Into Darkness - Star Trek


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 26, 27, 28  Successivo
Autore Messaggio
(nox john)
Ospite

MessaggioInviato: Ven 14 Giu, 2013 15:53    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Sta di fatto che se non avessero usato il nome Star Trek per il titolo sarebbe stato un film non male.
MessaggioInviato: Ven 14 Giu, 2013 16:18    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Ripeto e confermo: ai fini di questa discussione, il punto non è se Into Darkness è o non è "trek", "canonical" o quel che volete. Il punto è che non puoi giudicare un prodotto (anche) artistico senza conoscere l'evoluzione che c'è dietro, anzi dicendo che te ne disinteressi. Questo sarebbe grossier su un qualsiasi sito, ma sul Corriere della Fantascienza è proprio fuori contesto. Se applichiamo questa logica, domani troviamo una recensione su "Fondazione e Terra" in cui l'autore ci dice che del Ciclo della Fondazione di Asimov non gliene importa molto, l'ha letto di sfuggita e solo qualche capitolo...ma che cavolo di valore avrebbe una recensione del genere?
BradipoRomantico
Eloi Eloi
Messaggi: 434
MessaggioInviato: Ven 14 Giu, 2013 17:03    Oggetto:   

Citazione:
Sì ma il recensore non dovrebbe riferirsi a DS9 chiamandola mortalmente soporifera.
Che faccia la "fatica" di vedere le ultime 4 stagioni (che sono sicuro non ha visto), poi ne riparliamo.

se una persona non è più libera di esprimere un proprio giudizio personale siamo messi proprio male. Ci sono persone a cui non piace DS9 ... pazienza.
- Women and cats will do as they please, and men and dogs should relax and get used to the idea
- Everyone needs a dog to adore him, and a cat to bring him back to reality

(Robert A. Heinlein)
(Lee Kelso)
Ospite

MessaggioInviato: Ven 14 Giu, 2013 17:10    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Da Trekker (non fanatico però) io dico che: DS9 per le prime tre stagioni è abbastanza soporifera, dalla quarta fino alla fine migliora di molto, il fatto è che probabilmente un non appassionato non riesce ad arrivare fino all'inizio della quarta stagione, si annoia prima e molla (e non me la sento di dargli torto)... Capisco il giudizio dato da Morandi.
L01CYL8
Trifide Trifide
Messaggi: 249
MessaggioInviato: Ven 14 Giu, 2013 17:33    Oggetto:   

Il film è bello, c'è molto di peggio in giro e non solo di 'sti tempi. JJ ha fatto il compitino. Meglio se avesse inventato una sua federazione planetaria e avesse caratterizzato i SUOI personaggi. Ma ST NON È SUO, il peccato originale sta nell'aver destrutturato una continuity che andava avanti dai '60, aveva miliardi di incongruenze e incompatibilità tra le varie serie, i film non sono stati una grande idea, tutto quello che volete, ma ST è la Storia della sci-fi televisiva. Quindi serve il rispetto e la coerenza che che Jackson ha messo in LoTR, Nolan in Batman o Whedon in The Avengers, registi che hanno dato il loro personalissimo taglio nella visione cinematografica di miti cartacei senza snaturarne il senso. Che in ST è l'esplorazione dell'ignoto, il raffronto con qualcosa di alieno, sia esso un pensiero o un pianeta e la riflessione sull'evoluzione umana di oggi usando il pretesto di ciò che sarà. Niente di questo in JJ, quindi 8 se non fosse ST, 2 visto il nome che porta.

p.s.: riflettendoci non riesco a ricordare neanche una serie TV, non solo sci-fi, che passando al grande schermo non mi abbia fatto dire: meglio di no. Forse sono generi contigui e assolutamente incompatibili.
You write such pretty words
But life's no storybook
Love's an excuse to get hurt
And to hurt.
Do you like to hurt?
I do, I do!

