Lucca Comics And Games

Le opere narrative di H. G. Wells

Herbert George Wells, Le opere narrative di H. G. Wells - FANTASCIENZA - Ugo Mursia Editore - I grandi scrittori di ogni paese - 2003 - traduttore: Vari - prezzo 33,90 euro - giudizio: eccellente

E' difficile sopravvalutare l'importanza che Herbert George Wells ha avuto nella creazione della fantascienza come noi la conosciamo.

Lo scritore inglese ha dato origine a molti temi che sono diventati dei veri e propri topoi del genere, come il viaggio nel tempo o l'invasione di creature da altri mondi.

Mursia propone, in una ricca ed elegante edizione, tutte le opere fantascientifiche del maestro, divise in quattro volumi.

Il piano dell'opera è il seguente:

 

VOLUME PRIMO: STORIE DI FANTASIA E DI FANTASCIENZA

— La storia di Plattner e altre storie

— Racconti dello spazio e del tempo

— Dodici storie e un sogno

— Il paese dei ciechi

— I racconti

 

VOLUME SECONDO: LA MACCHINA DEL TEMPO E ALTRE STORIE DI FANTASCIENZA

— La macchina del tempo

— La visita meravigliosa

— Il bacillo rubato e altri casi

— L'isola del Dottor Moreau

— L'uomo invisibile

— La guerra dei mondi

 

VOLUME TERZO: IL RISVEGLIO DEL DORMIENTE E ALTRE AVVENTURE DI FANTASCIENZA

— Il risveglio del dormiente

— I primi uomini sulla luna

— Il cibo degli dei

— Nei giorni della cometa

 

LA GUERRA NELL’ARIA E ALTRE AVVENTURE DI FANTASCIENZA

— La guerra nell'aria

- La liberaziona del mondo

— Uomini come dei

— Gli astrigeni

 

Un'edizione massiccia, quattro volumi dal prezzo abbastanza elevato, giustificato dalla qualità dell'edizione e dal valore delle opere, tuttavia Mursia ha pensato anche a chi non fosse interessato a tutto quello scritto da Wells, e sta pubblicando una serie di libri che contengono un solo romanzo. 

A mio parere vale la pena di fare uno sforzo economico e acquistare l'intera raccolta, che comprende romanzi e racconti molto noti assieme ad altri meno famosi, un'ottima occasione per conoscere questo importante scrittore, ma anche di leggersi molte ottime opere.

In particolare il secondo volume raccoglie quattro pietre miliari della fantascienza e della letteratura in genere, e garantisce ore di buona lettura.

Anche se, in qualche caso, più di un secolo ci separa dalla prima pubblicazione i romanzi e i raconti di Wells restano infatti, in molti casi, perfettamente godibili, leggibilissimi nonostante il tempo abbia reso alcune ipotesi scientifiche del tutto anacronistiche.

Ma, anche se la macchina del tempo molto artigianale e la cavorite possono far sorridere, lo stile di Wells, vigoroso e ricco di fantasia, e il modo in cui usa le invenzioni non come fine del racconto ma come elemento scatenante di cambiamenti sociali, restano attualissimi.

Si pensi al notissimo La guerra dei mondi, dove l'invasione dei marziani è divenuta, con il passare dei decenni, paradigma del colonialismo inglese, dell'espansionismo nazista e della minaccia sovietica, per reincarnarsi, nai giorni nostri, nella paura del terrorismo, nemico senza volto e alieno come le creature sconfitte non dall'uomo ma dalla natura.

 

"Alla fine del XIX secolo nessuno avrebbe creduto che le cose della Terra fossero acutamente e attentamente osservate da intelligenze superiori a quelle degli uomini.."

 

Herbert George Wells nacque a Bromley, un piccolo centro del Kent, nel 1866 e morì a Londra nel 1946.

Il padre, proprietario di un negozio di ceramiche, trasmise al figlio la sua passione per la letteratura.

Dopo aver provato, con scarso successo, diversi mestieri, Wells sembrerà trovare un suo equlibrio laureandosi e iniziando la carriera di insegnante.

Purtroppo, nell'estate del 1893, una malattia gli causò una grave emorragia polmonare, e lo obbligò a lasciare l'insegnamento.

Nello stesso anno iniziò, con la pubblicazione di un manuale di biologia, la sua attività di scrittore.

Prima della fine del secolo, con la pubblicazione di opere come L'isola del dottor Moreau (The Island of Dr. Moreau, 1896), L'uomo invisibile (The Invisible Man, 1897), La guerra dei mondi (The War of the Worlds, 1897), Il risveglio del dormiente (When the Sleeper Wakes, 1899), la sua fama crebbe sino ai massimi livelli.

Negli anni seguenti lo scrittore si impegnò politicamente, propugnando l'idea di un "superstato" mondiale come rimedio alla guerra, e aderendo al "fabianesimo", un socialismo che sfociò nella creazione del partito laburista, e che propugnava la graduale elevazione del livello socio-culturale delle classi lavoratrici, in modo da permetterne il controllo dei mezzi di produzione.

Questo si riflettè sulla produzione letteraria di Wells, che affiancò ai suoi romanzi saggi in cui esponeva le sue idee socio-politiche, restando attivo in campo letterario sino al 1945, un anno prima della morte. 

Autore: Giampaolo Rai - Data: 22 ottobre 2006

Le opere narrative di H. G. Wells: dai il tuo voto

Voti dei lettori

5 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

5 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

Questo articolo non è stato ancora commentato. Vuoi essere il primo?

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.