Lucca Comics And Games

Primo trailer per World War Z

In arrivo il primo video del film tratto dal best seller di Max Brooks, con Brad Pitt protagonista.

Un fiume di zombie sta per invaderci ingrandisci

E finalmente arriva l'invasione massiccia di zombie. Si tratta naturalmente di un'invasione cinematografica, dopo le innumerevoli già viste sul grande schermo e in televisione, a dimostrazione che le trame incentrate sui morti viventi sono sempre ben accette dal pubblico. Stavolta però si tratta di un film particolarmente atteso: World War Z, kolossal tratto dal pregevole romanzo di Max Brooks e che vede il ritorno alla fantascienza di Brad Pitt dopo i fasti di L'esercito delle 12 scimmie (considerando Il curioso caso di Benjamin Button e The Tree of Life più legati al fantastico puro). Il film dovrebbe esordire nelle sale nel giugno 2013, ma in questi giorni è arrivato in rete il primo trailer, piuttosto spettacolare, e che qui proponiamo.

 

Il romanzo, pubblicato nel 2006, è la cronaca della guerra mondiale tra umani e morti viventi, che Brooks, autore esperto di zombie visto che ha scritto altri due libri sull'argomento, ha sviluppato utilizzando una tecnica da reportage, lasciando parlare i protagonisti della vicenda attraverso lettere e testimonianze provenienti da varie parti del mondo. Brooks stesso entra nella vicenda nei panni di un agente dell'ONU incaricato di raccogliere tutte le informazioni possibili, in un ipotetico dopoguerra in cui si tratta di ricostruire la storia e la civiltà umana. Il romanzo ebbe subito grande successo e fu acquistato da Plan B Entertainment di proprietà di Pitt, che dopo parecchie vicissitudini legate a varie stesure di sceneggiatura a opera di più autori, da J. Michael Stracynzski a Damon Lindelof a Drew Goddard fino a Matthew Michael Carnahan, ha portato a termine la pellicola con le ultime riprese terminate lo scorso ottobre, fatte per cambiare il finale riscritto da Carnahan.

 

A differenza del romanzo, il film presenta uno svolgimento più lineare pur mantenendo l'impianto di base. Pitt (quarantanove anni portati alla grande) è Gerry Lane, un esperto dell'ONU che viene sorpreso, mentre si trova immerso nel traffico di una grande città con la moglie e i figli, da un feroce assalto di zombie. Messa in salvo la famiglia su una portaerei, comincerà a girare il mondo per conto delle Nazioni Unite allo scopo di trovare tutte le informazioni possibili sulla nascita della pandemia che trasforma le persone in morti viventi. Il film ha la caratteristica di mostrare gli zombie in modo abbastanza diverso da come si vedono di solito al cinema o in tv, fornendo un'impressione efficace di massa distruttrice, e di cui l'immagine sopra rende un'idea.

 

Insieme a Pitt nel cast ci sono Mirelle Einos (The Killing), James Badge Dale (24), Eric West, e i volti noti Matthew Fox (Lost) e David Morse (Contact, Il miglio verde). Regista del film è il giovane Marc Forster, già in Neverland, Vero come la finzione e Quantum of Solace, mentre la colonna sonora è opera del compositore di origine italiana Marco Beltrami, autore delle soundtrack di Scream, Terminator 3, Io, Robot, La Cosa. Insomma, gli zombie stanno arrivando e a giudicare dalle immagini sarà dura fermarli.

Autore: Maurizio Del Santo - Data: 12 novembre 2012 - Fonte: youtube.com

Vota questo articolo

Voti dei lettori

2 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Si muovono come un liquido, fico.

