Lucca Comics And Games

Le 12 migliori serie tv (più una) sulla fine del mondo

E altre cinque che si portano avanti con il lavoro. Se non sapete cosa mettervi e come prepararvi al meglio, vi viene in soccorso il mondo della televisione.

Previsioni del tempo: nuvoloso con possibilità di apocalisse ingrandisci

Ebbene sì, oggi è il gran giorno, avete preparato il vostro kit di sopravvivenza? Vi siete allenati al tiro con l'arco? Sapete già di chi fidarvi da domani in poi? Nel caso aveste ancora dei dubbi, eccovi alcuni suggerimenti televisivi, da cui prendere spunto per cosa mettere in valigia.



ingrandisci

Planet of the Apes

(Il pianeta delle scimmie) 1974

Con Roddy McDowall.

Lo sapevate che era stata realizzata anche una serie tv?

Probabilmente no, visto che nel lontano 1974 era durata solo quattordici episodi, prima che la CBS la cancellasse per i bassi ascolti, dimostrando fin da allora quanto poco le interessasse la fantascienza.

La serie tv prendeva spunto dal primo film: un'astronave terrestre precipita dopo aver incrociato un varco temporale. La data è il 19 agosto 1980, ma i due astronauti sopravvissuti scopriranno molto in fretta di essere finiti su una terra del futuro (indicativamente intorno al 3085), dove le scimmie sono padrone assolute.

Dei quattordici episodi prodotti, negli Usa ne andarono in onda tredici e i fan avrebbero dovuto aspettare l'avvento del dvd per poter vedere l'episodio mancante. 

Suggerimento: se siete in viaggio nello spazio, evitate i varchi temporali.



ingrandisci

Survivors

Prima versione 1975-77 — Seconda versione 2008-10.

Serie inglese, nella prima versione un virus rilasciato inavvertitamente dai cinesi stermina la popolazione umana. La storia segue due donne, Jenny (Lucy Fleming) e Abby (Carolyn Seymour), mentre cercano il figlio di Abby e si uniscono a una comunità in cui cercano di recuperare una parvenza di normalità. Che si rivelerà un'illusione.

La versione del 2008 segue gli stessi protagonisti,solo che il virus viene chiamato "influenza europea".

Suggerimento: non prendete l'influenza.



ingrandisci

Days of the Triffids Prima versione 1981 — Seconda versione 2009

Entrambe miniserie inglesi. La prima versione era composta da sei episodi della durata di 26 minuti, in cui una pioggia di meteoriti rende cieca la popolazione mondiale, a parte il protagonista che si trovava all'ospedale con le bende sugli occhi.

I sopravvissuti dovranno vedersela sia con gli umani ciechi e impazziti che con le trifidi del titolo, piante carnivore particolarmente intelligenti.

La versione del 2009 è composta di due parti e lo scenario cambia: le trifidi vengono tenute in strutture superprotette perché sono sì pericolose, ma dal loro olio si può produrre un carburante alternativo che elimina la crisi petrolifera.

Poi arriva una tempesta solare immensa, tutti diventano ciechi, tranne il protagonista (come sopra) e, saltata la corrente, le trifidi decidono di farsi un giro.

Suggerimento: portate sempre gli occhiali da sole. Sempre.



ingrandisci

The Stand

(L'ombra dello scorpione) 1994

Con Gary Sinise.

Miniserie in quattro episodi basata sull'omonimo romanzo di Stephen King, qui anche nella veste di sceneggiatore, ma anche protagonista di un cameo.

In un laboratorio del governo viene rilasciato accidentalmente il virus di una superinfluenza. L'unico sopravvissuto nella base scappa portandosi dietro la famiglia, ma anche il virus, che annichilisce la popolazione mondiale. Come se non bastasse, i sopravvissuti dovranno anche affrontare il famigerato Randall Flagg, che chi ha letto il romanzo non dimenticherà mai.

Suggerimento: se un vostro parente è raffreddato, saltate in macchina e correte il più lontano possibile dal suo primo starnuto.



ingrandisci

The Last Train

Miniserie inglese del 1999 in sei parti, in cui i passeggeri di un treno che da Londra è diretto a Sheffield scoprono di essere stati congelati criogenicamente per farli sopravvivere a un meteorite che si è abbattuto sulla terra.

