Lucca Comics And Games

Il meglio e il peggio dei fumetti di fantascienza nel 2011

Le grandi case editrici hanno cominciato a rinnovarsi e a svecchiarsi in modo più o meno radicale, mentre c'è stato un buon fermento fra i fumetti indipendenti e nostrani.

ingrandisci

Anno particolare per il fumetto mainstream, il 2011 è passato con la conclusione di un periodo oscuro per i supereroi di casa Marvel, affrancati finalmente dagli ultimi lasciti della Guerra Civile e dell'era successiva governata dal diabolico Norman Osborn (alias Green Goblin), liberi infine di entrare a tambur battente in quella che è stata battezzata come Età degli Eroi, un periodo, a sentir la Marvel, di possenti meraviglie e di grandi cambiamenti (ma non hanno sempre detto così?).

 

DC Comics invece ha dovuto far fronte alle conseguenze dell'ultima Crisi spaziotemporale con l'avvento degli Dei di Nuova Genesi e Apokolips sul nostro piccolo ma cruciale pianeta e conclusasi in modo traumatico per i due pilastri fondamentali della casa editrice. Batman, in gestione Grant Morrison, sarà disintegrato dell'effetto omega di Darkseid e sparso per il flusso temporale, mentre Superman, ancora scioccato da quanto successo, dovrà subito dividersi fra il suo pianeta adottivo e un Nuovo Krypton appena rifondato nel nostro sistema solare.

 

Stan Lee poi, non pago di aver dato un contributo fondamentale al mondo del fumetto, ha colto l'occasione e la disponibilità dei Boom! Studios per lanciare sul mercato alcuni personaggi "nuovi" probabilmente rimasti nel cassetto come idee dal suo periodo d'oro, prontamente pubblicati qui da noi dalla Panini Comics. Ottimo anche il fumetto indipendente o comunque slegato dalla corrente principale del mercato che ha regalato gioiellini come Kepher della Star Comics (tutto italiano) o Cave Canem della BD Edizioni. Veniamo comunque senza ulteriori indugi alla classifica cominciando con i migliori.

I migliori

Kepher di Roberto Cardinale e Stefano Nocilli, uscito per la Star Comics a fine anno, è una riuscitissima ucronia ambientata in un futuristico "antico Egitto" con tanto di nanotecnologia, thriller fantapolitico, strani riferimenti religiosi e personaggi decisamente riusciti. Un cyberpunk moderno e originale che riesce, almeno nei suoi primi numeri, a mischiare elementi narrativi già sfruttati in una miscela nuova e accattivante.

 

Scarlet di Brian Michael Bendis e Alex Maleev per la Icon (in Italia Panini Comics), etichetta semi-indipendente della Marvel, non sfocia propriamente nell'ucronia, ma nella sociologia fantascientifica creando un mondo, o almeno un'immagine della città di Portland, in cui un gesto e le sue conseguenze porteranno una giovane e normale ragazza a minare le certezze su cui si basa il nostro mondo. Accattivante, provocatorio ma allo stesso tempo con un sapore lirico.

 

Guerra Eterna di Marvano (abilissimo disegnatore belga) e di Joe Haldeman (autore del romanzo) per la 001 Edizioni è invece un classico della fantascienza trasposto a fumetti per volontà e grazie all'opera del suo stesso autore. Splendida l'opera originale e altrettanto splendida una rivisitazione grafica difficile ma riuscitissima, capace di dare un volto, senza deludere, a un'ambientazione che da più di trent'anni fa sognare gli appassionati di fantascienza.

 

Y: The Last Man o L'ultimo uomo sulla Terra, un capolavoro creato da Brian K. Vaughan per la linea Vertigo della DC Comics e pubblicato dalla Planeta De Agostini in Italia, arriva nel 2011 alla conclusione meritandosi un posto in classifica. Splendido fumetto, ottima storia dall'inizio e l'autore non riesce a rovinarla con un finale troppo prevedibile. Da leggere assolutamente.

 

S.H.I.E.L.D. di Jonathan Hickman e Dustin Weaver uscito per la Marvel e pubblicato da noi in appendice a Fantastici Quattro è un gioiellino che si potrebbe facilmente trascurare, vista la scarsa importanza editoriale attribuitagli. Se volete però lanciarvi fra realtà parallele, viaggi temporali, Celestiali dormienti in compagnia di Leonardo da Vinci, Isaac Newton e Nikola Tesla (senza contare Nathaniel Richards e Howard Stark) è il fumetto che fa per voi.

 

Menzione d'onore fra i migliori può vantarla la pubblicazione dell'edizione completa da libreria dell'Eternauta, un'opera d'arte regalataci dalle 001 Edizioni, e la riedizione di Starman di James Robinson da parte della Planeta De Agostini, un'altra pietra miliare della fantascienza a fumetti. Da non dimenticare infine l'ottimo Capitan America di Ed Brubaker, capace di gestire non in modo scontato il ritorno dell'originale dalla morte, e il Cave Canem di Nicolò Assirelli, un bravo e giovane autore faentino che invece dà una sua personale interpretazione alla teoria etropica della farfalla. Veniamo ora ai peggiori.

I peggiori

Soldier Zero di Stan Lee, Paul Cornell e Javier Pina pubblicato dalla Panini Comics. Un parassita alieno cade sul nostro pianeta portando fin da noi le conseguenze di una guerra intergalattica e legandosi a un giovane ragazzo rimasto paralizzato, donandogli la possibilità di camminare di nuovo in aggiunta a favolosi poteri. Un'idea nuova negli anni '60, scritta e caratterizzata con la profondità dell'epoca. Si poteva evitare.

 

Spider-Man: un momento nel tempo scritta e disegnata da Joe Quesada, dovrebbe rispondere a tutte le domande che i lettori si erano fatti dopo la rettifica di continuity apportata dalla testata l'anno prima. In effetti risponde ma in modo orribile, virando ancora di più la testata su un fantasy di second'ordine. Uno spreco di talento.

