Bryan Singer parla del nuovo X-Men

X-Men: Days of Future Past doveva essere il sequel di uno dei migliori film sugli X-Men. Invece ha acquisito nuovo spessore quando Singer è tornato al timone. Con l'aiuto da parte di un illustre esperto di viaggi nel tempo cinematografici.

Tranquilli, ora ci penso io... ingrandisci

Qualcosa è cambiato in casa Fox quando ha avuto la possibilità di riportare Bryan Singer al comando della saga a cui aveva dato forma e sostanza. Certo, Matthew Vaughn aveva fatto un ottimo lavoro con X-Men: L'inizio, ma quando aveva declinato l'invito a tornare per il sequel, il dubbio sul livello qualitativo dell'inevitabile sequel aveva cominciato a serpeggiare tra i fan e gli addetti ai lavori. Almeno fino all'annuncio del ritorno di un nome di culto, quel Singer che aveva dato lustro ai mutanti Marvel cinematografici, per X-Men: Days of Future Past, previsto in uscita il 18 luglio 2014.

 

Il suo arrivo ha alzato il livello di impegno sulla produzione e come sappiamo, ha garantito il ritorno di molti volti visti nei film precedenti: Patrick Stewart, Ian Mckellen, Hugh Jackman, Anna Paquin, Ellen Page e Shawn Ashmore, senza contare il ventilato ritorno di Famke Janssen, ovvero Jean Grey.

 

Ora tocca allo stesso regista raccontare come sarà il film, in occasione di un'intervista rilasciata a Empire: "Sarà epico. Non credo che la gente si renda conto di quanto grande sarà questo film. Faremo riunire entrambi i cast".

 

Ma ci tiene a precisare che sarà fatto in modo del tutto coerente: "Lo abbiamo studiato in modo che abbia senso. Ho avuto una conversazione di due ore con James Cameron sul tema dei viaggi nel tempo, la teoria delle stringhe, il multiverso e argomenti di questo tipo. Devi creare le tue regole e poi rimanere fedele. Per questo Terminator e Ritorno al futuro hanno funzionato così bene". Senza contare un vantaggio oggettivo: "Ci sono alcuni meccanismi negli X-Men, certi poteri, percezioni, alcuni personaggi, che lo rendono possibile".

 

Per quanto riguarda la fedeltà al fumetto originale: "Abbiamo ripreso molti aspetti del fumetto, In Days of Future Past accadono molte cose, dovevamo distillarle. Ma penso che i fan saranno entusiasti di vedere gli aspetti migliori del fumetto riportati sul grande schermo".

 

E a proposito di mantenere una storyline coerente con gli altri film: "Terrò conto di tutti i film. Non mi limiterò a prendere i miei due capitoli e X-Men: L'inizio per mescolarli assieme. Terrò in considerazione tutto l'universo cinematografico così come è stato costruito finora, rispettandolo e lavorandoci sopra. Certo, sono state prese molte direzioni diverse e andrà fatta un po' di pulizia, ma non ignorerò gli altri capitoli".

 

X-Men: Days of Future Past si presenta non solo come il migliore episodio della saga, ma un vero e proprio nuovo inizio, da cui far partire nuovi interessanti capitoli, sempre sotto l'occhio vigile di Bryan Singer.

 

Autore: Leo Lorusso - Data: 31 gennaio 2013 - Fonte: www.empireonline.com/news/story.asp?NID=36317

Vota questo articolo

Voti dei lettori

5 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

Questo articolo non è stato ancora commentato. Vuoi essere il primo?

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.