Un triste annuncio da Iain Banks

Lo scrittore britannico ha appreso di avere un tumore, purtroppo in fase terminale. Lo ha reso pubblico con un post sul blog del suo editore.

ingrandisci

Un brutto colpo si è abbattuto ieri sul mondo della fantascienza e della letteratura britannica. Con un post sul blog del suo editore, Orbit, Iain Banks ha comunicato ai suoi lettori di aver appreso di avere un tumore, purtroppo in fase già troppo avanzata per poter essere combattuto.

Tutto è cominciato con un mal di schiena, che all'inizio Banks aveva attribuito all'essere rimasto per un lungo periodo fisso al computer a scrivere. Ma quando dopo un mese continuava a persistere è andato dal medico che gli ha diagnosticato l'itterizia, causata da un condotto biliare ostruito.

Sottoponendosi agli esami necessari per l'intervento chirurgico ha scoperto, all'inizio di marzo, di avere il cancro. Partito dalla cistifellea, il tumore aveva già attaccato entrambi i lobi del fegato, probabilmente il pancreas e alcuni linfonodi, e masse tumorali si erano formate attorno a un gruppo di vasi sanguigni, rendendo del tutto impraticabile l'ipotesi di rimuoverli chirurgicamente.

A Banks veniva quindi comunicato che la sua aspettativa di vita era di soli pochi mesi. Comunque meno di un anno.

 

"Sembra quindi che il mio ultimo romanzo, The Quarry, sarà davvero l'ultimo" scrive Banks. "Ho annullato tutti gli impegni pubblici e ho chiesto alla mia compagna Adele se vuole farmi l'onore di diventare la mia vedova (un po' di umorismo nero aiuta). Quando leggerete queste righe saremo già sposati e in viaggio per una breve luna di miele. Intendiamo passare il tempo che ci resta insieme nel modo migliore possibile, visitando amici e posti che hanno significato molto per noi. Il mio eroico editore si sta prodigando per far uscire il romanzo qualche mese prima, in modo che io sia ancora qui per vederlo arrivare sugli scaffali."

 

Banks dice anche che è possibile che possa sottoporsi a un ciclo di chemioterapia per estendere il tempo che gli resta, ma non ha ancora preso una decisione definitiva. Ringrazia il suo medico e la sanità pubblica scozzese per l'efficienza e la professionalità esemplare, e annuncia che sarà presto disponibile un sito web dove amici, familiari e lettori potranno lasciargli messaggi ed essere aggiornati sulla situazione.

 

Recentemente anche un altro scrittore di fantascienza ha annunciato di avere poco tempo da vivere a causa di un tumore, l'americano Jay Lake. Ricordiamo anche la triste vicenda di Terry Pratchett, affetto dal morbo di Alzheimer dal 2007, che due anni fa ha dichiarato di voler commettere un "suicidio assistito" prima che la malattia lo privi del tutto delle proprie facoltà intellettive.

 

Autore: S* - Data: 4 aprile 2013 - Fonte: Orbitbooks

Vota questo articolo

Voti dei lettori

6 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 mamma mia che situazione terrificante... come si può andare avanti sapendo di avere i mesi contati? Spero rimanga "in gamba" fino alla fine (il più in là possibile) e che se ne vada in un batter di ciglia, senza soffrire né rendersene conto...

» postato da Andrea Pagani alle 16:15 del 03-04-2013

2 questa è davvero una notizia tristissima.

» postato da Dr. Weir alle 18:43 del 03-04-2013

3 Che tristezza ... che anno orribile! Un altro dei nostri che se ne va ...

» postato da Giandomenico Clementi alle 19:48 del 03-04-2013

4 Mamma mia che brutta notizia

» postato da jegger alle 20:34 del 03-04-2013

5 Una bruttissima notizia e un messaggio commovente. :(

» postato da (Martino Martinelli) alle 23:03 del 03-04-2013

6 c..o :-(

» postato da Gray Mouser alle 21:44 del 04-04-2013

7 Che brutta notizia, spero che i suoi ultimi mesi siano il più sereni possibile.

» postato da Anacho alle 23:12 del 04-04-2013

8 Muovevo i primi passi sul web e sulla gloriosa mailing list di fantascienza incontravo Anna Feruglio Dal Dan che tanto (bene) parlava di Banks e delle fatica del tradurlo. Come sempre sembra che le peggiori persone non si levino mai di torno, mentre le persone degne se ne vadano troppo presto. L'unica speranza è che quando a Iain M. Banks cadrà di mano la penna, qualcuno si faccia avanti e la raccolga per scrivere al posto suo opere altrettanto interessanti e con quella vena di humor che mi ha tanto fatto sorridere nella scelta dei nomi delle astronavi della Cultura. Chissà se ora da tanto materiale di qualità qualcuno si metterà a realizzare film degni del titolo di fantascienza, o se l'unica possibilità resterà quella di sopportarsi "mucca da mungere" capitolo 7, 8 e 9...

» postato da Naismith alle 10:02 del 05-04-2013

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.