 

Mass Effect: Evolution di Mac Walters per la Dark Horse negli Stati Uniti e per la Panini Comics in Italia. Ottimo videogioco, pessimo fumetto. Non sempre si può sopperire alla mancanza di originalità andando a trasporre nel fumetto un opera che ha fatto successo in un altro mezzo narrativo. Si rischia non solo di non arrivare all'altezza dell'originale, ma di esserne schiacciati.

 

Iron Man 2.0 di Nick Spencer e vari per Marvel Italia (o Panini Comics). Si doveva rilanciare e rivisitare un personaggio della famiglia di Iron Man ormai adulto per muovere i suoi primi passi da solo, dopo diversi tentativi verso questo obiettivo. Storia scontata, caotica e priva di qualsiasi approfondimento. Invece di aiutarlo a muovere i primi passi, gli sono state rotte le ginocchia.

 

Knight of Sidonia di Tsutomu Nihei per la Panini Comics. Vi ricordate di Blame! con le sue atmosfere oscure, oppressive e criptiche, la quasi mancanza di dialoghi e la tensione in ogni tavola? Nihei sperimenta in questo fumetto un alleggerimento di quei caratteri narrativi estremi, caratteristici del suo modo di scrivere e disegnare. Non ci riesce per nulla purtroppo, creando un'opera leggera e incomprensibile.

 

Menzione d'onore fra i peggiori per Nemesis di Mark Millar per la Panini Comics, un prevedibile coacervo di luoghi comuni spacciato per l'opera dell'anno, assieme a Lilith di Luca Enoch, splendido nei disegni e narrativamente ineccepibile, ma poco carico di tensione e ancora nebuloso dal punto di vista del quadro generale. Una Guerra dei Mondi con il pianeta Marte tenta di stupire i lettori di Nathan Never ma, pur essendo realizzata con standard un poco superiori alla media Bonelli, non riesce a far altro che scimmiottare, come al solito, opere d'oltreoceano vecchie e recenti. Ultima menzione fra le peggiori la nuova maxisaga Marvel che dovrebbe inaugurare l'Età degli Eroi, Fear Itself, ideata da un Matt Fraction per il resto in ottima forma: quasi illeggibile anche per lo standard dei megacrossover.

 

Autore: Ivan Lusetti - Data: 31 gennaio 2012

Vota questo articolo

Voti dei lettori

12 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Una Guerra dei Mondi con il pianeta Marte tenta di stupire i lettori di Nathan Never ma, pur essendo realizzata con standard un poco superiori alla media Bonelli, non riesce a far altro che scimmiottare, come al solito, opere d'oltreoceano vecchie e recenti. quali ?

» postato da (manuel ) alle 08:22 del 31-01-2012

2 Una cosa mi perplime. Il giudizio su Lilith. Siamo ancora al 7-imo numero su, mi pare. una dozzina. Forse un po' troppo presto per andare a cercare chiarezza nel quadro generale. Io lo leggo con un senso di attraversamento della Storia particolare e bizzarro.

» postato da pulvy70 alle 08:32 del 31-01-2012

3 Scusate, in che realtà parallela Spider-Man: Un Momento nel Tempo è stato scritto da Straczynski? È stato scritto da Joe Quesada e disegnato in parte da Quesada in persona e in parte da Paolo Rivera :) Robo

» postato da robocoppola alle 09:25 del 31-01-2012

4 «Una cosa mi perplime. Il giudizio su Lilith. Siamo ancora al 7-imo numero su, mi pare. una dozzina. Forse un po' troppo presto per andare a cercare chiarezza nel quadro generale. Io lo leggo con un senso di attraversamento della Storia particolare e bizzarro.» Condivido. A mio avviso gli elementi sono stati tutti seminati (centellinati) su ogni numero. Non lo metterei tra i peggiori dai.

» postato da Abyrdeen² alle 10:00 del 31-01-2012

5 «Scusate, in che realtà parallela Spider-Man: Un Momento nel Tempo è stato scritto da Straczynski? È stato scritto da Joe Quesada e disegnato in parte da Quesada in persona e in parte da Paolo Rivera :) Robo» Resta una porcata lo stesso.

» postato da Abyrdeen² alle 10:00 del 31-01-2012

6 ««Scusate, in che realtà parallela Spider-Man: Un Momento nel Tempo è stato scritto da Straczynski? È stato scritto da Joe Quesada e disegnato in parte da Quesada in persona e in parte da Paolo Rivera :) Robo» Resta una porcata lo stesso.» Ho tenuto nella "penna" dopo l'episodio precedente scritto da Starcchino... :D Correggo....

» postato da Zakalwe alle 10:23 del 31-01-2012

7 ««Scusate, in che realtà parallela Spider-Man: Un Momento nel Tempo è stato scritto da Straczynski? È stato scritto da Joe Quesada e disegnato in parte da Quesada in persona e in parte da Paolo Rivera :) Robo» Resta una porcata lo stesso.» Condivido Oltre al fatto che così abbiamo ancora Mary Jane tra le scatole quando sarebbe molto meglio morta Invece Fear Itself non è proprio da mettere nei peggiori. E' inutile, ma nel complesso ci può stare

» postato da Otrebla alle 10:48 del 31-01-2012

8 Nathan Never scimmiotta cosa? Non mi ricordo nulla "d'oltre oceano" simile alla guerra dei mondi. Ah , si , qualcosa c'è! IL TITOLO! Non cocordo affatto con questa parte dell'articolo. Per gli altri fumetti non mi pronuncio ma solo perché non li ho letti.

» postato da (klarius gala) alle 10:50 del 31-01-2012

9 «Nathan Never scimmiotta cosa? Non mi ricordo nulla "d'oltre oceano" simile alla guerra dei mondi.» Nathan Never è sempre stato un "omaggio" quasi completo di cose altrui, anche ai suoi tempi migliori. S*

» postato da S* alle 11:29 del 31-01-2012

10 Lilith a me piace un sacco sicuramente per i disegni, forse la storia intera non è ancora definita, ma ogni singolo numero è un tuffo nella storia molto ben documentato, anche in episodi storici poco noti. Vista la sede vi consiglieri anche Legion75 che è una serie fantascientifica-ucronica di cui il ho letto il 1o numero e mi sembra prometta molto bene (ne avevo già parlato nella sezione fumetti).