Quando salgono sul treno è il 1999, quando ne scendono è il marzo 2012 e il paesaggio intorno a loro è un po' diverso da come lo ricordavano.

Suggerimento: usate la macchina la prossima volta.



ingrandisci

Dark Angel

La serie del 2000-2002 che ci ha regalato Jessica Alba e Di Nozzo di NCIS. Prodotta da James Cameron, racconta di un mondo in cui i terroristi hanno usato un super impluso elettromagnetico, spegnendo qualsiasi cosa e di Max (Jessica Alba), una ragazza allevata in una struttura segreta (Manticore) per essere un supersoldato, da cui scappa da piccola per poi vivere nella clandestinità di un mondo in rovina, almeno fino al momento in cui incontra Logan Cale (Michael Weatherly, cioè Di Nozzo), un hacker che cerca di svelare una cospirazione governativa.

Come è ovvio che sia, la serie venne cancellata senza un finale decente.

Suggerimento: se mille organizzazioni governative vi danno la caccia, non vivete sempre nello stesso identico posto, prima o poi vi troveranno.



ingrandisci

Jeremiah

2002-04, ideata da J. Micheal Straczynski (Babylon 5) e molto lontanamente basata su un fumetto belga, comincia quindici anni dopo che un virus ha sterminato tutta la popolazione che aveva superato la pubertà.

La serie seguiva il viaggio del suddetto Jeremiah (Luke Perry), che vaga in un mondo irriconoscibile cercando un posto chiamato Valhalla Sector, che il padre gli aveva indicato come possibile rifugio sicuro.

Purtroppo, il creatore della serie ebbe uno scontro con l'emittente (Showtime) e la serie si concluse, come è ovvio, con un colpo  di scena lasciato in sospeso.

Suggerimento: non superate la pubertà, non ne viene niente di buono.



ingrandisci

Jericho

2006-08. Serie di culto se non altro per le traversie che dovette affrontare e che verrà ricordata per le migliaia di noccioline inviate alla CBS dai fan per evitare la cancellazione, parte da un ridente paesino del Kansas, in cui ritorna Jake Green (Skeet Ulrich) dopo essere scomparso per cinque anni, solo per vedere comparire all'orizzonte un bel fungo atomico, indizio che le cose non saranno più come prima.

Tra la necessità di trovare il necessario per sopravvivere, i predoni, le compagnie di mercenari e una bomba atomica inesplosa, in quel di Jericho si ritrovano con parecchi problemi.

Incredibilmente, dopo il rinnovo per un seconda breve stagione, gli autori decisero di girare due finali, uno definitivo e uno aperto nel caso di un rinnovo.

Suggerimento: se vostro figlio torna a casa dopo cinque anni, non fatelo entrare.



ingrandisci

The Walking Dead

2010 — in corso. Serie di enorme successo, parte da una invasione globale di zombie già iniziata di cui si ignorano le cause (né qualcuno le cerca, compreso l'autore della serie e del fumetto), segue un gruppo di protagonisti che scoprono come gli umani possano essere molto più pericolosi dei morti viventi.

E il gruppo tende ad assottigliarsi in modo allarmante

Suggerimento: in caso di zombie, chiudersi in un carro armato non serve a niente.



ingrandisci

Terra Nova

2011. Serie che doveva essere un evento e non lo è stato. Prodotta da Steven Spielberg, parte da un 2149 in cui la Terra è allo stremo, con tutte le risorse vitali esaurite.

Quale idea migliore che non entrare in varco temporale e fondare una colonia nel cretaceo di una linea temporale alternativa?

Se qualcuno pensava che i dinosauri fossero il pericolo più grande o gli umani, la realtà è che a uccidere il telefilm era la trama degna della famiglia Bradford.

Con tanto di finale in sospeso per sempre ovviamente.

Suggerimento: non andate a vivere nel cretaceo, nemmeno quello di una realtà alternativa.



ingrandisci

Falling Skies

2011 — in corso. A Spielberg va un po' meglio con questa invasione aliena, forse grazie anche alla presenza del dottor Carter di E.R. ovvero Noah Wyle, ma anche di un budget estremamente più basso della serie precedente.

