbie Nonna aggiunga un tocco di spessore o che almeno faccia irruzione Big Jim a giustificare l'enorme quantità di plastica della serie.
V VISITORS, stagione 2, episodio 1, V, tit. it.: V, U.S.A., 2011 - scritto da Scott Peters - Kenneth Johnson - con Elizabeth Mitchell - Erica Evans
Morris Chestnut - Ryan Nichols
Joel Gretsch - Father Jack Landry
Logan Huffman - Tyler Evans
Laura Vandervoort - Lisa
Morena Baccarin - Anna
Scott Wolf - Chad Decker
Charles Mesure - Kyle Hobbes - giudizio: discreto

Il cielo rosso che avvolgeva la terra al termine della prima stagione si trasforma in una inquietante pioggia rossa. V — il remake dell’ormai mitica serie degli anni ’80, Visitors, ritorna con questa seconda stagione che sembra riproporre molti dei difetti riscontrati nella prima. Scott Peters, il timoniere dell’operazione V, è sicuramente uno sceneggiatore e produttore navigato, ma francamente la gestione della trama sembra essersi abbandonata su dei binari già visti e con poche soluzioni innovative e di effetto.

È stato discusso a lungo sul fatto che V rappresenti una sorta di allegoria dell’Obama-mania, la figura del “salvatore”, di colui che è in grado, attraverso slogan e promesse, di manipolare la fiducia delle masse, infatti è uno dei temi portanti di questa serie. La gestione però di questo elemento nel corso delle puntate è diventata sempre più fastidiosa, tant’è che in questa season premier ci ritroviamo delle masse instupidite che sballottano il loro volere dalla contestazione al fanatismo devoto nel giro di pochi fotogrammi. Una visione un po’ troppo semplicistica e francamente poco credibile, come del resto lo sono molti passaggi narrativi che in maniera sin troppo banale portano agenti dell’FBI all’interno di un astronave, prigionieri della Quinta Colonna lasciati liberi di tornare a fare il proprio mestiere, scienziati che hanno la chiave del Visitor alfa e non sanno fare due più due tenendo il segreto in un magazzino, e via dicendo. Quello che intendo dire è che V parte da un presupposto che prevede che il telespettatore sia lì a guardare il telefilm senza porsi troppe domande, analogamente alle masse che ascoltano Anna, la regina dei Visistors.
La cosa è un vero peccato, perché in fondo il cast ha al suo interno anche ottimi attori e la produzione è una di quelle di prima grandezza, con dispendio di effetti e risorse molto rari per una serie televisiva. Le cose che funzionano sono effettivamente poche. Il sex-appeal della perfida Anna, interpretata dalla splendida Morena Baccarin, è un po’ poco per poter reggere l’impianto narrativo. Ma la cosa che sicuramente è più fastidiosa è la sottotrama adolescenziale che vede Tyler e Lisa protagonisti. Saranno anche giovani, ma lo sceneggiatore non si è minimamente sforzato di creare un minimo di introspezione nel loro rapporto o in loro stessi. Ma questa d’altronde è una caratteristica comune di tutti i personaggi, che vedono soltanto nella Quinta Colonna il minimo indispensabile di personalità. Dal punto di vista dell’audience, questa puntata di esordio ha registrato un discreto 6,5 milioni di spettatori, cifra ben lontana dai 14 milioni dell’esordio, ma che comunque offre dei segnali di ripresa rispetto al baratro nel quale era finita la serie nel corso della parte centrale della prima stagione.
In sostanza V, se la si guarda senza farsi troppe domande e senza troppe pretese di coerenza o sviluppo armonico dei personaggi, è comunque uno spettacolo godibile in grado di intrattenere per un’oretta lo spettatore. Ma a mio avviso rappresenta una grande occasione sprecata per la fantascienza televisiva, considerato che ormai è uno dei pochi prodotti di questo genere rimasti in circolazione sul piccolo schermo.

Autore: Angelo Rossi - Data: 8 gennaio 2011

Notizie correlate

Recensioni di altri film di

Recensioni di altri episodi di

V - Visitors: Red Rain - Season 2 premiere: dai il tuo voto

Voti dei lettori

10 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

6 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Davvero uno spreco... che peccato...

» postato da elena migliorini alle 13:41 del 18-01-2011

2 Si questo nuovo Visitors non l ho capito granchè pare che gli sceneggiatori abbiano le idee poco chiare e alla ricerca di share buttino dentro alla serie tutto ciò che possono. Un bel minestrone del Visitors originale con l'aggiunta de l'Invasione degli ultracorpi, qualche rametto di Terrore dallo Spazio Profondo e via... Per non parlare dell'ideuzza scopiazzata palesemente da Battlestar Galactica: (gli alieni sono già fra noi ma noi non lo sappiamo). Originalissima!!!! Si V 2009, o 2010 o 11 o come lo chiamiate è una mezza cosa che convince davvero poco. Comunque fosse solo per correttezza verso gli spettatori una seconda stagione andava fatta per chiudere gli archi narrativi quindi ben venga. A patto comunque di portare la serie ad una veloce conclusione coerente.

» postato da (Key7 ) alle 19:28 del 16-02-2011

3 MI sono reso conto della totale stupidità della serie con la prima puntata della seconda stagione, quando Anna lascia andare l'afroamericano con una motivazione talmente idiota che mi sono sentito intellettualmente offeso ed ho alzato le mani. Senza considerare "i piani della settimana" per conquistare la Terra (o quel che vogliono fare con essa) alla Trio Drombo, all'ingenuità dei personaggi, alla facilità con la quale si raggiunge l'astronave e se ne fugge, l'assoluta mancanza di telecamere di sicurezza sulla stessamentre le uniformi degli ambasciatori di pace sono piene di cimici... Pollice verso, pollice verso.

» postato da (Vincenzo Bruni) alle 10:22 del 17-02-2011

4 Secondo me l'unica cosa idiota è la pretestuosità tipica di alcuni aficionados del genere fantasy: è impossibile accontentare tutti per carità ma certamente non si può nemmeno esagerare nelle critiche!!! V dopo tanti anni di nulla ha rappresentato e rappresenterà un bel momento per la fantascienza dato che in più di un'occasione le scene hanno un senso oltre il compiuto. Certo la pretestuosità è tipica di taluni recensori che cercano il nulla pur d'essere oltre.

» postato da (Mario Andretti) alle 10:47 del 17-11-2011

5 «Secondo me l'unica cosa idiota è la pretestuosità tipica di alcuni aficionados del genere fantasy» Fantasy? «è impossibile accontentare tutti per carità ma certamente non si può nemmeno esagerare nelle critiche!!!» no? «Certo la pretestuosità è tipica di taluni recensori che cercano il nulla pur d'essere oltre.» eh? S*

» postato da S* alle 11:34 del 18-11-2011

6 ««Secondo me l'unica cosa idiota è la pretestuosità tipica di alcuni aficionados del genere fantasy» Fantasy? S*» dai S*ommo, voleva essere ironico...

» postato da Jirel alle 12:31 del 18-11-2011

7 Commenti rimossi perché maleducati

» postato da (Mario Andretti) alle 13:37 del 21-12-2011

8 Erano maleducati perché rispondevano a mere provocazioni.

» postato da (Mario Andretti) alle 18:35 del 22-12-2011

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.