» postato da Micronaut alle 11:43 del 31-01-2012

11 Personalmente trovo il giudizio su Knight of Sidonia forse un po' affrettato, è pur vero che le basi di partenza della storia non sono dei più originali (umanità in fuga, misteriosi e imperscrutabili alieni, ragazzo prodigio che guida un robottone e subito si distingue etc...) definirla "incomprensibile" quindi mi sembra eccessivo, anzi semmai il contrario. Forse il limite è proprio nel fatto che Nhiei dovendo scrivere una storia con una trama più "normale" parte con un po' di clichè tuttavia già al terzo numero iniziando a svelare alcuni retroscena e approfondendo l'ambientazione inizia a intravedersi maggiormente lo "stile Nhiei". Forse non uno dei suoi migliori, ma metterlo addirittura tra i peggiori (soprattutto con solo tre numeri per poter giudicare) mi sembra decisamente eccessivo.

» postato da Il Senatore alle 12:09 del 31-01-2012

12 «Nathan Never scimmiotta cosa? Non mi ricordo nulla "d'oltre oceano" simile alla guerra dei mondi. Ah , si , qualcosa c'è! IL TITOLO! Non cocordo affatto con questa parte dell'articolo. Per gli altri fumetti non mi pronuncio ma solo perché non li ho letti.» Vediamo...intanto una risposta veloce a braccio... Battle LA Skyline Transformers 3 Per non parlare di una serie recente come Falling Skies Per non parlare del centro di difesa terrestre identico all'eliveivolo Shield di Ultimates e per non parlare di come interviene nella battaglia, sempre chiaro omaggio alla seconda serie di Ultimates di Mark Millar L'UniMente é pienamente Marvel anche nel nome ed il concetto di un unico elaboratore per migliaia di droni credo sia un tantinello inflazionato nelle storie di fantascienza a cominciare da Nathan Never stesso Il virus che abbatte la flotta "aliena" é pienamente ID4 mentre l'enorme astronave invincibile ma unica c'é fin da Star Trek La resistenza nei sotterranei delle grandi città fa molto Terminator... Non ho parlato naturalmente delle migliaia di fumetti, serie e/o prodotti cinematografici che si ispirano alla Guerra dei Mondi...da Alan Moore a Spielberg... ....e sono solo andato a braccio senza nemmeno fermarmi a pensare un attimo...

» postato da Zakalwe alle 12:44 del 31-01-2012

13 «Lilith a me piace un sacco sicuramente per i disegni, forse la storia intera non è ancora definita, ma ogni singolo numero è un tuffo nella storia molto ben documentato, anche in episodi storici poco noti. Vista la sede vi consiglieri anche Legion75 che è una serie fantascientifica-ucronica di cui il ho letto il 1o numero e mi sembra prometta molto bene (ne avevo già parlato nella sezione fumetti).» Lilith é un fumetto piacevole ed apprezzo tantissimo l'opera di Enoch sia come disegnatore che come scrittore...quando fa entrambe le cose assieme peró ha un certo calo di rendimento che si vede purtroppo. Se confrontiamo i primi numeri di Kepher o di Harry Moon con quelli di Lilith troviamo storie con una struttura narrativa molto piú varia e con una trama di sottofondo, pur se solo accennata, molto piú evidente di quanto per adesso ci abbia mostrato Lilith. Una struttura narrativa quasi fissa per il personaggio, una caratterizzazione ancora stereotipata ed un modulo, narrativo unico tolgono una parte di piacevolezza alla lettura di un fumetto che potrebbe dare decisamente di piú. Poi de gustibus....

» postato da Zakalwe alle 12:54 del 31-01-2012

14 «Nathan Never scimmiotta cosa? Non mi ricordo nulla "d'oltre oceano" simile alla guerra dei mondi. Ah , si , qualcosa c'è! IL TITOLO! Non cocordo affatto con questa parte dell'articolo. Per gli altri fumetti non mi pronuncio ma solo perché non li ho letti.» Vorresti dirmi che questa trama è innovativa e originale, una storia che definire minestra riscaldata è già fargli un complimento. overzzzzz..

» postato da jetscrander alle 15:16 del 31-01-2012

15 Riguardo Lilith, la trovo graficamente di buon livello, ma a parte la periodicità semestrale che la rende arcigna da seguire, 18 numeri mi sembrano troppi per lo svolgimento di questa trama. overzzzzz....

» postato da jetscrander alle 15:21 del 31-01-2012

16 Vorrei spezzare anch'io una lancia per Lilith. Enoch è un disegnatore di livello superiore e mette nel fumetto una ricerca spasmodica per fatti e avvenimenti che riescono a collegarsi alla vicenda della protagonista. Visto e considerato che non è un fumetto seriale alla Tex, ma una storia in più puntate, direi che si può tranquillamente aspettare gli sviluppi che l'autore ha immaginato. Cavoli, l'uomo ragno va avanti da 50 anni contro gli stessi nemici e vogliamo fare le pulci a un fumetto (perdipiù originale e italiano) che esce da 3? Certo che... uscendo ogni 6 mesi, ardua è l'impresa... :lol:

