Il regno di Osiride sorge a Lucca

Un nuovo tassello del mondo desolato e affascinante di Sine Requie è stato presentato a Lucca Comics & Games 2012.

ingrandisci

Nato nel 2003 dalla fantasia di Matteo Cortini e Leonardo Moretti, il gioco di ruolo horror Sine requie ha continuato a crescere e ad appassionare sempre più persone, confermando che il premio Best of Show assegnato dalla giuria di Lucca Comics & Games 2003 come miglior gioco italiano era ben meritato.

 

Uno degli elementi di questo successo è senza dubbio l'ambientazione, un anno 1957 alternativo, dove la seconda guerra mondiale è finita il 6 giugno 1944, quando i Morti hanno iniziato a rialzarsi. Dai tragici eventi seguiti al "Giorno del Giudizio" il mondo è uscito sconvolto. Poche nazioni sono riuscite a mantenere una qualche forma di organizzazione, le altre sono collassate sotto l'assalto dei Morti. In Italia, ora denominata Sanctum Imperium, Papa Leone XIV ha restaurato il potere temporale della Chiesa, una buona parte dell'Europa centrale è sotto il dominio del IV Reich, mentre le lande orientali sono sottoposte al potere di Z.A.R., una macchina molto più spietata del vecchio regime comunista.

 

Il resto d'Europa è una landa desolata conosciuta con il nome di Terre Perdute, dove i pochi umani sopravvivono a stento, poco si sa del resto del mondo. Sulle rive sud del Mediterraneo c'è un altro paese dove esiste una solida organizzazione statale: è l'Egitto, dove gli antichi faraoni sono risorti e uno di loro, Ramesse III, ha preso il potere. Il modulo dedicato a quest'ultima ambientazione è Il regno di Osiride, presentato nei giorni scorsi a Lucca 2012 completa, almeno per il momento, l'universo di Sine requie.

 

Un altro dei punti di forza del gioco è la varietà degli scenari: si passa dal cupo medioevo del Sanctum Imperium alle atmosfere Cyberpunk di Soviet, dal (difficile) survival delle terre perdute alla spietata dittatura del IV Reich. In Il regno di Osiride, anche se non mancano armi, fucili e carri armati, i poteri degli antichi faraoni, le creature mitologiche e la presenza del pantheon egizio donano una connotazione quasi fantasy all'ambientazione.

 

Il sistema di gioco, basato sull'uso delle carte dei tarocchi, accentua questa caratteristica. Niente dadi ma tanta narrazione, questi gli elementi che rendono Sine requie estremamente coinvolgente.

 

Autore: Giampaolo Rai - Data: 6 novembre 2012 - Fonte: http://site.asterionpress.com/news.php?id=91

Risorse in rete

Notizie correlate

Vota questo articolo

Voti dei lettori

5 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

Questo articolo non è stato ancora commentato. Vuoi essere il primo?

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.