Il rapporto tra la televisione e la fantascienza è sempre stato costellato di incomprensioni, per non dire veri e proprie liti, tra chi la tv la realizza e chi ci mette i soldi. Per dirla in altri termini tra i creativi e i poduttori. Esemplare è il caso di Star Trek Ka seria classica e del rapporto che il suo creatore, Gene Roddenberry, ha avuto con i dirigenti della NBC. Come è noto vennero realizzati due pilot, due primi episodi, perché il primo venne ritenuto troppo cerebrale dai vertici del network televisivo e, stranamente, venne concessa a Rodenberry la possibilità di realizzarne un secondo.

Fatto unico più che raro, ma paradigmatico di quanta poca lungimiranza abbiano coloro che nella televisione investono soldi e sappiamo, col senno di poi, cosa sia stato il franchise di Star Trek in tal senso.

Ebbene, sembra che le cose non siano cambiate molto dalla metà degli anni Sessanta. J. Michael

The Matrix: arriva la smentita della smentita sul sequel. E Michael B. Jordan

Secondo le ultime voci interne alla Warner le Wachowski stanno lavorando a un ritorno nel mondo di Matrix, ma lo...

Leo Lorusso, 25/06/2019

Walter Koenig è il primo ospite annunciato della Deepcon 17

L'iconico attore caro ai fandom di Star Trek e Babylon 5 festeggerà a Fiuggi con l'Associazione...

Emanuele Manco, 17/09/2015

Babylon 5: un nuovo inizio, al cinema

Non si placa la corsa al remake di titoli classici. Tocca ora a una serie di culto, che potrebbe fare il salto sul...

Leo Lorusso, 10/09/2014