Dopo Shoggoth in fiore, uscito nella collana Biblioteca di un sole lontano e vincitore del Premio Hugo, Delos Digital propone subito, questa volta nella collana Robotica, un nuovo racconto di Elizabeth Bear, Gli abissi del cielo (The Deeps of the Sky, 2012). Bear (nome completo Sarah Bear Elizabeth Wishnevsky) è tra gli autori più interessanti della nuova generazione di autori americani, come dimostrano i vari premi che si è già guadagnata (un John W. Campbell, un Theodore Sturgeon, un Locus, due Hugo più un terzo per il miglior podcast).

Qui si mette in luce per l'originalità nella creazione di un mondo alieno "volante".

Gli abissi del cielo

Sinossi

Insegue-Tempesta aveva un sogno nella vita: diventare il compagno di Madretomba, il mondo galleggiante per la quale raccoglieva i preziosi monofilamenti trascinati dalle tempeste profonde. Ma quel giorno sarebbe accaduto qualcosa che avrebbe segnato la sua vita: tra le nuvole c'era qualcosa di diverso. Un oggetto nero, diverso dai volatili o dalle altre scialuppe, alieno. E stava precipitando.

L'autore

Elizabeth Bear (nome completo Sarah Bear Elizabeth Wishnevsky), nata il 22 settembre 1971 a Hartford, nel Connecticut, è una delle scrittrici di sf e fantasy oggi più apprezzate. Vincitrice nel 2005 del Premio John W. Campbell come miglior autore esordiente per la sua trilogia fantascientifica Hammered/Scardown/Worldwired, ha ricevuto anche altri prestigiosi riconoscimenti come il Premio Hugo nel 2008 per il miglior racconto con Tideline (apparso su Robot n. 56 col titolo Sulla spiaggia), successo bissato l’anno successivo (2009) per il miglior racconto lungo con Shoggoths in fiore, uscito nella collana Biblioteca di un sole lontano. Solo pochi autori nella storia della sf erano riusciti nell’impresa di vincere svariati premi Hugo dopo aver vinto il John W. Campbell Award (C. J. Cherryh, Orson Scott Card, Spider Robinson e Ted Chiang sono gli altri). La Bear, che possiede uno stile letterario molto curato, come dimostra questo Shoggoth in fiore, o anche In the House of Aryaman a Lonely Signal Burns (che uscirà a breve in questa stessa collana), è assai prolifica e non ha preferenza tra sf e fantasy, generi tra cui spazia con estrema disinvoltura e bravura.

Elizabeth Bear, Gli abissi del cielo (The Deeps of the Sky), traduzione: Marco Crosa, Delos Digital, Robotica 80, isbn: 9788825409253, ebook formato kindle (su Amazon.it) o epub (sugli altri store) con social drm (watermark) dove disponibile , Euro 0,99 iva inclusa

Ebook disponibile

Acquistalo subito su uno dei seguenti negozi online: