Lucca Comics And Games

Delos Science Fiction 155 su carta!


Delos Science Fiction 155
pagine 80, b/n
copertina a colori plastificata
prezzo 6,50 euro
prezzo per i soci 5,85 euro
acquistalo subito
su Delos Store!

oppure

ABBONATI!
5 numeri
solo 26 euro


La lezione di Vonnegut Jr.

Men in Black 3 è al centro dello speciale di questo numero 144 di Delos, accompagnato da servizi sul fumetto tratto dalla biografia di Philip K Dick e il Fanta Festival Mohole 2012. Il racconto è di Fabio Musati.

Cinque anni fa ci lasciava, per approdare molto probabilmente sul pianeta Tralfamadore, Kurt Vonnegut Jr.

Al di là della sua appartenenza o meno alla fantascienza e delle sue personali considerazioni sul genere, Vonnegut è uno dei più grandi cantori del nostro secolo, ma non c’è dubbio che l’apporto che ha dato al genere è da considerarsi notevole e originale.

Anche se bisogna dirlo, lo scrittore americano non amava essere etichettato come autore di science fiction. Ecco cosa scrive a proposito della reazione dei critici al suo primo romanzo Player Piano (1952), pubblicato in Italia sia con il titolo Distruggete le macchine sia con quello di Piano meccanico.

“Anni fa ho lavorato per la General Electric a Schenectady e, accerchiato com’ero da macchine e da idee per macchine, non ho potuto far altro che scrivere un romanzo che parlasse di persone e di macchine, e in cui spesso le macchine avevano la meglio sulle persone, come del resto capita nel mondo reale. (Si intitola Piano Meccanico ed è stato ripubblicato sia in hard cover che in edizione tascabile). È stato allora che i critici letterari mi hanno informato del fatto che ero uno scrittore di fantascienza. Non lo sapevo mica. Pensavo di aver scritto un romanzo sulla vita, sulle cose che mi toccava vedere e ascoltare a Schenectady, una città più che reale, un’inquietante presenza nel nostro quotidiano già tanto spaventoso. Da allora mi hanno fatto entrare a forza in un cassetto etichettato «fantascienza», e adesso vorrei tanto uscirne, soprattutto perché molti dei critici più rispettabili scambiano spesso questo cassetto per un orinale”.

Sono tre, in particolare i romanzi che vengono considerati fantascientifici: Piano meccanico, per l’appunto, Ghiaccio Nove e Le Sirene di Titano.

Le note biografiche di Vonnegut Jr. ci dicono che è nato a Indianapolis, l’11 novembre del 1922, da Kurt Vonnegut ed Edith Lieber. Terzogenito di una famiglia di origini tedesche (il nonno emigrò negli USA nel 1848), che perse quasi tutto il patrimonio nella Grande Depressione del 1929, a 21 anni, nel 1943, lo scrittore si arruola nell’esercito americano e nel 1944, dopo che sua madre muore suicida, viene catturato in Germania, dove nel 1945 sopravvive al bombardamento di Dresda. Rilasciato dai russi che hanno occupato la città tedesca, ritorna negli Stati Uniti, dove riceve una medaglia per le ferite subite in guerra.

Questi pochi dati biografici sono il motivo essenziale di un certo pessimismo di fondo di cui è pervasa la sua narrativa, filtrata però attraverso la lente della satira. Un pessimismo che nasce dalla consapevolezza che il sistema dei poteri forti non può che essere combattuto in prima istanza da chi quel sistema ha contribuito a costruirlo e a renderlo un’efficiente macchina da guerra. Un tema di grande attualità oggi, in cui la finanza e i mercati economici sembrano essere in qualche modo la musa ispiratrice delle decisioni governative, soprattutto di quei paesi che si dichiarano democratici.

Attraverso la lama affilata dell’ironia, Vonnegut ha messo in discussione la società del ventesimo secolo, in quasi tutti i suoi aspetti: la scienza, apparentemente fonte di progresso, ma spesso sinonimo di distruzione di massa; la religione, considerata niente di più che un buon metodo per nascondere la realtà alla gente; la lucida follia che sembra animare l’establishment politico-militare di vari paesi. Bersaglio diretto resta comunque l’America, almeno quella parte del paese che non perde l’occasione per ergersi a difesa del mondo.

Una lezione che non dobbiamo dimenticare e soprattutto dovrebbero tener conto gli scrittori di fantascienza contemporanei.

 

 

pagina 1 di 1 - (fine)
Autore: Carmine Treanni - Delos Science Fiction 144 - Data: 13 maggio 2012

Vota questo articolo

Voti dei lettori

ancora nessun voto

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Vonnegut e' un grandissimo, i suoi libri incantano per semplicita' e profondita'. Anche quelli che inizialmente sono stati poco considerati, penso ad esempio Comica finale, sono originali, dirompenti e dissacranti. Tutto sommato Piano meccanico e' poco rappresentativo della sua narrativa e forse non e' neppure uno dei suoi migliori romanzi. Pero' rispetto alla sua "appartenenza" o meno al genere vale sempre la pena ricordare perche', sopratutto (come ri-scriverebbe lui) non voleva sentirsi etichettato come scrittore di sf: Da allora mi hanno fatto entrare a forza in un cassetto etichettato «fantascienza», e adesso vorrei tanto uscirne, soprattutto perché molti dei critici più rispettabili scambiano spesso questo cassetto per un orinale”. Ovvero per non essere scartato a priori dalla critica.

» postato da Davide Siccardi alle 08:26 del 13-05-2012

2 Mattatoio n.5 non è fantascienza? Non ho letto tutto di Vonnegut ma quello che ho letto mi è tanto piaciuto, ridendo e piangendo nello stesso tempo, sempre originale, al di fuori degli schemi... Grazie Kurt... Ah... così va la vita.. so it goes (Non c'entra nulla ma piace ricordarlo). :-)

» postato da Micronaut alle 12:14 del 14-05-2012

3 Vonnegut è straordinariamente in grado di stupire sempre, persino nei suoi romanzi più remoti, "Piano meccanico" e "Le sirene di Titano". La sua bellezza sta nell'inclassificabilità, utilizza generi diversi mettendoci dentro la sua umana, scettica e grottesca visione del mondo, ma quando utilizza scenari fantascientici è delizioso. Da non perdere "Ghiaccio 9" e "Galapagos".

» postato da Fabio Lastrucci 2 alle 22:38 del 05-06-2012

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.