George, perché hai venduto alla Disney?

Lucas vende il suo "impero" alla casa madre di Topolino e una domanda nasce spontanea sul futuro delle creazioni del regista californiano.


Insomma, ho ragione io. ingrandisci
La notizia è di quelle clamorose, destinate a restare negli annali delle news relative al mondo dell'intrattenimento: la Walt Disney ha acquistato la Lucasfilm, la casa di produzione cinematografica fondata da George Lucas. La principale conseguenza è che saghe come Guerre Stellari e Indiana Jones entrano a far parte del "portafoglio" della Disney. Il prezzo per l'acquisizione è stato di 4,05 miliardi di dollari (3,1 miliardi di euro), pagati per metà in contanti e il resto in azioni.

"La Lucasfilm — ha dichiarato Robert A. Iger, a capo della Disney — riflette la straordinaria passione, la visione e la capacità di raccontare storie di George Lucas. Questa transazione combina un portfolio di primissimo livello di contenuti che includono Star Wars, assieme alla creatività unica e senza paragoni che attraversa piattaforme, business e mercati. Il risultato — ha concluso l'Ammnistratore della Disney — sarà di forte accrescimento e valorizzerà entrambi gli asset a lungo termine".

Da parte sua, George Lucas ha dichiarato che: "Negli ultimi 35 anni, uno dei miei piaceri maggiori è stato vedere Star Wars passare da una generazione all’altra. Ora è venuto il momento di passare Star Wars alla prossima generazione di produttori cinematografici. Ho sempre pensato che Star Wars potesse sopravvivermi e penso che la transizione andasse organizzata mentre sono ancora in vita".

Per la Disney è la terza acquisizione di rilievo dopo quella dei Pixar Animation Studios e della Marvel Entertainment.

A poche ore dall'acquisizione, la Disney ha già annunciato un nuovo episodio della saga di Star Wars per il 2015, ossia Episode 7, con George Lucas nel ruolo di consulente creativo. La numerazione con il 7 del film sembrerebbe far riferimento alla trilogia che dovrebbe seguire quella originale creata da Lucas negli anni Settanta. Inoltre, tutto l'universo della saga del regista di Modesto verrà integrata nei parchi divertimento della Walt Disney.

Quest'estate Lucas aveva dichiarato di voler lasciare la guida della Lucasfilm a Kathleen Kennedy e a quanto sembra sarà proprio lei a seguire per conto della Disney il marchio Lucasfilm. Oltre alla Lucasfilm ltd., la Disney ha acquisito anche tutte le società che sono state create da Lucas per dare vita a vere e proprie nuove tecnologie a supporto del franchise legato a Star Wars, tra cui la LucasArts, la Industrial Light & Magic e la Skywalker Sound.

Questi i fatti, ora facciamo qualche considerazione. La prima domanda è: perché? Non certo per soldi, tant’è che Lucas si è affrettato anche a dire che i soldi li darà in beneficienza e per promuovere progetti educativi. Forse, azzardiamo una risposta, non se le sentita di lasciare la sua società in mano a, diciamo così, suoi eredi e non intendo figli, ma persone che possano portare avanti il suo progetto. Evidentemente si fida più di uno studios come la Disney che di persone che possano portare avanti il “marchio” Guerre Stellari quando nel lontano futuro lui sarà su un’altra galassia.

Il dubbio però nasce spontaneo: saprà la Disney essere all’altezza di ciò che Lucas ha creato, sia dal punto di vista creativo sia da quello organizzativo? Su questo secondo aspetto, possiamo essere più certi che la Disney continuerà, ad esempio, a sviluppare effetti speciali con la Industrial Light & Magic o videogiochi sempre più innovativi con la LucasArts. Qualche perplessità nasce sul fronte creativo, visto che Luca ha sempre supervisionato tutto ciò che è stata etichettato come Star Wars.

In ogni caso è già stato annunciata una nuova trilogia e un nuovo film per il 2015. Ma non basta, gli attori della vecchia saga Fisher, Hamill e Ford sono già stati allertati. Ai posteri l’ardua sentenza…

 

 

pagina 1 di 1 - (fine)
Autore: Carmine Treanni - Delos Science Fiction 149 - Data: 18 novembre 2012

Vota questo articolo

Voti dei lettori

2 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 L'importante è che alla Disney non gli salti su di fare il reebot di Star Wars.

» postato da (Exidor ) alle 06:17 del 18-11-2012

2 Ehm... forse volevate dire "miliardi" di Euro ? ;-) Con tre milioni, bastava una colletta.

» postato da (Eros Ciaiolo) alle 09:57 del 18-11-2012

3 «Ehm... forse volevate dire "miliardi" di Euro ? ;-) Con tre milioni, bastava una colletta.» Of course. Grazie, corretto. S*