» postato da Johnnie.Rico alle 15:51 del 31-01-2012

17 Menzione d'onore per Nemesis tra i peggiori??????????? Ma io ho trovato il fumetto fantastico,non riesco neanche a trovare le parole giuste per esprimere il mio disappunto su questa cosa. UN PREVEDIBILE COACERVO DI LUOGHI COMUNI ?????????? MA ma ma ma......, OCCHIO SPOILER OCCHIO SPOILER OCCHIO SPOILER a un certo punto il cattivo fa confessare al buono i suoi 3 segreti(pena l'uccisione dei 2 figli),il figlio e gay ,la figlia ha abbortito e la moglie lo ha tradito perchè non era bravo a letto,glielo fa confessare pubblicamente,fatto questo li libera ma nella vignetta succesiva viene fuori tutto l'umorismo nero del grande Millar: FIGLIA DEL COMMISSARIO DI POLIZIA INCINTA DEL SUO FIGLIO GAY. Geniale. FINE SPOILER FINE SPOILER FINE SPOILER Eddai su...davvero il mondo è pieno di fumetti come Nemesis,e poi se c'è una motivazione che non sopporto in una recensione è "questo sa di gia visto" ,mi vengono in mente tanti fumetti ma anche film che avevano argomenti gia visti eppure venuti bene, Cassidy della bonelli,anche The secret non era malaccio,per i film o telefilm mi viene in mente predator, pitch black,fringe ecc ecc.

» postato da jena123 alle 18:05 del 31-01-2012

18 «Vorrei spezzare anch'io una lancia per Lilith. Enoch è un disegnatore di livello superiore e mette nel fumetto una ricerca spasmodica per fatti e avvenimenti che riescono a collegarsi alla vicenda della protagonista. Visto e considerato che non è un fumetto seriale alla Tex, ma una storia in più puntate, direi che si può tranquillamente aspettare gli sviluppi che l'autore ha immaginato. Cavoli, l'uomo ragno va avanti da 50 anni contro gli stessi nemici e vogliamo fare le pulci a un fumetto (perdipiù originale e italiano) che esce da 3? Certo che... uscendo ogni 6 mesi, ardua è l'impresa... :lol:» Lilith è al settimo numero ed è un semestrale ergo che sta uscendo da almeno tre anni e mezzo...un buon periodo per dare al lettore qualcosa in più sulla trama generale che gli stessi due o tre indizi ripetuti in ogni albo. Storicamente le storie sono abbastanza curate, mitologicamente decisamente sopra la media (Enoch è sempre stato bravissimo da questo punto di vista) ma il quadro generale fa acqua...e parecchia...tanto che un lettore appassionato come te non si ricorda nemmeno quanto è successo nei numeri precedenti...per un serial alla Tex va bene ma per una serie con un numero limitato di numeri secondo me no... Spero comunque, l'anno prossimo, di poterla mettere nei migliori... :wink:

» postato da Zakalwe alle 18:15 del 31-01-2012

19 «Menzione d'onore per Nemesis tra i peggiori??????????? Ma io ho trovato il fumetto fantastico.... » Buon per te, io l'ho trovato una fanfaronata... :lol: "Questo sa di già visto" per me significa una cosa: il fumetto è prevedibile, magari non nei particolari ma prevedibile quanto basta per capire dove andrà a parare da li a cinque o sei pagine...se poi l'autore lo dipinge come uno dei fumetti che rivoluzionerà il genere la frittata è fatta... SPOILER Pensa ai particolari della trama di Nemesis: hai un cattivo che vince, scene ultraviolente ed alla fine scopri che il vero cattivo era ancora peggio di quanto non fosse il suo uomo...non solo è prevedibile ma di una pacchianità unica... :wink:

» postato da Zakalwe alle 18:21 del 31-01-2012

20 Penso che la mega saga di Nathan Never sia uno dei piu avvincenti, interessanti e riusciti progetti in campo fumettistico della Bonelli e del Fumetto internazionale in genere...ottimo sia a livello grafico sia a liivello narrativo. Non capisco le critiche...

» postato da Dreamax65 alle 09:53 del 01-02-2012

21 «Penso che la mega saga di Nathan Never sia uno dei piu avvincenti, interessanti e riusciti progetti in campo fumettistico della Bonelli e del Fumetto internazionale in genere...ottimo sia a livello grafico sia a liivello narrativo. Non capisco le critiche...» 8) ce ne faremo una ragione

» postato da jetscrander alle 11:28 del 01-02-2012

22 «Penso che la mega saga di Nathan Never sia uno dei piu avvincenti, interessanti e riusciti progetti in campo fumettistico della Bonelli e del Fumetto internazionale in genere...ottimo sia a livello grafico sia a liivello narrativo. Non capisco le critiche...» Ci sono i fan di ogni cosa :wink: Non ti offendere, ma NN, se può avere una realizzazione dignitosa a livello grafico/organizzativo (e qui dipende dai gusti), rappresenta proprio la povertà di idee di una fantascienza scopiazzata... qualche tetta per attirare gli adolescenti, copiature di altre cose etc...

» postato da Otrebla alle 12:24 del 01-02-2012

23 About Lilith : da gran fan di Gea* l'ho accolto con gran entusiasmo ed infatti all'inizio era molto carino, un po' sulla falsariga del suo predecessore e mi piacevo molto. Poi già dopo il 4° n. c'è stato un crollo qualitativo enorme delle storie... tant'è che gli ultimi 3 n. sono decisamente mediocri (a mio parere). :( A peggiorare ciò si aggiunge, come già detto, l'eccessivo tempo tra un n. e l'altro. Se mio fratello non continuasse a comprarlo non so se continuerei a leggerlo... :nonso: Idem per NN. Che cmq ha alti e bassi. Questa nuova "saga" per es. non è male. (ma siamo ben lontani dai primi anni...!! ... sigh...) (* sicuramente uno dei miei preferiti di sempre)

» postato da senji alle 13:37 del 01-02-2012

24 che ti aspetti da uno che dice "Il virus che abbatte la flotta "aliena" é pienamente ID4"... Magari è uno di quei contest, dove si guadagnano punti di risibilità e si vincono un paio di cuffie

» postato da (manuel ) alle 14:19 del 01-02-2012

25 Non l'ho capita... Comunque la soluzione del virus informatico per combattere l'invasione aliena è sì tipico di ID4, ma in senso negativo, a sottolineare il fatto che solo un film così fracassone ha avuto il coraggio di ipotizzare che un programma informatico terrestre sia compatibile, interpretabile ed eseguibile da un ipotetico sistema non terrestre. Se pensiamo che solo per fare il porting di un software windows su Linux (o viceversa) a volte ci vogliono anni :lol:

