Mentre sulla stampa nostrana tiene banco il vivace dibattito se del dilagare delle minzioni stradali sia maggiormente responsabile la soppressione dei vespasiani pubblici o l'abuso diabolico di birra (rif. Claudio Magris, Corriere della Sera on line, pagina culturale del 31 agosto 2008) e s'indaga l'emergenza di un nuovo preoccupante costume sociale legato alla valenza pornografica di elaborate pietanze (rif. Benedetta Perilli, Repubblica on line, Tecnologia & Scienza del 29 agosto 2008), altrove si tende a guardare al di là dell'ombelico e a questionare un po' meno sul computo dei peli limitrofi. Forse è il clima che si respira in questa fase particolarmente accesa della campagna elettorale americana in vista della fatidica data del 4 novembre, ma è un segnale senza dubbio incoraggiante che le pagine del Los Angeles Times abbiano ospitato il 22 luglio scorso una interessante riflessione sul futuro dell'umanità. Autore dell'articolo è Michael Shermer, un divulgatore scientifico con un feeling particolare con la fantascienza, come dimostrano le prime due storiche copertine della rivista Skeptic (da lui fondata nel 1992), che ritraggono rispettivamente il compianto Isaac Asimov (all'epoca recentemente scomparso) e un robot intento a leggere proprio il primo numero del magazine.

Shermer, fondatore della Skeptics Society, articolista dello Scientific American e personalità di sicuro fascino letterario (come avranno intuito i lettori del premio Hugo 2006 La voce dall'aldilà, di Connie Willis), non ha scelto un approccio di convenienza, anzi, ha resistito a qualsiasi concessione per sferrare un attacco frontale all'insidiosa materia. E ha auspicato un'evoluzione convergente delle nostre strutture politiche, economiche ed energetiche per l'obiettivo che si propone, evocando fin dal titolo la nozione di Civiltà di Tipo I della scala di Kardashev. Personalmente, ho avuto modo di affrontare a più riprese l'argomento. Come illustravo sul mio blog un po' di tempo fa, il cosmologo russo Nikolai Kardashev mise a punto nel 1964 un metodo di classificazione delle civiltà sulla base del livello tecnologico raggiunto. Il sistema prese quindi da lui il nome di scala di Kardashev. Sinteticamente, Kardashev individua 3 punti di transizione per diversificare il livello di evoluzione di una ipotetica civiltà interplanetaria. La prima transizione conduce a una Civiltà di Tipo I, capace di sfruttare una quantità di energia confrontabile con quella disponibile sulla Terra (per una potenza di 1,74 ×1017 W); la seconda a una Civiltà di Tipo II, in grado di ricavare energia da una stella per sostenere il proprio fabbisogno (4 ×1026 W); la terza a una Civiltà di Tipo III, di proporzioni galattiche (4 ×1026 W).

La ricetta di Shermer si articola in alcuni punti chiave. Innanzitutto, non si

Qualche video di Isaac Asimov

Per festeggiare l'uscita di Foundation questa settimana invece di un corto recuperiamo qualche video con...

S*, 25/09/2021

Foundation, come è stata adattata la trilogia di Isaac Asimov

David S. Goyer, showrunner della serie ha seguito le parole dello stesso Isaac Asimov, inserendo elementi che...

Leo Lorusso, 24/09/2021

Stasera si parla di Isaac Asimov

Alle 21 in diretta streaming su Facebook un panel dedicato al centenario di Isaac Asimov

S*, 23/12/2020