Anche i titoli di testa possono essere un’arte. E, in attesa di vedere sul grande schermo le scelte estetiche per i primi minuti di X-Men First Class (nei cinema italiani il 3 giugno 2010), qualcuno si è cimentato in una versione alternativa. Premessa: il nuovo capitolo degli X-Men, affidato alla regia dell’inglese Matthew Vaughn (alla sua quarta prova dopo The Pusher, Stardust e Kick-Ass), è un prequel alla trilogia X-Men ambientato negli anni Sessanta, quando Charles Xavier (futuro professor X, interpretato da James McAvoy) e Erik Lehsherr (futuro Magneto, nel ruolo Michael Fassbender) sono ancora amici e iniziano a scoprire i loro superpoteri, che decidono di mettere al servizio degli Stati Uniti.

Proprio tenendo conto dell’epoca in cui si svolgono i fatti, un designer che si fa chiamare con il nome d’arte Joe D! ha dato la sua interpretazione dei titoli di testa. Per usare le sue stesse parole: "La sequenza è stata disegnata per dare una prima e sintetica idea del periodo, dell’ambientazione e per mostrare le relazioni tra i personaggi, dal momento che sono molto diversi dai film precedenti e non bisogna confondere il Professor X e Magneto, futuri nemici, con i personaggi di questo prequel. Ho realizzato la sequenza ispirandomi alla cultura mod, al designer Saul Bass e ai film di James Bond."

Per chi non l’avesse ancora visto, ecco anche il primo trailer italiano di X-Men: First Class in italiano. Che ne dite, i titoli di testa di Joe D! possono essere un serio candidato?

X-Men Le origini 2, Giorni di un futuro passato?

La Fox sta portando avanti il piano di dominio del mondo cinematografico e dopo il successo di X-Men - Le...

Leo Lorusso, 13/06/2012

X-Men First Class 2: Magneto e Xavier di nuovo insieme?

Nuovi e interessanti sviluppi nei rapporti fra i due mutanti più potenti del mondo nel secondo episodio delle...

Ivan Lusetti, 1/02/2012

Confermati i sequel di X-Men - L'inizio e L'alba del pianeta delle scimmie

Il rilancio di due serie storiche è stato baciato dal successo, per cui è il momento di costruire una nuova...

Leo Lorusso, 1/12/2011