A sedici anni dall’uscita di Akira, il primo anime giapponese largamente distribuito nel circuito cinematografico internazionale, undici anni dopo il trittico di Memories, ecco tornare Katsuhiro Otomo, una autentica leggenda nel mondo dell’animazione. Visti i numeri, il suo non poteva che essere un ritorno in gran stile. Se Akira aveva esaltato l’estetica cyberpunk del suo creatore, Steamboy segna un superamento dell’ormai mitico precursore e si inserisce in una tradizione altrettanto nobile ma forse cinematograficamente meno sfruttata: lo steampunk, irriverente miscela di critica sociale e divertissment che trasfigura il positivismo dell’epoca vittoriana in una raffinata sintesi di cyberpunk e storia alternativa. Nel mondo della narrativa lo steampunk ha raggiunto il suo apice nella Macchina della Realtà di William Gibson e Bruce Sterling (Mondadori) e nella trilogia Steampunk di Paul Di Filippo (Editrice Nord), due raffinate incursioni di alcune illustri personalità della fantascienza contemporanea in un Ottocento di pura invenzione, in cui una provvidenziale combinazione della tecnologia del vapore con le scienze informatiche ha permesso di anticipare la rivoluzione elettronica di circa un secolo. Lo scenario urbano è dunque dominato da macchine mirabolanti e strutture meravigliose, ma dietro la facciata di questo progresso illuminato si nascondono trame occulte che non di rado sconfinano nel sovrannaturale. Un po’ più prosaico, a dire il vero, è il primo e finora unico esemplare cinematografico del filone, quel Wild Wild West di Barry Sonnenfeld che riprendeva in chiave ironica le avventure televisive di un agente federale e di uno strambo inventore su e giù per il Far West. Il risultato, per quanto divertente, non fu tale da inaugurare un sottogenere, come invece era successo quindici anni prima per Blade Runner, vera pietra miliare del cinema moderno. A colmare la lacuna giunge ora Steamboy che, non temiamo smentite, da adesso in poi cambierà definitivamente il cinema d’animazione. Il suo creatore ha speso dieci anni per realizzare questa epica vittoriana

La macchina della realtà su Urania Collezione

William Gibson e Bruce Sterling ci portano in un passato parallelo molto differente, un'ucronia che ha contribuito a...

Giampaolo Rai, 18/12/2013

Barry Sonnenfeld: "I miei uomini in nero"

Il regista della saga cinematografica con protagonisti Will Smith e Tommy Lee Jones svela alcuni retroscena del...

Redazione, 13/05/2012

Lo steampunk secondo Paul Di Filippo

È uscito nella collana Odissea Fantascienza il libro cardine del genere Steampunk. Pubblichiamo l'introduzione di...

Salvatore Proietti, 18/11/2011