Da fine settembre è in libreria il romanzo Vulcano 3 (Vulcan’s Hammer, 1960) dello scrittore di culto Philip K. Dick. La nuova edizione si avvale della traduzione di Tommaso Pincio ed è stata pubblicata da Fanucci Editore che come è noto da tempo ha acquistato l'esclusiva su tutta la produzione, anche quella mainstream, del grande autore. Questo è il quarantesettesino titolo che appare nella collana appositamente creata per far conoscere ai lettori le sue opere.

È stato scritto che Vulcano 3 è una delle opere minori di Dick. Può anche essere vero, ma resta un romanzo interessante che tratta l’argomento di un mondo governato dai computer come solo Dick sapeva fare. Nel futuro immaginato dall’autore tutte le più importanti decisioni in ogni campo sono prese da un supercomputer conosciuto con il nome di Vulcano 3. Il computer elabora i dati che gli vengono forniti dai "Direttori" dei vari stati.

Ma non tutti accettano di essere comandati da un computer. Un'organizzazione o, per meglio dire, la setta politico-religiosa dei "Guaritori" vuole che l’uomo torni a prendere le decisioni e che tutti i cittadini partecipino alla gestione della cosa pubblica. Ma Vulcano 3 è talmente potente da diventare autocosciente e, di fronte al pericolo di essere distrutto, scatenerà una vera e propria guerra. L'introduzione dal titolo Uomini e computer in una crisi di paranoia è scritta dal noto esperto Carlo Pagetti.

La svastica sul sole

Una ucronia famosa in tutto il mondo. Un capolavoro che il grande autore Philip K. Dick scrisse nel 1962, vincendo...

Pino Cottogni, 18/03/2014

Nick e il Glimmung

Un romanzo, forse l’unico rivolto a giovani lettori, di un grande autore: Philip K. Dick.

Pino Cottogni, 20/11/2013

Menzogne S.p.A.

Una nuova edizione di un romanzo di Philip K. Dick, conosciuto a suo tempo con il titolo di Utopia, andata e...

Pino Cottogni, 14/11/2013