» postato da 7di9 alle 00:30 del 12-11-2012

2 Per chi ha letto il libro la domanda è semplice: quelli che vediamo correre nel trailer sono umani in fuga disperata oppure zombi ? Se sono umani presi dal panico ci può stare, se invece sono zombi che corrono allora non ci siamo proprio. Tutto il libro si basa sull'assunto di base che gli zombi si muovono lentamente, stupidamente e in orde di centinaia/migliaia/milioni di unità..... Questa caratteristica spiega sia l'iniziale sconfitta dell'umanità che la successiva vittoria dopo 10 anni di guerra degli zombi, spiega le tattiche per combatterli ed è alla base di buona parte dell'impianto narrativo. Quindi spero proprio che non si siano inventati zombi che corrono... a quel punto potevano cambiare anche il titolo.

» postato da (Lorenzo Mugnaini) alle 07:44 del 12-11-2012

3 «Per chi ha letto il libro la domanda è semplice: quelli che vediamo correre nel trailer sono umani in fuga disperata oppure zombi ? Se sono umani presi dal panico ci può stare, se invece sono zombi che corrono allora non ci siamo proprio. Tutto il libro si basa sull'assunto di base che gli zombi si muovono lentamente, stupidamente e in orde di centinaia/migliaia/milioni di unità..... Questa caratteristica spiega sia l'iniziale sconfitta dell'umanità che la successiva vittoria dopo 10 anni di guerra degli zombi, spiega le tattiche per combatterli ed è alla base di buona parte dell'impianto narrativo. Quindi spero proprio che non si siano inventati zombi che corrono... a quel punto potevano cambiare anche il titolo.» :roll:

» postato da jetscrander alle 08:31 del 12-11-2012

4 «Per chi ha letto il libro la domanda è semplice: quelli che vediamo correre nel trailer sono umani in fuga disperata oppure zombi ? Se sono umani presi dal panico ci può stare, se invece sono zombi che corrono allora non ci siamo proprio. Tutto il libro si basa sull'assunto di base che gli zombi si muovono lentamente, stupidamente e in orde di centinaia/migliaia/milioni di unità..... Questa caratteristica spiega sia l'iniziale sconfitta dell'umanità che la successiva vittoria dopo 10 anni di guerra degli zombi, spiega le tattiche per combatterli ed è alla base di buona parte dell'impianto narrativo. Quindi spero proprio che non si siano inventati zombi che corrono... a quel punto potevano cambiare anche il titolo.» :roll:

» postato da jetscrander alle 08:32 del 12-11-2012

5 zombies doppati?

» postato da Giorgio_ alle 09:24 del 12-11-2012

6 Infatti, da quello che ho capito, il libro con il film,non s'incastra per nulla......

» postato da antonio65 alle 09:39 del 12-11-2012

7 in effetti con il libro centra poco ad occhio e croce, visivamente però fanno una bella impressione (sono per forza gli zombie!) :) non ricordo neanche sto personaggio interpretato da Bred Pitt con moglie e figli (che novità!) in pericolo

» postato da Ikari alle 09:40 del 12-11-2012

8 «Si muovono come un liquido, fico.» Come hanno già fatto notare queste masse di gente "si muovono come un liquido". Questo evidenzia uno dei problemi che deriva spesso dall'uso, e abuso, della computer graphic nel cinema (e tv, ovvio) contemporaneo. Da un lato le CGI hanno aperto magnifiche possibilità all'immaginario, dall'altro le immagini sintetiche quando non opportunamente programmate risultano irrealistiche e poco credibili perchè degli oggetti fisici manca la massa. Mi vengono a mente i risibili balzelloni tipo palloncino gonfiato di Hulk nei primi due film a lui dedicati o i volteggi di Spiderman tra i grattacieli, frenetici e vorticosi ma totalmente non credibili visivamente, più da cartoon. Da quello che vedo il problema degli fx di WWZ apppare essere lo stesso...

» postato da Roberto Taddeucci alle 10:59 del 12-11-2012

9 Mi è appena arrivato il libro... vedrò a questo punto di leggerlo appena possibile per farmi almeno un'idea.

» postato da DiVega alle 11:50 del 12-11-2012

10 no, non ci siamo. cioè uno zombie che corre e salta non è uno zombie! e brad pitt poi che è l'eroe, presumibilmente superagente speciale ritirato ma richiamato in servizio, con moglie e figli... duh... insomma, potrà anche essere di per sé un film godibile, ma non è world war z, che per sua natura non aveva nessun "eroe".

» postato da Piscu alle 12:44 del 12-11-2012

11 Mi ripeterò. Non avendo letto il libro pensavo fosse una sorta di parodia dei film/telefilm/videogiochi con protagonisti gli zombi (ci sono perfino nell'universo Star Wars). Quel cognome, Brooks, mi ha tratto in inganno. Ieri ho visto il trailer e mi sono trovato davanti ad una invasione di zombie che potrebbero competere con Bolt. Palomino.

» postato da Palomino alle 12:56 del 12-11-2012

12 Devo ringraziare Jonny Lexington per avermi fatto conoscere questo libro, grazie a una sua recensione. È vero, il titolo e il cognome dello scrittore danno un'errata visione di cos'è realmente World War Z, un libro davvero spettacolare e assolutamente serio, anzi, serissimo.

» postato da Andras Eris alle 19:36 del 12-11-2012

13 Preferisco gli zombetti calmi e facilmente affettabili, anche se quelli particolarmente incazzosi a volte sono godibili, come per es. in 28 giorni dopo.

» postato da casemp alle 21:04 del 13-11-2012

14 «Infatti, da quello che ho capito, il libro con il film,non s'incastra per nulla......» com'è successo con "io, robot", "io sono leggenda" e tanti altri esempi simili, il titolo è stato comprato solo per dare un'associazione ad un'opera letteraria già nota. il resto l'hanno cambiato completamente. probabilmente perché cosí com'era nel libro, la trama era "in-filmabile". però sarebbe stato un esperimento interessante. http://i2.photobucket.com/albums/y26/slowpulse/smileys/boh.gif

» postato da jonny lexington alle 19:27 del 14-11-2012

15 «com'è successo con "io, robot", "io sono leggenda" e tanti altri esempi simili, il titolo è stato comprato solo per dare un'associazione ad un'opera letteraria già nota. il resto l'hanno cambiato completamente.» "Io sono leggenda" è relativamente fedele al romanzo, in realtà è un incrocio tra il romanzo e il film con Heston. Ma comunque certamente il film è tratto dal libro, anche se si prende molte libertà. "Io Robot" invece è stato effettivamente comprato _dopo_ che la sceneggiatura era stata approvata, e i nomi dei personaggi di Asimov sono stati incollati sono a personaggi che non c'entravano niente. S*

» postato da S* alle 08:04 del 15-11-2012

16 « probabilmente perché cosí com'era nel libro, la trama era "in-filmabile". però sarebbe stato un esperimento interessante. http://i2.photobucket.com/albums/y26/slowpulse/smileys/boh.gif» la trama così come sviluppata nel libro, a mio avviso andrebbe benissimo per essere trasformata in una serie tv... ogni intervista un episodio in cui si racconta la guerra da diversi punti di vista

» postato da ziopippi alle 15:20 del 15-11-2012

17 «"Io sono leggenda" è relativamente fedele al romanzo» è racchiusa in quel "relativamente" la fregatura però: a parte il finale completamente diverso, a me del film aveva dato fastidio la trasformazione dei... boh, nel libro non viene detto cosa fossero realmente gli altri.... in esseri superdotati e animaleschi. non ricordo però se neville anche nel libro cercasse un antidoto in laboratorio, ma nel caso sarebbe un altro cambiamento radicale. ma questo è un argomento di cui abbiamo disquisito altrove, per cui mi scuso e taglio l'OT. si diceva... "world war Z".... dunque... :)

» postato da jonny lexington alle 19:38 del 15-11-2012

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.