» postato da Requiem Solitario alle 14:29 del 01-02-2012

26 «che ti aspetti da uno che dice "Il virus che abbatte la flotta "aliena" é pienamente ID4"... Magari è uno di quei contest, dove si guadagnano punti di risibilità e si vincono un paio di cuffie» Non so se il problema è questo, comunque "ID4" indica il film "Independence Day". Non è detto che tutti lo sappiano, ma è una sigla piuttosto nota, non è certo un quiz. S*

» postato da S* alle 15:59 del 01-02-2012

27 Scarlet: condivido in toto. Kepher: metterò nella lista della spesa. Lilith: no, a me piace, e molto, secondo me l'autore dovrebbe osare ancora di più, comunque una serie che mi appassiona. Ok, due numeri all'anno non sono l'ideale, ma non si può avere tutto. Nemesis anche a me è piaciuto. Fear itself non so, al momento non mi pare male, sono curioso di vedere come va a finire...anche se Marvel insegna che sti crossover spesso hanno un finale debole (vedi la guerra civile) , per non dire un finale che è una cagata.

» postato da Muhammed el Tobanis alle 16:27 del 01-02-2012

28 «About Lilith : da gran fan di Gea* l'ho accolto con gran entusiasmo ed infatti all'inizio era molto carino, un po' sulla falsariga del suo predecessore e mi piacevo molto. Poi già dopo il 4° n. c'è stato un crollo qualitativo enorme delle storie... tant'è che gli ultimi 3 n. sono decisamente mediocri (a mio parere). :( A peggiorare ciò si aggiunge, come già detto, l'eccessivo tempo tra un n. e l'altro. Se mio fratello non continuasse a comprarlo non so se continuerei a leggerlo... :nonso: Idem per NN. Che cmq ha alti e bassi. Questa nuova "saga" per es. non è male. (ma siamo ben lontani dai primi anni...!! ... sigh...) (* sicuramente uno dei miei preferiti di sempre)» era l'idea che volevo esprimere...una gran partenza poi non un crollo repentino ma peggio...un adagiarsi che per Enoch non va bene per nulla... e comunque son anch'io un lettore di Gea, Spayliz e tutte le altre opere di Enoch... :wink: «he ti aspetti da uno che dice "Il virus che abbatte la flotta "aliena" é pienamente ID4"... Magari è uno di quei contest, dove si guadagnano punti di risibilità e si vincono un paio di cuffie» ti tengo da parte il tuo paio allora, passa a prenderlo quando vuoi... :lol:

» postato da Zakalwe alle 19:16 del 01-02-2012

29 Solo per chiarire, riguardo a Nathan Never... chi ha commentato che il "il virus che abbatte la flotta aliena è pienamente Indipendence Day" non ha evidentemente letto ne la saga ne l'albo in questione. Il virus non abbatte la flotta marziana, che anzi è l'unica a non esserne colpita. Inoltre il virus (che abbatte tripodi e mutanti marziani sulla Terra) è contenuto nella trasmissione dell'essenza dei tecnopati, personaggi della continuity neveriana, che si sacrificano per trasmetterlo... nulla a che vedere, insomma, con la soluzione (assurda) adottata in Indipendence Day. Per il resto, di enormi e invincibili astronavi di resistenze nei sotterranei delle città, di alieni, invasioni e cervelloni unici e via dicendo è piena la fantascienza dagli anni '50 a oggi, senza bisogno di citare film recenti che non hanno certo spiccato per la loro originalità. Magari mi sono ispirato a Uchu Daisenso, di Ishiro Honda ;) sv

» postato da (stefano vietti) alle 12:48 del 02-02-2012

30 ma... mister fumetti... atomic robo non compare fra i migliori dell'anno? com'è possibile? ci hai pure un quote nella firma ci hai. :o

» postato da jonny lexington alle 17:15 del 02-02-2012

31 «ma... mister fumetti... atomic robo non compare fra i migliori dell'anno? com'è possibile? ci hai pure un quote nella firma ci hai. :o» E' possibile perchè l'ho messo in diversi migliori per tot anni e mi sembrava opportuno dar spazio a qualcosa d'altro... :lol:

» postato da Zakalwe alle 20:34 del 02-02-2012

32 «Solo per chiarire, riguardo a Nathan Never... chi ha commentato che il "il virus che abbatte la flotta aliena è pienamente Indipendence Day" non ha evidentemente letto ne la saga ne l'albo in questione. Il virus non abbatte la flotta marziana, che anzi è l'unica a non esserne colpita. Inoltre il virus (che abbatte tripodi e mutanti marziani sulla Terra) è contenuto nella trasmissione dell'essenza dei tecnopati, personaggi della continuity neveriana, che si sacrificano per trasmetterlo... nulla a che vedere, insomma, con la soluzione (assurda) adottata in Indipendence Day. Per il resto, di enormi e invincibili astronavi di resistenze nei sotterranei delle città, di alieni, invasioni e cervelloni unici e via dicendo è piena la fantascienza dagli anni '50 a oggi, senza bisogno di citare film recenti che non hanno certo spiccato per la loro originalità. Magari mi sono ispirato a Uchu Daisenso, di Ishiro Honda ;) sv» La mia citazione era una risposta "a braccio" rispetto al commento di un altro utente ed era specificato ben due volte che sarebbe stata una risposta a braccio. Se vogliamo farne un argomento di semantica perchè ho detto flotta e non esercito (quando poco dopo ho detto com'era composta la flotta marziana di un'unica nave) ci sono ben pochi argomenti a sostegno del fumetto. Sono disposto a parlare delle scelte che ho fatto scrivendo l'articolo in modo tranquillo, educato e magari argomentando senza accuse sul fatto "che non posso capire perchè non ho letto il fumetto stesso". Leggo Nathan Never dal numero 0, ho tutta la raccolta...ho smesso per qualche tempo di leggerlo perchè sinceramente non mi piaceva poi ho recuperato gli arretrati e piano piano mi sono messo in pari...ma non mi piace lo stesso, non mi piace perchè non solo non è originale ma la bellissima abitudine di citazioni di opere famose è diventata copia ed incolla. Non mi piace perchè di fantascienza ne ha dentro ben poca, perchè ha perso le atmosfere cyberpunk iniziali, perchè la storia non evolve e soprattutto perchè ormai è poco più di un poliziesco con qualche macchina che vola. Legs è stata tolta ma è tornata, Reiser è diventato Darver, Sigmund ormai deve essere un robot per rimanere inossidabile...potete fare meglio, immensamente meglio: lo avete dimostrato, rifatelo. Se in una stagione di serial televisivi e cinematografica escono sei o sette film che trattano di invasioni aliene e Nathan Never ci si ispira, come è successo con altri argomenti ad un certo punto la minestra sa di brodo riscaldato. Posso capire che per esigenze di mercato ed editoriali si facciano certe scelte, dopotutto ormai la Marvel fa uscire quasi ogni anno dei megacrossover di pessima qualità, però credo si possa anche capire che in un'ottica del genere non si fa del buon fumetto.

