Sabato 1 settembre a Yokohama, in Giappone, dove quest'anno si è tenuta la prima Worldcon asiatica della storia, sono stati assegnati i premi Hugo 2007. Curioso l'aspetto del premio consegnato quest'anno ai vincitori; il premio Hugo è tradizionalmente una statuetta rappresentante un razzo, ma l'organizzazione può sbizzarrirsi nell'inventare i più strani piedistalli. Quest'anno il premio ospitava addirittura un'altra statuetta, rappresentante una sorta di soldatino giapponese (aggiornamento: ci segnalano che si tratta di Ultraman, un supereroe di varie serie televisive giapponesi per ragazzi: sembrava una "faccia" familiare!).

Tra i vincitori torna il grande Vernor Vinge - col quale proprio in questi giorni abbiamo pubblicato un'intervista, www.fantascienza.com/magazine/servizi/9796 - al suo quinto Hugo: un dilettante in confronto a Charles N. Brown di Locus e a David Langford che sono ormai abbonati al premio da decenni.

Vernon Vinge: singolarità entro il 2030

La Singolarità Tecnologica? È il più probabile evento non-catastrofico nel vicino futuro. Parola di Vernor Vinge,...

Giovanni De Matteo, 30/04/2009

Delos 102, avanti tutta

E' online la prima parte del nuovo numero di Delos: un'intervista con Vernor Vinge, un approfondimento su Heroes e...

S*, 2/09/2007

La fantascienza è letteratura dirompente, parola di Stross

Il futuro dell'uomo visto da uno degli scrittori più visionari di questi ultimi anni

Giampietro Stocco, 2/09/2007