Lucca Comics And Games

Bitter Angels vince il premio Philip K. Dick

L'edizione 2010 è andata CL Anderson (pseudonimo di Sarah Zettel), autrice di una space opera ambientata in un futuro di colonie planetarie e lotte fra potenti famiglie.

Il romanzo vincitore del Philip K. Dick Award 2010 è stato annunciato durante la Norwescon 33, convention che si è svolta a SeaTac nello stato di Washington. La giuria composta da William Barton, Andy Duncan, Bruce McAllister, Melinda M. Snodgrass e David Walton, ha premiato Bitter Angels di C.L. Anderson.

 

In realtà C.L. Anderson è lo pseudonimo con cui scrive adesso la scrittrice Sarah Zettel (in Italia è apparsa più volte su Urania) e Bitter Angels il suo primo romanzo di fantascienza dopo un intervallo di otto anni. Si tratta di una space opera ambientata in un futuro di colonie planetarie e di potenti famiglie in lotta per il mantenimento del potere, anche a costo di una sanguinosa guerra.

 

Una citazione speciale è stata riservata all'antologia Cyberabad Days di Ian McDonald, che raccoglie molti dei racconti che lo scrittore ha ambientato nell'India del futuro del romanzo River of the Gods. Tra i racconti presenti The little Goddess, novella nominata al Premio Hugo 2006, e The Djinn’s Wife, racconto vincitore dell'Hugo 2007 e apparso come La moglie del djinn, sul numero 54 di Robot di Delos Books.

 

Il premio dedicato a Dick è riservato a opere di fantascienza uscite l'anno precedente direttamente in formato paperback negli Stati Uniti, quindi con copertina morbida, senza essere passati prima per un'edizione con copertina rigida. Il Philip K. Dick Award ha il supporto del Philip K. Dick Trust ed è sponsorizzato dalla Philadelphia Science Fiction Society, mentre la sua amministrazione è gestita dai noti editor David G. Hartwell e Gordon Van Gelder.

Autore: Alberto Priora - Data: 7 aprile 2010 - Fonte: locusmagazine.com

Vota questo articolo

Voti dei lettori

3 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Proprio non riesco a capire il motivo per cui la produzione recente e di maggiore successo di Ian McDonald (River of Gods, Brazyl, Cyberabad Days, ...) non venga proposta in italiano.

» postato da (Alberto Statico) alle 09:18 del 07-04-2010

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.