Cosa distingue un essere umano da una macchina? Una risposta cerca di darla il test creato dopo la seconda guerra mondiale dal genio dell'informatica Alan Turing, test che avrebbe superato (ma con molte perplessità) un software chiamato Eugene Goostman qualche settimana fa. Ma la stessa domanda se la poneva anche Lester del Rey molto prima, nel 1938, col famoso racconto Helen O'Loy. Prima di Turing, prima dei dilemmi legali del Data di Star Trek, del Rey raccontava la storia di Helen, governante elettronica di aspetto perfettamente umano, che i due acquirenti smanettoni decidono di rendere più umana anche nel modo di interagire aggiungendo la versione elettronica di un sistema ormonale.

Al di là dell'aspetto filosofico, il racconto è curioso anche dal punto di vista culturale. Intanto è ambientato, curiosamente, a Messina, in Sicilia - senza alcuna ragione apparente. E poi è interessante osservare oggi questa curiosa famiglia composta di due uomini di single che abitano insieme ma hanno assolutamente bisogno di una governante senza la quale sono costretti a mangiare al ristorante. Stride l'ambientazione futuristica con questa visione così superata della donna, il cui ruolo consiste ovviamente nel cucinare, pulire, tenere in ordine la casa, insomma essere una brava moglie.

Grotesquerie, il nuovo libro di Emanuela Valentini

Il nuovo libro di una delle autrici rivelazione degli ultimi anni è ambientato agli inizi del Novecento in...

S*, 23/11/2018

Materia oscura, ecco la fantascienza delle donne

È disponibile in ebook (il cartaceo uscirà a marzo) l'antologia curata da Emanuela Valentini. Tredici...

S*, 21/12/2017

Eurocon 2017 a Dortmund, Dario Tonani ed Emanuela Valentini vincono il Premio Europa

Ben due vincitori italiani ai premi europei assegnati all'Eurocon in Germania. 

S*, 18/06/2017