Sarebbe ancora bello essere belli se belli lo sono tutti? È un po' la domanda che si pone Donato Altomare nel racconto Mara, per te, gioiellino pubblicato per la prima volta nel 1988 su Nova SF*. Il racconto tra l'altro è in qualche modo un omaggio a Lino Aldani, testimoniato dal nome di uno dei personaggi, Linaldo.

Mara, per te

Sinossi

Arriverà un giorno in cui grazie alla medicina e alla genetica tutte le persone saranno bellissime. Non ci sarà più la necessità di lavorare: la vita sarà in effetti piuttosto noiosa.

E allora la gente, avrà un unico sogno, un unico desiderio: quello di possedere un partner un tantino brutto.

Sarà allora che entrerà in scena un Chirurgo-Scultore che, grazie a una prodigiosa macchina, potrà ‘regalare’ a chiunque ne abbia diritto, un cicatrice, una modesta deformazione. Ma il Maestro, il Chirurgo-Scultore che scolpisce corpi umani, è soggetto a rigidissime regole. E non può innamorarsi.

L'autore

Donato Altomare nasce a Molfetta nel 1951 e vi risiede. Laureato in Ingegneria Civile esercita la libera professione. Sposato, ha tre figli. Narratore, saggista, poeta, ha vinto due volte il Premio Urania di Mondadori e cinque volte il Premio Italia, e una volta il Premio della critica Ernesto Vegetti, oltre a molti altri premi per la narrativa e la poesia. Autore essenzialmente del fantastico. Numerosissime le sue antologie, i suoi romanzi e i suoi racconti editi in Italia e all’estero. Sono state tenute tesi di laurea su di lui. È l’attuale Presidente della World Science Fiction Italia, l’associazione degli operatori della fantascienza e del fantastico.

Donato Altomare, Mara, per te , Delos Digital, Robotica.it 28, isbn: 9788865306031, ebook formato kindle (su Amazon.it) o epub (sugli altri store) con social drm (watermark) dove disponibile , Euro 1,99 iva inclusa

Ebook disponibile

Acquistalo subito su uno dei seguenti negozi online: