Erano i primi anni duemila quando MacWorld Italia, rivista di informatica che si occupava dei prodotti Apple, cominciò a pubblicare mensilmente brevi raccontini che si intitolavano Io, Ce e… qualcosa ogni volta diverso. Per farla breve, ben presto questa rubrica, insieme a poche altre di brillanti opinionisti della rivista, divenne uno dei pochi motivi per portarsi a casa quel centinaio di pagine che si occupavano altrimenti di "novità" che ormai internet stava già rendendo datate.

L'autore era Fabrizio Venerandi. Questo è stato il mio primo contatto con questo scrittore. 

Il secondo anni dopo, quando Delos Books era tra le prime case editrici a entrare nel mercato degli ebook; c'era qualche problema tecnico, e i gestori del sito Telecom (che allora si chiamava Biblit, poi ha cambiato nome un paio di volte, ora si chiama TimReading) mi mandarono un ebook su cui basarmi come esempio. L'ebook era Il meccanismo della forchincastro, un notevole e originalissimo romanzo di fantascienza, di nuovo di Fabrizio Venerandi.

Al di là delle esperienze personali, Venerandi, oltre a essere considerato il maggiore esperto italiano (dal punto di vista tecnico) sugli ebook, è un autore eclettico che ha scritto narrativa, poesia, fiction interattiva, giochi di ruolo, realizzato video. E ha anche una casa editrice, Quinta di Copertina.

Il racconto lungo che pubblichiamo, Ezekias contro le donne gatto del pianeta Smirt, è decisamente inusuale, tocca argomenti un po' particolari, è scritto in uno stile estremamente personale, ma è decisamente fantascienza. E secondo me di qualità.

Il meccanismo della forchincastro, un libro leggendario prima di uscire

Esce in Odissea Fantascienza il romanzo distopico di Fabrizio Venerandi, scritto e riscritto per decenni.

S*, 6/07/2021

Guida all’immaginario Nerd

Guida all’immaginario Nerd

Un viaggio per conoscere da vicino i mondi e la cultura nerd.

Fabrizio Scatena, 3/09/2020

L'occhio di uno strano gatto

Nel romanzo di Roger Zelazny un cacciatore navajo e un alieno con un occhio solo dovranno stringere una strana...

Giampaolo Rai, 2/04/2020