» postato da Zakalwe alle 20:52 del 02-02-2012

33 Va bene, va bene... come vuoi. Buon tutto. SV

» postato da (stefano vietti) alle 08:51 del 03-02-2012

34 ««Nathan Never scimmiotta cosa? Non mi ricordo nulla "d'oltre oceano" simile alla guerra dei mondi. Ah , si , qualcosa c'è! IL TITOLO! Non cocordo affatto con questa parte dell'articolo. Per gli altri fumetti non mi pronuncio ma solo perché non li ho letti.» Vediamo...intanto una risposta veloce a braccio... Battle LA Skyline Transformers 3 Per non parlare di una serie recente come Falling Skies Per non parlare del centro di difesa terrestre identico all'eliveivolo Shield di Ultimates e per non parlare di come interviene nella battaglia, sempre chiaro omaggio alla seconda serie di Ultimates di Mark Millar L'UniMente é pienamente Marvel anche nel nome ed il concetto di un unico elaboratore per migliaia di droni credo sia un tantinello inflazionato nelle storie di fantascienza a cominciare da Nathan Never stesso Il virus che abbatte la flotta "aliena" é pienamente ID4 mentre l'enorme astronave invincibile ma unica c'é fin da Star Trek La resistenza nei sotterranei delle grandi città fa molto Terminator... Non ho parlato naturalmente delle migliaia di fumetti, serie e/o prodotti cinematografici che si ispirano alla Guerra dei Mondi...da Alan Moore a Spielberg... ....e sono solo andato a braccio senza nemmeno fermarmi a pensare un attimo...» Scusa se mi intrometto, non voglio difendere NN, visto che faccio parte della schiera dei "delusi dagli ultimi anni", ne vorrei attizzare polemiche però mi sembra giusto specificare alcune cose. Gli esempi che fai e cioé: Battle LA, Skyline, Transformers 3 o ID4 non sono molto "corretti" visto che sono essi stessi senza un briciolo di originalità e in pratica delle scopiazzature di altri film e/o libri... Ad esempio, non ti è venuto in mente che in una saga chiamata "La guerra dei mondi" il virus che uccide gli alieni sia un omaggio a Wells invece che una scopiazzatura di ID4? Dai, come ti fa a venire in mente un film insulso e strabordante di populismo come ID4, dove Smith prende a "cazzotti" gli alieni in pieno "american way", possa essere in qualche modo accostato a NN? Pur non essendo felicissimo della gestione recente di NN non posso che difendere il povero Vietti :-D Comunque ha ragione S* quando dice che NN è sempre stato fatto di omaggi, e la cosa può giustamente piacere o non piacere o riuscire più o meno bene, ma c'è differenza tra presunte scopiazzature e omaggi. :-) Paragonare i presunti omaggi o scopiazzature solo con la recente produzione artistica americana (quando invece le citazioni sono in realtà ben più raffinate) secondo me è un po' troppo semplicistico. Forse il problema è proprio qui, cioé che se il tuo metro di paragone per dare un giudizio a NN è stato soltanto la recente produzione (tra l'altro tutti i film o fumetti che hai citato sono a mio avviso già abbastanza scadenti di loro) ignorando magari i grandi classici a cui si ispira, ovvio che il giudizio in se non potrà che essere un po' falsato e sicuramente negativo. Se invece ci hai soltanto "pensato poco" come dici tu stesso, allora forse pensandoci un po' di più magari potresti anche rivalutare alcune cose. ;-) my two cent

» postato da Nikita alle 12:56 del 03-02-2012

35 ««Penso che la mega saga di Nathan Never sia uno dei piu avvincenti, interessanti e riusciti progetti in campo fumettistico della Bonelli e del Fumetto internazionale in genere...ottimo sia a livello grafico sia a liivello narrativo. Non capisco le critiche...» Ci sono i fan di ogni cosa :wink: Non ti offendere, ma NN, se può avere una realizzazione dignitosa a livello grafico/organizzativo (e qui dipende dai gusti), rappresenta proprio la povertà di idee di una fantascienza scopiazzata... qualche tetta per attirare gli adolescenti, copiature di altre cose etc...» Stavi parlando di dylan dog forse? :-D

» postato da Nikita alle 13:17 del 03-02-2012

36 ««ma... mister fumetti... atomic robo non compare fra i migliori dell'anno? com'è possibile?» E' possibile perchè l'ho messo in diversi migliori per tot anni e mi sembrava opportuno dar spazio a qualcosa d'altro... :lol:» quindi si potrebbe dire che il povero "atomic robo" è rimasto svantaggiato dall'aver tenuto una qualità alta troppo a lungo? :D