Sei mesi dopo che gli alieni hanno invaso la terra, il gruppo di sopravvissuti chiamato Second Mass e guidato dal capitano Dan Weaver (Will Patton) e dall' ex-professore Tom Mason (Noah Wyle) cerca di sopravvivere alle mille privazioni e agli attacchi alieni, mentre Mason cerca di ritrovare il figlio, rapito dagli alieni che prelevano i bambini per impiantare loro un sistema di controllo semibiologico, per scopi non ancora chiari.

Con loro, la scheggia impazzita di nome John Pope (Colin Cunningham) e la dottoressa dal cuore d'oro Anne Glass (Blood Moongood, da Terminator Salvation).

Suggerimento: date retta a Pope.



ingrandisci

Revolution

2012 — in corso. La serie che ha dato nuova vita a una rete in stato comatoso come la NBC, comincia quindici anni avanti nel futuro, dopo che ai giorni nostri, quello che probabilmente è un esperimento andato male, ogni forma di energia è stata spento per sempre (forse).

Il mondo intorno a loro è regredito a un moderno Far West, le poche armi moderne sono in mano alla milizia e per difendersi diventa necessario usare arco e frecce o moschetti provenienti dai musei.

La protagonista, Charlie (Tracy Spiridakos), perde il padre quando un contigente della milizia guidato dal capitano Neville uccide suo padre Ben (Tim Guinee), nel tentativo di condurlo al cospetto del generale Monroe (David Lyons), di cui una volta era grande amico. Prima di morire il padre le dice di cercare lo zio Miles (Billy Burke), ma nel frattempo il fratello viene catturato dalla milizia, mentre un loro conoscente, Aaron (Zack Hort) ha ricevuto uno strano ciondolo da Ben prima che morisse, perchè lo tenesse nascosto.

Da qui lo strano gruppo va ampliandosi mentre si avvicinano al luogo dove è tenuto prigioniero il fratello e dove avverrà lo scontro tra Miles e Monroe. E nel frattempo scopriamo che il ciondolo ha il potere di far tornare la corrente.

Suggerimenti: un bel corso di tiro con l'arco, un sacco di batterie, ma evitate di avere l'accento inglese, non porta fortuna per niente.



ingrandisci

Defiance

2013. Come "+1" aggiungiamo una serie che andrà in onda solo... dopo la fine del mondo. La nuova serie dell'emittente Syfy ha il piano ambizioso di collegare il telefilm a un videogame persistente on line.

Anche qui in partenza c'è un'invasione aliena, ma dopo un decennio di guerra la terra stessa è diventata pericolosa e irriconoscibile, per cui umani e alieni devono collaborare per evitare di estinguersi.

La serie ha come protagonista Jeb Nolan (Grant Bowler), che torna in quel di St.Louis dopo essere stato congedato. Ma la città non è più quella di prima, è un campo di rifugiati dove alieni e umani convivono non così serenamente, in un contesto simile al Far West. Toccherà a Jeb assumere il ruolo di sceriffo e evitare che la città, ora nota come Defiance, esploda definitivamente.

 

Ma attenzione, pensate di potervela cavare e che non ci sarà alcuna fine del mondo? La tv ha pensato anche a questo, con alcune serie che hanno fatto un giro avanti nel tempo per vedere i disastri futuri.

 



ingrandisci

Doctor Who, episodio End of the world: 2005

Il Dottore con il volto di Christopher Eccleston porta la sua compagna Rose (Billie Piper) in un viaggio nell'anno cinque miliardi, dove una terra ormai disabitata sta per essere distrutta dall'espansione del sole. Ma tra i membri delle delegazioni aliene presenti per godersi lo spettacolo, qualcuno trama nell'ombra.

Suggerimento: vi servirà una protezione solare alta. Molto molto alta.



ingrandisci

Heroes, 2006 — 10

Malgrado la serie seguisse il mistero di alcuni personaggi che scoprono di avere poteri sovrannaturali, una delle sottotrame era legata alla capacità di uno di loro, Hiro (Masi Oka) in grado di viaggiare nel tempo, che nei suoi viaggi scopre un futuro in cui il mondo è devastato e deve capire come impedirlo.

