È di ieri la notizia che sia Tom Hanks che la moglie Rita Wilson hanno contratto il coronavirus mentre si trovavano su un set in Australia anche se le loro condizioni sono stabili, ma è solo l'ultimo di una catena di danni provocati sia a livello umano che a livello pratico nell'industria del cinema e dell'intrattenimento americani: il set della serie Riverdale è stato fermato e le riprese cancellate dopo aver ricevuto un riscontro positivo dal virus da parte di uno dei membri della troupe, l'NBA ha sospeso tutte le partite, tutti i talk show con pubblico dal vivo hanno cancellato la presenza degli spettatori in sala e eventi storici come l'E3, SXSW, Coachella e Emerald City Convention sono stati cancellati (e la situazione è destinata a peggiorare), mentre il festival di Cannes sta prendendo tempo prima di decidere il farsi.

Ma anche a livello di uscite cinematografiche gli effetti si stanno facendo sentire, a partire da 007: No Time to Die, rinviato dal 4 aprile al 25 novembre e ieri John Krasinski ha confermato su Instagram di avere rinviato a data da definirsi A Quiet Place 2 a livello mondiale ed è solo l'inizio.

L'uomo invisibile: rinviato in Italia

Data originale 5 marzo, allo stato attuale la versione in chiave horror del classico di H.G. Wells ha incassato 107 milioni di dollari nel mondo contro un budget di soli sette milioni, la norma per la casa di produzione Blumhouse, i cui film si aggirano sempre tra i cinque e i dieci milioni al massimo come budget, anche se qui crediamo che la presenza di Elisabeth Moss (The Handmaid's Tale) sia stato un fattore importante. Peccato solo che noi dovremo attendere una data ancora da definire per vederlo.

A Quiet Place 2: rinviato in tutto il mondo

View this post on Instagram

AQuietPlacePart2...Take2

A post shared by John Krasinski (@johnkrasinski) on

Data originale 18 marzo nel suo post su Instagram, John Kraskinski, regista, sceneggiatore e anche parzialmente di ritorno nel secondo capitolo ha dichiarato:

Una delle cose di cui sono più orgoglioso è che la gente ha detto che il nostro film è uno che vogliono vedere tutti insieme. Bene, a causa delle circostanze in continuo cambiamento per quello che sta succedendo nel mondo  questo non è il momento giusto per farlo.

Krasinski conclude che pur essendo follemente entusiasta all'idea che il pubblico lo veda lo deve rinviare finché potrà davvero essere possibile vederlo tutti insieme.

Mission: Impossible 7: ritardato

L'inizio delle riprese era previsto verso la fine di febbraio a Venezia e doveva durare ben tre settimane, poi la Paramount ha reso noto che vista l'epidemia in corso nel nostro paese, ha preferito non far iniziare le riprese per evitare contagi al cast o alla troupe. Le riprese sono per ora ferme per cui non è chiaro se gireranno altrove o se, vista la situazione, si fermeranno del tutto. La data di uscita è comunque il 23 luglio 2021, potrebbe ancora esserci tempo per recuperare.

UPDATE

Fast & Furious 9: rinviato di un anno

Data originale 21 maggio, rinviato al 2 aprile 2021 ecco il comunicato ufficiale, che potete vedere qui sopra:

Alla nostra famiglia di fan ovunque nel mondo:

Sentiamo tutto l'amore e l'anticipazione che provate per il prossimo capitolo della saga.

Questo è il motivo per cui è difficile per noi farvi sapere che dobbiamo spostare la data di uscita, perché è diventato impossibile per i fan di tutto il mondo di vederlo a maggio.

Stiamo spostando la data di uscita globale all'aprile del 2021, con il 2 aprile come data americana. Siamo certo che ci sarà una certa delusione nel dover aspettare un po' più a lungo, ma questa scelta è stata per la sicurezza di tutti e anche la nostra.

Questo permetterà alla nostra famiglia mondiale di poter vivere l'esperienza tutti insieme. Ci vediamo la prossima primavera.

Con amore la vostra famiglia Fast.

Shang-chi and the Legend of the The Rings, regista in isolamento, possibile rinvio

Data originale 12 febbraio 2021 le riprese erano in atto da febbraio in Australia quando i dottori hanno imposto al regista l'autoisolamento al regista Destin Daniel Cretton. Cretton che non aveva alcun sintomo, aveva scelto di fare il test, ha poi deciso di isolarsi per un ottimo motivo, come riportato dalla Marvel Studios:

Come molti di voi sanno, il nostro regista Destin ha un bambino appena nato. Ha voluto così esercitare precauzioni addizionali visto il panorama attuale e si è fatto testare per il virus, per poi isolarsi su consiglio dei dottori. Mentre attendiamo i risultati abbiamo fermato le riprese dell'unità principale per maggiore sicurezza. La seconda unità [che usualmente gira altrove] e la produzione non legata al set proseguirà, vi daremo aggiornamenti martedì prossimo. Questi sono tempoi senza precedenti, apprezzeremo la vostra comprensione mentre affrontiamo la situazione. 

Bloodshot: probabile rinvio in Italia

Data originale da noi 26 marzo, il film con Vin Diesel ex marine trasformato in una macchina per uccidere indistruttibile grazie alla onnipresente nanotecnologia, certamente non vedrà la luce delle nostre sale nella data prevista visto che sono chiuse, mentre è già in uscito in patria con l'anteprima serale del giorno precedente l'arrivo nelle sale americane, ovvero oggi  13 marzo.

New Mutants: probabile rinvio

data originale 3 aprile, il lungamente rimandato ultimo film sui mutanti della Fox pre-acquisizione Disney sarà quasi sicuramente rimandato da noi e se come è prevedibile la situazione precipiterà anche negli States, anche lì il film continuerà ad essere spostato indefinitamente.

Black Widow: incerto

data originale 29 aprile nel nostro caso, se l'emergenza dovesse affievolirsi, il film potrebbe forse uscire come previsto da noi, è più facile che negli USA cominci ad accadere il contrario e vederlo rimandato in un punto indefinito dell'anno.

Infine, non crediamo che Wonder Woman 1984 corra rischi da noi, vista la sua uscita prevista il 4 giugno, a meno che la situazione non precipiti negli States e non decidano di rinviarla a livello mondiale.

Vi terremo al corrente sugli eventuali sviluppi.