Lucca Comics And Games

Delos Science Fiction 155 su carta!


Delos Science Fiction 155
pagine 80, b/n
copertina a colori plastificata
prezzo 6,50 euro
prezzo per i soci 5,85 euro
acquistalo subito
su Delos Store!

oppure

ABBONATI!
5 numeri
solo 26 euro


Le nevi di Oghiz

“Dei suoi racconti, Le nevi di Oghiz è stravagantissimo e piacevole, anche se talvolta la terminologia rappresenta un vero labirinto. Pubblicheremo. Per gli altri due, ci conceda un po' di respiro per esaminarli con calma”.
Con queste parole, la redazione di Galaxy, rivista edita nel 1962 e diretta allora da Roberta Rambelli, accettò il racconto di Vittorio Catani, il primo pubblicato dall’autore pugliese.
Il racconto apparve nella nota rubrica “Accademia” che ospitava per l’appunto racconti di esordienti.
Come ci ricorda lo stesso Catani: “La storia si ispirava idealmente alle atmosfere di alcuni romanzi di L. Sprague De Camp, un autore di trame avventurose ed esotiche, spesso originali e godibilissime, scrittore purtroppo oggi del tutto dimenticato”.
Catani è oggi uno dei decani della science fiction italiana. Suo racconti sono apparsi praticamente su tutte le principali riviste e nelle più importanti antologie, nonché tradotti in molti paesi esteri.
Nel 1989, lo scrittore - leccese di nascita, ma barese d’adozione - ha vinto il Premio Urania, il primo bandito dalla collana mondadoriana, con il romanzo Gli universi di Moras e più recentemente su Urania Speciale è uscito il suo romanzo Il quinto principio.
Una ampia mole della sua narrativa breve è contenuta nel volume L’Essenza del futuro, edita dalla Perseo Libri (ora Elara Libri).

Il mattino in cui ha inizio questa storia, le strade di Oghiz parevano animate da una insolita attività. Sul fondo della vallata la città protendeva le sue mura di pietra fino a vasti agrumeti mentre lontano, verso l'orizzonte, la campagna si apriva in una brulla spianata ricoperta di candida neve, rilucente al sole del primo mattino.

Throoz camminava speditamente per le strade lastricate della città imbevendosi dell'atmosfera di fervore. L'aria umida e pungente e il cielo limpidissimo snebbiavano la mente dal grigiore delle tempeste invernali. Finalmente una giornata di sole! Tutte le botteghe intorno, a cominciare da quella del vecchio Vezel, si stavano affrettando a ripulire gli stigli. I mercanti ammassavano i loro articoli all'esterno su lunghi banchi di legno, alcuni addirittura sulla neve delle strade, contaminando quel biancore con rozza impudenza.

Throoz respirò a pieni polmoni l'aria salubre e leggera. Gli sembrava di assorbire anche i benefici raggi solari e i bagliori della coltre che ricopriva tutto. Procedé dritto per uno dei viali ricavati sul lastrico, tra la neve, da Sacri Serventi. La neve spalata non era ammucchiata ai lati. Throoz ignorava dove fosse stata portata; ad ogni modo era opportuno non insistere in sciocchi pensieri se voleva evitare rampogne da Qarzast, alla fine dei Nove Soli.

Strinse la cintura del fezev, la sua opulenta palandrana rohm-celeste. Nonostante il tepore gradevole del sole accusava brividi. I sandaletti provocavano sul viale un clap-clap lieto. Throoz pensò che era veramente una splendida giornata e che la grande, attesa festa dei Nove Soli avrebbe avuto un degno inizio.

 

  

Aveva percorso appena una trentina di metri, quando notò stupito che diveniva pressoché impossibile continuare. Persone dai fezev d'ogni tinta si accalcavano nei viali sforzandosi disperatamente di mantenere le distanze minime prescritte, di non urtarsi (assolutamente!), di non calpestare la neve. Qualcosa di strano accadeva, ma Throoz non si allarmò. Il quadro, nell'insieme, era  variopinto e armonioso e lui notò come le abitazioni basse di nitida pietra aggiungessero splendore allo spettacolo. Si sentì orgoglioso di se stesso e di Oghiz.

Mosse lentamente i passi successivi. Il suo umore era sempre intatto. Dopo un'ampia curva, il viale sfociò in un vasto piazzale. Era lo Xazul dai due Altari, e Throoz individuò senza fretta una buona posizione dalla quale abbracciare con lo sguardo l'intero Xazul. Incrociò le braccia e si dispose ad attendere, scrutando qua e là.

— Salve, Throoz, buon oghiza!

Si voltò. Gli si era affiancato un giovane dai capelli ancora gialli, il viso magro, l'espressione attenta.

— Oh... Zimki. Felice di vederti. Ti trovo bene.

A queste parole lo sguardo di Zimki si irrigidì e per un momento il giovane ebbe un'espressione di rammarico. Throoz aveva notato che il fezev del pe-oghiza era ancora grigio-kran, il che era indice di un andamento non buono delle Introduzioni.

— Bene...? sì... tanto per dire. Non mi riesce ancora di avanzare, purtroppo, ma spero per le Connessioni future. Mi piacerebbe raggiungere almeno il primo grado di Interprete Colorista.

pagina 1 di 12 - continua
Autore: Vittorio Catani - Delos Science Fiction 126 - Data: 4 luglio 2010

Vota questo articolo

Voti dei lettori

1 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

Questo articolo non è stato ancora commentato. Vuoi essere il primo?

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.