È da poco in libreria un romanzo di fantascienza che possiamo definire post-apocalisse. Si tratta di Il passaggio (The Passage, 2010) dello scrittore e professore di letteratura inglese Justin Cronin. È il primo volume di un'annunciata trilogia. I prossimi titoli sono The Twelve (uscirà nel 2012) e The City of Mirrors (previsto per il 2014).

Il romanzo ha suscitato un immediato interesse, addirittura si è scatenata una gara di offerte quando ancora la sinossi era in visione presso le varie case editrici. Il testo è stato subito opzionato per il grande schermo. È un romanzo che negli Usa ha avuto moltissimi pareri più che positivi ma anche qualche critica. Piacerà a quanti hanno apprezzato un classico del genere, I am Legend di Richard Matheson, passando poi al più recente La progenie di Guillermo del Toro (Mondadori) oppure Parainsonnia di Charlie Huston (Rizzoli, 2010).

L’autore afferma che il romanzo è nato dalla richiesta della figlia di scrivere la storia su una bambina che salva il mondo. L'opera è divisa in undici capitoli, mentre la storia può essere suddivisa in due parti: nella prima lo scrittore ci narra della scoperta del virus e della sua devastante diffusione nel mondo, la seconda si svolge dopo oltre novant'anni e segue le vicende di una colonia di sopravvissuti che si trova in California. L’autore è abile a miscelare varie forme narrative, tra cui posta elettronica, voci di diario, articoli di giornale e altro ancora.

La protagonista è una bambina di nome Amy Harper Bellafonte, nata nel 2012 da una relazione tra una giovanissima cameriera di bar e un commesso viaggiatore sposato. Nel 2018 la bambina ha sei anni e viene abbandonata dalla madre in un convento. Qui viene affidata a suor Antonietta Kudoto Lacey che avrà per lei un particolare attaccamento. Nel contempo in un laboratorio segreto americano vengono condotti esperimenti su un virus, trasmesso da una razza di pipistrelli boliviani, che dovrebbe avere il potere di rendere la persona "infettata" immune alle malattie e più forte, allungando in tal modo la vita.

Il virus viene sperimentato su un gruppo di condannati a morte e poi su Amy, che dopo varie vicende viene portata nel laboratorio segreto. L’effetto del virus sui condannati sarà quello di trasformarli in esseri mostruosi che riusciranno a fuggire, favorendo la diffusione mondiale del virus. Buona parte degli infettati moriranno, altri si trasformeranno in esseri mostruosi con brama di carne e di sangue. Chi rimane immune diventa una preda. Si formano così aree protette. Con un salto temporale di circa novant’anni, troveremo che Amy arriva in una enclave californiana per la sorpresa finale.

Guillermo Del Toro racconta Pacific Rim 2

La guerra è finita, i mostri sconfitti, tutto torna alla normalità. Ma è davvero così? Del Toro ha un piano...

Leo Lorusso, 28/11/2014

In edicola Notte eterna di Guillermo Del Toro

La trilogia Nocturna dedicata da Guillermo Del Toro e Chuck Hogan alla lotta tra umani e vampiri, arriva alla...

Giampaolo Rai, 26/03/2014

Prosegue su Urania Horror la trilogia Nocturna di Guillermo Del Toro e Chuck Hogan

La disperata battaglia dell'umanità contro i vampiri arriva al secondo capitolo con il romanzo La caduta.

Giampaolo Rai, 7/01/2014