Suggerimento: se proprio dovete viaggiare nel tempo e nelle realtà alternative, andate in quella in cui siete miliardari.



ingrandisci

Fringe, 2008-2012

La divisione segreta Fringe segue casi enigmatici, legati a una connessione con una realtà alternativa della terra. Ma tra la stagione 4 e la 5, che è anche l'ultima, i protagonisti scoprono un 2036 alternativo in cui gli Osservatori, personaggi arrivati dal futuro hanno distrutto il pianeta che ora controllano con un sistema totalitario.

Suggerimento: la versione di voi stessi nel mondo alternativo è sicuramente di pessimo umore.



ingrandisci

Dollhouse, 2009

Serie creata da Joss Whedon ma non baciata dal successo, seguiva le vicende di Echo (Eliza Dushku), un'agente di una società segreta, chiamata appunto Dollhouse, dove agli agenti viene cancellata la memoria per installare un'identità fittizia allo scopo di eseguire missioni alquanto ambigue.

Malgrado la serie sia ambientata ai giorni nostri, nel finale di serie si scopre che nel 2020, l'umanità è stata distrutta proprio a causa della tecnologia usata per cancellare le menti delle persone.

Suggerimento: prima di farvi cancellare la memoria, fate un back up.



ingrandisci

Sarah Connor Chronicles, 2008 — 09

Il telefilm voleva raccontare gli eventi dopo Terminator 2, con Sarah Connor (Lena Headey) impegnata a proteggere il figlio John (Thomas Dekker) dall'arrivo di altri Terminator dal futuro, con l'aiuto di una Terminator chiamata Cameron (Summer Glau) inviata indietro nel tempo dal 2027 dal John Connor adulto per proteggere la sua famiglia.

La Fox riesce dove Skynet ha fallito e cancella la serie, lasciandoci con un colpo di scena che nessuno risolverà mai, nemmeno al cinema.

Suggerimento: in caso di Terminator, portate sempre con voi una pressa idraulica, o una vasca di metallo fuso.

Quindi sedetevi, rilassatevi e scegliete la fine del mondo che preferite, il tempo non manca.

 

Autore: Leo Lorusso - Data: 21 dicembre 2012

Vota questo articolo

Voti dei lettori

5 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Mancano X-Files e Millennium ;)

» postato da (Max ) alle 11:54 del 21-12-2012

2 Manca Battlestar Galactica. Non è la nostra Terra, ma pur sempre di fine del mondo e sterminio della razza umana si tratta.

» postato da Kobol77 alle 14:34 del 21-12-2012

3 :shock: Con tutto quello che avete citato manca la miglior Fine del Mondo mai realizzata ... This is how the world ends, swallowed in fire... but not in darkness. You will live on – the voice of all our ancestors, the voice of our fathers and our mothers, to the last generation. We created the world we think you would have wished for us. And now we leave the cradle for the last time. Non ho parole :P

» postato da Nirgal alle 14:54 del 21-12-2012

4 Dov'è "La Fuga di Logan"? (Ovviamente la serie TV omonima).

» postato da (Ivo Luigi Bertani) alle 17:12 del 21-12-2012

5 per me non manca nulla, ma faccio una considerazione su una serie di troppo: "jericho". parla della fine dell'america mediante esplosioni atomiche, non della fine del mondo. magari noialtri in europa o in altri continenti ce la caviamo con al massimo un po' di problemini di radiazioni, ecco. http://i2.photobucket.com/albums/y26/slowpulse/oops.gif

» postato da jonny lexington alle 12:33 del 25-12-2012

6 anche dark angel sarebbe di troppo...

» postato da (dado didi) alle 00:04 del 30-12-2012

7 «per me non manca nulla, ma faccio una considerazione su una serie di troppo: "jericho". parla della fine dell'america mediante esplosioni atomiche, non della fine del mondo. magari noialtri in europa o in altri continenti ce la caviamo con al massimo un po' di problemini di radiazioni, ecco. http://i2.photobucket.com/albums/y26/slowpulse/oops.gif» Tecnicamente hai ragione, ma è comunque una serie postapocalittica, quindi il genere è quello. S*

» postato da S* alle 08:13 del 30-12-2012

8 «Dov'è "La Fuga di Logan"? (Ovviamente la serie TV omonima).» La teniamo da parte per quando facciamo "Le 12 peggiori serie sulla fine del mondo" :lol: S*

» postato da S* alle 08:13 del 30-12-2012

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.