Arrow sta per tornare dall'isola su cui era naufragato, per prendersi la sua rivincita sulla CW, l'emittente che sta scommettendo tutto su una serie che vuole essere l'erede di Smallville pur seguendo un percorso molto diverso.

Malgrado Green Arrow avesse avuto un'incarnazione nel mondo alternativo di Clark Kent come immaginato dalla CW, quello che andremo a scoprire è un nuovo inizio, un nuovo volto e un'atmosfera che vuole dichiaratamente rifarsi al tono realistico dei Batman di Christopher Nolan, al punto che anche qui i personaggi in arrivo dal mondo DC non indosseranno le maschere e i costumi che li caratterizzano su carta, ma saranno calati in un contesto più verosimile.

Per preparare il pubblico al suo arrivo, Entertainment Weekly ha stilato una lista di cose da sapere:

1 -  Si chiama solo Arrow.

Malgrado sia basato sul personaggio della DC Comics Green Arrow, i due showrunner Marc Guggenheim e Andrew Kreisberg hanno volutamente accorciato il nome con l'intento di renderlo meno fumettoso (parole loro).

2 - È democratico o repubblicano?

Ricordatevi che negli Usa si trovano nel pieno della campagna presidenziale, per cui gli autori del telefilm non hanno potuto esimersi dal rispondere a questa domanda: Kreisberg ha raccontato che sì, nel fumetto il personaggio può essere visto con tendenze democratiche e sicuramente rimarrà in parte quella sua caratteristica: "Ci saranno sicuramente echi dell'1% e del movimento Occupy wall street all'interno del telefilm". 

Ma Stephen Amell, l'attore che dà il volto al protagonista, ci tiene a dire che "l'etichetta di liberal è stata esagerata da parte dei media. Io penso sia un errore dire che Oliver Queen è un supereroe liberal che prende di mira i ricchi". Per Amell la verità è un'altra: "Lui prende di mira le persone che abusano dei loro poteri. Ora, saranno quasi tutti ricchi? Sicuramente. Quindi Arrow è un democratico? Assolutamente no. È un repubblicano? Nemmeno. È un idealista, che dà la caccia a un certo tipo di persone, non a una classe sociale". 

3 - Ebbene sì, torniamo sull'isola.

No, non quell'isola (probabilmente), ma anche questa sarà piena di misteri e pericoli. Secondo Guggenheim i flashback del suo periodo da naufrago saranno frequenti durante lo svolgimento della storia: "Raccontare come un ragazzo ricco sia diventato un letale cacciatore di criminali sarà parte sostanziale del telefilm".

E sottolinea che "Arrow è l'unico personaggio a cui riesca a pensare in grado di reggere cinque anni di storia delle sue origini, proprio a causa dell'isola".

Ma soprattutto: "L'ultimo episodio della serie ci mostrerà Oliver che vede arrivare la nave di salvataggio vista nel pilot". Da notare come non solo Guggenheim si senta così sicuro del suo telefilm da raccontare quale sarà la scena finale dell'intera serie, ma ha debitamente fatto gli scongiuri non nominando mai Lost.

4 - Arrow gioca duro.

Arrow stagione 6: tutto quello che sappiamo finora

È finita l'era del vigilante cupo e solitario? Secondo il protagonista e gli autori la serie è pronta...

Leo Lorusso, 31/05/2017

Supergirl, The Flash, Arrow, DC's Legends of Tomorrow: tutti i dettagli sul mega cross over

La CW anticipa Netflix e crea il più grande crossover di supereroi del mondo televisivo, creando uno scontro...

Leo Lorusso, 20/10/2016

In arrivo un nuovo spin-off da Arrow… e The Flash

L'emittente CW vuole ampliare il suo mondo supereroistico e lo farà in modo inaspettato: preparatevi non a un nuovo...

Leo Lorusso, 9/03/2015