Avevamo lasciato il Doctor Who con la giovane faccia di Matt Smith, il Tardis (la sua astronave a forma di cabina telefonica) era in fiamme e stava precipitando verso la Terra. Questo il finale della quarta stagione e questo l’inizio dell’era targata Steve Moffat, nuovo attesissimo showrunner.

La BBC ci ha concesso un assaggio dei primi quarantatre secondi di The Eleventh Hour, la premiere tanto attesa da quando il pubblico ha assistito all’amaro saluto di David Tennant, forse il Dottore più amato di tutti i tempi.

Insieme a questa breve degustazione, si può dare anche uno sguardo al sesto episodio della nuova serie dal titolo Vampires of Venice, in cui si nota un Matt Smith decisamente a suo agio nei panni dell’ultimo abitante di Gallifrey, il pianeta natale dei Time Lords.

Davvero degni di nota gli effetti visivi del Tardis-meteorite e la disgustosa dentatura delle deliziose vampiresse, segnali che denotano l’altissima qualità tecnica della tv pubblica inglese, che ha nel Doctor Who e nel suo spin-off Torchwood i suoi prodotti di punta.

Nel corso della prossima stagione, a discapito di chi pensava che lo show avrebbe abbandonato i filoni narrativi più amati assumendo un taglio eccessivamante “teen”, i fan del Dottore assisteranno al ritorno degli amati Angeli Piangenti, dell’enigmatica River Song e, ovviamente, degli odiati Daleks.

La premiere andrà in onda su BBC One il 3 aprile alle 18.20, mentre sarà trasmessa su BBC America il 17 aprile alle 21.00.

Doctor Who: l'episodio natalizio svelerà il mistero delle rigenerazioni finite?

È la fine per Doctor who? Come si può superare il limite delle vite disponibili quando non ne hai più? A natale...

Leo Lorusso, 27/11/2013

È arrivato The Day of the Doctor, stasera in "diretta" su Rai4

Sta per finire l'attesa: questa sera in contemporanea in duecento paesi - anche in Italia, su Rai4! - The Day Of...

S*, 23/11/2013

Doctor Who: più di tre Dottori nell'episodio del cinquantenario

Se pensavate che le sorprese fossero finite con il recupero dell'ottavo dottore, dovrete ricredervi, almeno secondo...

Leo Lorusso, 21/11/2013