» postato da jonny lexington alle 16:52 del 03-02-2012

37 Beh ma anche The Boys continua ad uscire e si mantiene bello fresco...

» postato da Muhammed el Tobanis alle 17:23 del 03-02-2012

38 «Scusa se mi intrometto, non voglio difendere NN, visto che faccio parte della schiera dei "delusi dagli ultimi anni", ne vorrei attizzare polemiche però mi sembra giusto specificare alcune cose. Gli esempi che fai e cioé: Battle LA, Skyline, Transformers 3 o ID4 non sono molto "corretti" visto che sono essi stessi senza un briciolo di originalità e in pratica delle scopiazzature di altri film e/o libri... Ad esempio, non ti è venuto in mente che in una saga chiamata "La guerra dei mondi" il virus che uccide gli alieni sia un omaggio a Wells invece che una scopiazzatura di ID4? Dai, come ti fa a venire in mente un film insulso e strabordante di populismo come ID4, dove Smith prende a "cazzotti" gli alieni in pieno "american way", possa essere in qualche modo accostato a NN? Pur non essendo felicissimo della gestione recente di NN non posso che difendere il povero Vietti Comunque ha ragione S* quando dice che NN è sempre stato fatto di omaggi, e la cosa può giustamente piacere o non piacere o riuscire più o meno bene, ma c'è differenza tra presunte scopiazzature e omaggi. Paragonare i presunti omaggi o scopiazzature solo con la recente produzione artistica americana (quando invece le citazioni sono in realtà ben più raffinate) secondo me è un po' troppo semplicistico. Forse il problema è proprio qui, cioé che se il tuo metro di paragone per dare un giudizio a NN è stato soltanto la recente produzione (tra l'altro tutti i film o fumetti che hai citato sono a mio avviso già abbastanza scadenti di loro) ignorando magari i grandi classici a cui si ispira, ovvio che il giudizio in se non potrà che essere un po' falsato e sicuramente negativo. Se invece ci hai soltanto "pensato poco" come dici tu stesso, allora forse pensandoci un po' di più magari potresti anche rivalutare alcune cose. » Rispondo poi chiudo la questione Nathan Never. Non ci ho pensato poco mentre scrivevo la recensione, anzi forse ci ho pure pensato troppo ed ho deciso di mettere NN fra le menzioni invece che fra i peggiori dell'anno in classifica. Non ho letto solo l'ultima produzione di NN e lo conosco fin troppo bene. Su questo forum, nella zona fumetti, c'è un 3d di 13 pagine sul fatto che NN faccia un pò schifo da ben più di qualche mese e non l'ho aperto io. Un'opera si ispirerà pure a grandi classici ma quando esce nello stesso anno di blockbuster, o presunti tali, americani con le stesse tematiche e con le stesse modalità di presentazione della trama...qualche sospetto può venire. Quando mi parli del virus è chiaro che ci si sia anche ispirati al virus dell'originale, almeno lo spero perchè altrimenti siamo veramente alla frutta, ma l'esecuzione roboante e chiassona col salvataggio dell'ultimo minuto e tutti i cattivi che si spengono (senza cervello autonomo, senza programma alternativo, senza previsione di un piano B) tutti di colpo è pienamente Independence Day...Nathan non darà pugni agli alieni ma vogliamo mettere il salto dall'AV con esplosione finale e lui dentro al campo di forza? ...diam dei punti a Bruce Willis.... Vogliam mettere una trama che risolve una guerra con un unica azione, i cattivi si spengono? Vogliam parlare di un fumetto di fantascienza che invece di esoscheletri, camminatori, caccia terra-spazio etc etc mette in campo dei jet che sembrano usciti dall'aviazione americana e decollano dall'eliveivolo Shield... Per non parlare delle telepati Bene Gesserit che però si comportano como lo stereotipo della sorellanza e di tutte le altre cose...migliaia...che si possono trovare nel fumetto... Meno male che ho risposto a braccio perchè se ci si volesse mettere a smontarlo non rimane nulla...e non sono citazioni...quando fai una citazione poi la usi in maniera originale...cosa che qui non avviene...MAI. In ultima istanza, il "povero" Vietti non ha bisogno di esser difeso...se guardi sempre nel settore fumetti diverse volte ho parlato di alcune sue opere (Hammer per esempio) dicendo quanto fossero geniali... a presto... :wink:

» postato da Zakalwe alle 11:08 del 05-02-2012

39 « Scusa se mi intrometto, non voglio difendere NN, visto che faccio parte della schiera dei "delusi dagli ultimi anni", ne vorrei attizzare polemiche però mi sembra giusto specificare alcune cose. Gli esempi che fai e cioé: Battle LA, Skyline, Transformers 3 o ID4 non sono molto "corretti" visto che sono essi stessi senza un briciolo di originalità e in pratica delle scopiazzature di altri film e/o libri... Ad esempio, non ti è venuto in mente che in una saga chiamata "La guerra dei mondi" il virus che uccide gli alieni sia un omaggio a Wells invece che una scopiazzatura di ID4? Dai, come ti fa a venire in mente un film insulso e strabordante di populismo come ID4, dove Smith prende a "cazzotti" gli alieni in pieno "american way", possa essere in qualche modo accostato a NN? Pur non essendo felicissimo della gestione recente di NN non posso che difendere il povero Vietti Comunque ha ragione S* quando dice che NN è sempre stato fatto di omaggi, e la cosa può giustamente piacere o non piacere o riuscire più o meno bene, ma c'è differenza tra presunte scopiazzature e omaggi. Paragonare i presunti omaggi o scopiazzature solo con la recente produzione artistica americana (quando invece le citazioni sono in realtà ben più raffinate) secondo me è un po' troppo semplicistico. Forse il problema è proprio qui, cioé che se il tuo metro di paragone per dare un giudizio a NN è stato soltanto la recente produzione (tra l'altro tutti i film o fumetti che hai citato sono a mio avviso già abbastanza scadenti di loro) ignorando magari i grandi classici a cui si ispira, ovvio che il giudizio in se non potrà che essere un po' falsato e sicuramente negativo. Se invece ci hai soltanto "pensato poco" come dici tu stesso, allora forse pensandoci un po' di più magari potresti anche rivalutare alcune cose. » Rispondo poi chiudo la questione Nathan Never. Non ci ho pensato poco mentre scrivevo la recensione, anzi forse ci ho pure pensato troppo ed ho deciso di mettere NN fra le menzioni invece che fra i peggiori dell'anno in classifica. Non ho letto solo l'ultima produzione di NN e lo conosco fin troppo bene. Su questo forum, nella zona fumetti, c'è un 3d di 13 pagine sul fatto che NN faccia un pò schifo da ben più di qualche mese e non l'ho aperto io. Un'opera si ispirerà pure a grandi classici ma quando esce nello stesso anno di blockbuster, o presunti tali, americani con le stesse tematiche e con le stesse modalità di presentazione della trama...qualche sospetto può venire. Quando mi parli del virus è chiaro che ci si sia anche ispirati al virus dell'originale, almeno lo spero perchè altrimenti siamo veramente alla frutta, ma l'esecuzione roboante e chiassona col salvataggio dell'ultimo minuto e tutti i cattivi che si spengono (senza cervello autonomo, senza programma alternativo, senza previsione di un piano B) tutti di colpo è pienamente Independence Day...Nathan non darà pugni agli alieni ma vogliamo mettere il salto dall'AV con esplosione finale e lui dentro al campo di forza? ...diam dei punti a Bruce Willis.... Vogliam mettere una trama che risolve una guerra con un unica azione, i cattivi si spengono? Vogliam parlare di un fumetto di fantascienza che invece di esoscheletri, camminatori, caccia terra-spazio etc etc mette in campo dei jet che sembrano usciti dall'aviazione americana e decollano dall'eliveivolo Shield... Per non parlare delle telepati Bene Gesserit che però si comportano como lo stereotipo della sorellanza e di tutte le altre cose...migliaia...che si possono trovare nel fumetto... Meno male che ho risposto a braccio perchè se ci si volesse mettere a smontarlo non rimane nulla...e non sono citazioni...quando fai una citazione poi la usi in maniera originale...cosa che qui non avviene...MAI. In ultima istanza, il "povero" Vietti non ha bisogno di esser difeso...se guardi sempre nel settore fumetti diverse volte ho parlato di alcune sue opere (Hammer per esempio) dicendo quanto fossero geniali... a presto... :wink:

» postato da Zakalwe alle 11:09 del 05-02-2012

40 « Rispondo poi chiudo la questione Nathan Never. » tranqui, non volevo polemizzare :-) « ...Su questo forum, nella zona fumetti, c'è un 3d di 13 pagine sul fatto che NN faccia un pò schifo da ben più di qualche mese e non l'ho aperto io. » Figurati, anche io, da lettore di prima generazione non sono felice della recente gestione. « Un'opera si ispirerà pure a grandi classici ma quando esce nello stesso anno di blockbuster, o presunti tali, americani con le stesse tematiche e con le stesse modalità di presentazione della trama...qualche sospetto può venire. » Beh comunque c'è da considerare che le storie che escono in un determinato mese sono state concepite almeno un paio di anni prima, quindi credo che sia molto più coincidenza che altro. Probabilità aumentata poi un po' dalla scontatezza delle trame di tutti (sia dei blockbuster sia di NN). « Quando mi parli del virus è chiaro che ci si sia anche ispirati al virus dell'originale, almeno lo spero perchè altrimenti siamo veramente alla frutta, ma l'esecuzione roboante e chiassona col salvataggio dell'ultimo minuto e tutti i cattivi che si spengono (senza cervello autonomo, senza programma alternativo, senza previsione di un piano B) tutti di colpo è pienamente Independence Day...Nathan non darà pugni agli alieni ma vogliamo mettere il salto dall'AV con esplosione finale e lui dentro al campo di forza? ...diam dei punti a Bruce Willis.... » Non so, a me è venuto in mente l'attacco dei cylon di BG più che ID4, ma vabbé son opinioni (e il mio pregiudizio su ID4 è forte :-) ). « Vogliam mettere una trama che risolve una guerra con un unica azione, i cattivi si spengono? Vogliam parlare di un fumetto di fantascienza che invece di esoscheletri, camminatori, caccia terra-spazio etc etc mette in campo dei jet che sembrano usciti dall'aviazione americana e decollano dall'eliveivolo Shield... » Ecco qui mi trovi d'accordo, rivoglio gli esoscheletri!! Ma la mia piccola critica alla tua seppur breve recensione è che, alla fine, questo è un problema di NN di almeno 2-3 anni, non solo del 2011. Mentre come lato positivo di NN dell'ultimo anno c'è da dire che le trame rispetto al 2010 sono invece migliorate, e poi rimane comunque l'unico fumetto bonelli che si permette di stravolgere completamente (e ripetutamente) la trama di fondo e protagonisti della serie. Cosa mai successa in un'altra serie regolare! Secondo me, per un bonelli, non è poca cosa. « ...Meno male che ho risposto a braccio perchè se ci si volesse mettere a smontarlo non rimane nulla...e non sono citazioni...quando fai una citazione poi la usi in maniera originale...cosa che qui non avviene...MAI. » Hai ragione, ma sai anche bene che mettendocisi di impegno è possibile smontare qualsiasi fumetto (compreso il bellissimo atomic robot). :-D « In ultima istanza, il "povero" Vietti non ha bisogno di esser difeso...se guardi sempre nel settore fumetti diverse volte ho parlato di alcune sue opere (Hammer per esempio) dicendo quanto fossero geniali... a presto... :wink:» Massì dai, ma la citazione di wells mi sembrava enorme (e anche perché odio ID4). Comunque una cosa è sicura, non rimpiangerò mai abbastanza Hammer! bye :wink:

» postato da Nikita alle 10:45 del 06-02-2012

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.