Mentre da qualche parte nell'oceano la NASA porta avanti i lunghi preparativi che, nelle intenzioni, porteranno la capsula Orion e i suoi passeggeri su Marte nel decennio 2030, nel frattempo può barrare una nuova voce dalla lista delle cose da fare. La sonda spaziale Maven è finalmente entrata nell'orbita del pianeta rosso, dopo aver percorso 711 milioni di chilometri in dieci mesi.

Per assicurarsi l'orientamento corretto e raggiungere l'orbita, Maven ha acceso i suoi motori a propulsione. Poi, superato il polo nord di Marte alla non indifferente velocità di sedicimila chilometri orari, la sonda ha iniziato il graduale processo di rallentamento così da poter essere catturato dalla gravità del pianeta ed entrare in una alta orbita ellittica.