Lucca Comics And Games

Psychon e altri simulacri

Daniel F. Galouye, Psychon e altri simulacri - FANTASCIENZA - Mondadori - Millemondi - 2008 - pagine 462 - prezzo 5,10 euro - giudizio: ottimo

Immediatamente dopo la pubblicazione, su Urania Collezione, di Stanotte il cielo cadrà ritorna Daniel Francis Galouye, stavolta nella collana Millemondi e con un menù  decisamente succulento, due romanzi e sei racconti scelti tra la sua produzione migliore.

 

Psychon (Lords of the psychon, 1964

La Terra è stata invasa da un nemico che sembra invincibile, e i cui scopi appaiono misteriosi quanto le sue multicolorate città d'energia.

Quello che è certo è che le Sfere stringono ogni anno l'intero pianeta in una morsa di insopportabile dolore, riusciranno i miseri resti dell'eserito americano a sconfiggere un nemico tanto potente, o l'umanità è destinata all'estinzione?

 

Simulacron 3 (Simulacron 3, 1964)

Il mondo tra trenta anni non sarà molto diverso da quello di oggi, il fumo sarà proibito, e i sondaggi su ogni cosa saranno soffocantti, ma tutto sommato le cose vanno abbstanza bene.

Solo che Douglas Hull, il protagonista della storia, inizia ad avere qualche problema, attorno al suo simulatore di condizioni ambientali (talmente sofisticato da essere in grado di studiare differenti sistemi sociali) iniziano a succedere troppi fatti strani, la morte di un amico, una sparizione misteriosa, addirittura cambiamenti impossibili.

Forse la soluzione del mistero sta in un disegno raffigurante un guerriero greco e una tartaruga, ma qual è il suo vero significato?

Come in molte opere di Galouye i colpi di scena non mancano, e finiscono solo all'ultima pagina.

 

Partenza domenica (Deadline sunday, 1955)

Un racconto breve e agghiacciante, la rivisitazione in chiave fantascientifica del Pifferaio di Hamelin.

 

L'ultimo salto (The Last Leap, 1960)

Il teletrasporto sta muovendo i primi passi, ma i volontari che si sono sottoposti al trattamento spariscono misteriosamente, dove vanno con l'ultimo salto, e chi o che cosa impedisce loro di tornare?

Io sono riuscito a risolvere l'enigna all'ultima parola del racconto, ma forse voi sarete più fortunati... o più abili.

 

Spirito combattivo (Fighting spirit, 1956)

Certo la guerra con i Wispie è molto diversa da quello che Dykes immaginava, i nemici non devono essere uccisi, e le armi impiegate sono decisamente strane.

Ma il dovere è il dovere, e lui non si tirerà certo indietro di fronte al nemico.

 

Jebaburba (Jebaburba, 1954)

I bambini spesso sono irritanti, figuriamoci se il bambino è un alieno e per di più fornito di un potere molto particolare.

 

Gli occhi del cane (Seeing-Eye Dog, 1956)

Riacquistare la vista, sia pure attraverso gli occhi di un cane, è un sogno che ora è diventato realtà.

Ma i sogni possono facilmente trasformarsi in incubi.

 

Il tempio di Satana (Satan's Shrine, 1954)

Alla fine della terza guerra mondiale Jornal Sakoran, detto Satana, ha imposto il suo dominio sul mondo, dalla sua fortezza schiaccia tutte le nazioni sotto il suo tallone d'acciaio.

Novantadue spedizioni hanno provato a violare le diecimila tonellate di ferro e acciaio che proteggono il crudele dittatore, e ora un altro manipolo di eroi cerca di raggiungerlo e ucciderlo, quale sacrificio più nobile di quello compiuto per liberare il mondo da Satana?

 

Non è proprio tutto il Galouye che mancava, come afferma la quarta di copertina, visto che rimarrebbe da ripubblicare quello che considero il capolavoro di questo scrittore, il magnifico Mondo senza luce (Dark Universe, 1961), ma sicuramente questo Millemondi soddisfa pienamente chi volesse approfondire la conoscenza di Galouye.

Certamente il livello qualitativo è discontinuo, alcuni racconti non dicono molto, Psychon è un romanzo discreto ma nulla più, tuttavia Simulacron 3 merita di essere letto, prefigura certe tematiche dickyane in modo splendido, e mantiene il lettore in tensione dall'inizio alla fine.

Il tempio di Satana è un piccolo gioiello, dove la passione per i colpi di scena tipica di Galouye raggiunge la sua massima espressione, uno dei miei racconti preferiti in assoluto.

Si aggiunga che  almeno un paio di racconti sono decisamente piacevoli (in particolare L'ultimo salto) e il quadro finale dipinge un volume molto appetibile, per una cifra modesta ci si porta a casa un sacco di buona vecchia fantascienza, forse un po' datata ma ancora appassionante.

Psycon è assolutamente da non mancare se vi è piaciuto Stanotte il cielo cadrà, da provare se non vi siete mai accostati alle opere di Galouye.

Autore: Giampaolo Rai - Data: 22 novembre 2008

Notizie correlate

Recensioni di altri libri di Daniel F. Galouye

Psychon e altri simulacri: dai il tuo voto

Voti dei lettori

5 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

4 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Ho letto Psychon e l'ho trovato molto originale e ben scritto. Meritava forse una stesura più lunga. Simulacron 3 lo sto leggendo in queste sere e purtroppo ha perso col tempo la sua freschezza, ma deve essere stato geniale ai suoi tempi. Io come al solito sono l'ignorante del circondario e gli autori li scopro in occasioni come questa, ma trovo che Galouye sia stato un gran precursore.

» postato da Botolo alle 17:53 del 23-11-2008

2 non sono ancora riuscito a trovarlo questo libro! :(

» postato da Piscu alle 11:02 del 24-11-2008

3 Ho apprezzato molto il primo racconto, di meno gli altri.

» postato da ammiraglio_naismith alle 22:47 del 25-11-2008

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.