» postato da S* alle 16:16 del 18-11-2012

4 Di certo Lucas ha fatto il più bel regalo che potesse mai fare ai milioni di fan cresciuti con Star Wars e alla fantascienza, quindi all'arte, quindi all'umanità. In quasi trent'anni ha fatto sei film, la seconda trilogia assolutamente all'altezza della prima e ha ovviato alla tentazione del franchise cinematografico (vedi Star Trek, di cui tutti i fan sono fieri che siano usciti una quantità di film e serial, ma che certo poteva essere trattato in maniera molto più degna al cinema, magari con meno pellicole, imho). Certo, le varie edizioni super ultra mega remix uscite negli anni sono sembrate il tentativo di raccogliere anche l'ultimo penny dal fondo del sacco, ma almeno il fondamentale della storia, la trilogia che resterà una delle migliori forme d'arte del '900 non è stata diluita, defraudata, sminuita. (Chi ha pensato "Prometheus!" ci ha azzeccato) Il regalo di Lucas non è la devoluzione in beneficenza dell'incasso, rispettabilissimi fatti suoi, ma aver dato il compito di mantenere in vita dopo di lui la sua creatura ad una multinazionale multimiliardaria nata ai primi del secolo scorso e che ha sempre mantenuto una linea di coerenza con i suoi prodotti; quante altre aziende del settore hanno la storia, la disponibilità e la credibilità della Disney? Sull'obiezione mossa dall'autore dell'articolo, ovvero la vena di creatività e originalità portata da Lucas al prodotto (e che ne ha determinato la fortuna) vorrei aggiungere che questo è un problema di persone, non di aziende, se gli autori giusti sono a libro paga delle aziende giuste allora il prodotto difficilmente sarà un pastrocchio; non vedo queste grandi genialità tra gli sceneggiatori ed i registi contemporanei, ma sicuramente la Disney si è sempre servita del meglio che il mercato ha da offrire, quindi mi aspetto quantomeno una storia originale da episode VII. Se bella, brutta o inadatta alla saga, lo scopriremo.

» postato da L01CYL8 alle 17:58 del 18-11-2012

5 Fortunatamente "Indiana Jones" è stato solo co-prodotto dalla Lucasfilm, insieme alla Paramount Pictures (che poi si è occupata anche in gran parte della distribuzione). Questo dovrebbe salvare Indy da pericolose ingerenze e dal cadere nelle mani sbagliate... almeno finché la Disney non acquisterà la totalità del marchio.

» postato da (Giulio ) alle 19:45 del 18-11-2012

6 «Fortunatamente "Indiana Jones" è stato solo co-prodotto dalla Lucasfilm, insieme alla Paramount Pictures (che poi si è occupata anche in gran parte della distribuzione). Questo dovrebbe salvare Indy da pericolose ingerenze e dal cadere nelle mani sbagliate... almeno finché la Disney non acquisterà la totalità del marchio.» No, Indiana Jones è di proprietà della Lucasfilm, e quindi della Disney. La Paramount ha un contratto di sfruttamento che se non sbaglio vale ancora per un film, dopodiché tutto tornerà alla Disney. Un po' come avviene per i film degli X-Men o di Spider-Man. S*

» postato da S* alle 09:52 del 19-11-2012

7 Purtroppo per me questo significa solo uno shiftamento ulteriore dell'universo di Star Wars (e parlo dei film, ma non solo) verso un pubblico più adolescenziale, direi quasi bambinesco...e questo è un vero peccato...si perderà un "franchise" storico del mondo della fantascienza in favore di canali tv per bambini, ahimè...

» postato da (Diego Lunetta) alle 16:05 del 19-11-2012

8 «Purtroppo per me questo significa solo uno shiftamento ulteriore dell'universo di Star Wars (e parlo dei film, ma non solo) verso un pubblico più adolescenziale, direi quasi bambinesco...e questo è un vero peccato...si perderà un "franchise" storico del mondo della fantascienza in favore di canali tv per bambini, ahimè...» Non si vede perché. Il gruppo Disney produce un'enorme quantità di film e serie tv e solo una piccola parte sono per bambini. S*

» postato da S* alle 17:47 del 19-11-2012

9 Beh... Oddio... Così su due piedi non mi vengono in mente molti film Disney con target dichiarato agli over 18... Personalmente sono dibattuto: da una parte abbiamo la certezza che molti altri film e forse serie su Star Wars prenderanno vita negli anni futuri, e questo è un bene, ma dall'altra ho anch'io il timore che parte dello spirito originario si perda per strada. Ma tanto, diamine, peggio di Jar Jar che ci può essere? :lol:

» postato da Requiem Solitario alle 17:57 del 19-11-2012

10 caro requiem, avengers, tutti e 3 gli ironman, thor... tutti films prodotti dalla parte disney della marvel. e non mi pare che il target dei films fosse under-18 prima di dire certe cose bisognerebbe informarsi un minimo.

» postato da (pippo pluto) alle 10:56 del 20-11-2012

11 «Beh... Oddio... Così su due piedi non mi vengono in mente molti film Disney con target dichiarato agli over 18... » Cerca "Touchstone" su IMDB e trovi l'elenco. I film sotto marchio Disney sono per bambini, sì. Ma Star Wars mica va sotto marchio Disney. S*

» postato da S* alle 11:03 del 20-11-2012

12 «caro requiem, avengers, tutti e 3 gli ironman, thor... tutti films prodotti dalla parte disney della marvel. e non mi pare che il target dei films fosse under-18 prima di dire certe cose bisognerebbe informarsi un minimo.» È il solito equivoco tra Disney gruppo e Disney marchio. Sotto marchio Disney sono prodotti film per bambini ovviamente, ma la Disney Company è un gruppo che comprende decine di aziende, tra le quali la BuenaVista che distribuisce film di ogni genere, la Touchstone che produce film di ogni genere (per esempio vari film di Nolan come The Prestige), la ABC che è la principale tv usa e produce serie di ogni genere, poi ovviamente la Pixar, la Marvel, i Muppets, e la Lucasfilm che è l'ultima aggiunta. S*

» postato da S* alle 11:09 del 20-11-2012

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.