Preparate di nuovo i fazzoletti. La scienza, ma anche il dramma umano è al centro del nuovo trailer internazionale (con sottotitoli in Italiano) di La Teoria del Tutto, la storia degli anni della formazione dell'astrofisico Stephen Hawking, dai primi anni di studio, fino alla scoperta della malattia del motoneurone che lo ha bloccato su una sedia a rotelle, e del modo è riuscito a trovare il modo di comunicare con il mondo e a sconfiggere una diagnosi che gli dava pochi anni di vita.

Il film è basato sulle memorie di Jane Hawking “Travelling to Infinity: My Life with Stephen” ed è diretto da James Marsh (Man on Wire).

Eddie Redmayne (Les Miserables) e Felicity Jones (The Amazing Spider-Man 2) sono i protagonisti principali

Insieme al trailer la Universal Pictures, che distribuirà il film in Italia dal 15 gennaio 2015, ha diffuso anche alcuni giudizi della critica internazionale.

Si va dal "tremendamente commovente e d’ispirazione", di Lou Lumenick del New York Post

a "La performance di Eddie Redmayne è una meraviglia" (Richard Lawson, Vanity Fair), "Una storia d’amore unica che sboccia come una meravigliosa fiaba (Rogertebert.com) per finire con "Romantico, brillante, mozzafiato e bellissimo" (Sean O’Connell, Cinemablend).

La sinossi breve

La Teoria del Tutto è la straordinaria ed edificante storia di una delle più grandi menti viventi del mondo, il rinomato astrofisico Stephen Hawking, e di due persone che contro ogni probabilità hanno sfidato gli ostacoli più imponenti con il loro amore.

Il nuovo trailer internazionale

Cos'è The Aeronauts, film quasi steampunk da oggi su Amazon Prime Video

Una temeraria areonauta e un meterologo si sollevano verso l'avventura della loro vita, per sfidare pericoli,...

Leo Lorusso, 20/12/2019

L'universo senza Stephen Hawking

Lo studio dei buchi neri, l'intuizione della radiazione Hawking, il grande contributo alla teoria del big bang. Ed...

S*, 14/03/2018

Stephen Hawking: cadere in un buco nero non è la fine

Interstellar e prima The Black Hole hanno immaginato che il buchi neri siano qualcosa di più...

Leo Lorusso, 28/08/2015