Then hurt me...
MessaggioInviato: Ven 14 Giu, 2013 18:28    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Uhm...DS9 mortalmente soporifera?
Ok, non è l'oggetto della recensione, ma accetta un consiglio. Guardati dalla Quarta alla Settima stagione.
Le prime tre stagioni (a parte pochissimi episodi) sono noiose è vero, ma le ultime 4 (stiamo parlando di 100 episodi, non si può neppure dire che siano pochi!) è tutto un altro discorso.
Personalmente è la mia serie preferita in assoluto, ma se non si vuole credere a me, si considerino le sei nomination agli Emmy conquistate da episodi quali Far Beyond the Stars, o in generale dal mega arco narrativo (la Guerra del Dominio) che abbraccia quattro stagioni o ancora l'elevatissimo numero di personaggi ricorrenti magnificamente scritti quali Garak, Weyoun, Dukat, Damar e via andare Smile

Una serie come DS9 va vista integralmente, e nell'ordine giusto, per poterla giudicare. Si va un disservizio alla serie e a sé stessi se ci limita alle prime tre stagioni.

Per il resto Star Trek Into Darkness mi è piaciuto enormemente! Wink
MessaggioInviato: Ven 14 Giu, 2013 23:16    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

a me non è piaciuto... star trek era un opera in cui si trattavano temi di etica e morale.. un telefilm per esploratori e filosofi... i temi più importanti di star trek erano quelli antropologici (la prima direttiva!)... i diversi popoli come specchio delle diverse nature umane... questo cosa sarebbe?? solo esplosioni ed effetti speciali, dove sarebbe la filosofia che ha reso grande star trek? in star trek il 90% delle scene si svolgevano intorno ad un tavolo a riflettere sui misteri e sulla natura della vita... e poi... vogliamo parlare delle cagate tecnologiche?? che diamine di stronzata è la transcurvatura tra sistemi stellari? quella tecnologia renderebbe obsolete le navi spaziali... ma sopratutto... come cavolo è venuto in mente ad abrams di far entrare l'enterprise nell'atmosfera (anzi sott'acqua!) di un pianeta??? le navi di star trek non sono fatte per entrare nell'atmosfera dei pianeti... non ha alcun diavolo di senso! e poi in due soli film abrams ha distrutto vulcano... e fatto schiantare una nave spaziale sul quartiar generale della federazione... ma soffre di protagonismo?? bha... sarebbe anche un discreto film di fantascienza... ma non è star trek... e dimostra che abrams star trek non lo ha mai neppure visto.
L.MCH
Horus Horus
Messaggi: 5871
Località: non pervenuta
MessaggioInviato: Sab 15 Giu, 2013 02:03    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

(Francesco Principi) ha scritto:
a me non è piaciuto... star trek era un opera in cui si trattavano temi di etica e morale.. un telefilm per esploratori e filosofi... i temi più importanti di star trek erano quelli antropologici (la prima direttiva!)... i diversi popoli come specchio delle diverse nature umane... questo cosa sarebbe??


E' un film d'azione by JJA, non puoi aspettarti di trovare cose simili.

Credo che per rivedere al cinema quello che descrivi sopra, bisogna sperare che il progetto cinematografico di "Old Man's War" arrivi in porto.
Universo narrativo completamente diverso (ad un certo punto le colonie umane si ritroveranno a combattere l'equivalente della Federazione) ma molte tematiche in comune.
diego76
Trifide Trifide
Messaggi: 239
Località: vicenza
MessaggioInviato: Sab 15 Giu, 2013 09:33    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Tutto si evolve, anche Star Trek. I trekkers di 40 anni fa sono diversi da quelli di oggi.
MessaggioInviato: Sab 15 Giu, 2013 09:43    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Quando vedo un film per decidere se mi è piaciuto penso: "voglio rivederlo?" E dopo questo into darkness la risposta è stata un "assolutamente si".
(Marco Riman)
Ospite

MessaggioInviato: Sab 15 Giu, 2013 16:42    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Definendo DS9 in quel modo avete sollevato il vaso di pandora...vado a lucidare i miei cofanetti blu ( a buon intenditor.... )
MiaPiccolina
Incal Incal
Messaggi: 1249
MessaggioInviato: Dom 16 Giu, 2013 00:28    Oggetto:   

Finalmente ho potuto vedere il film per bene ed in 3D....

Prima di tutto faccio i miei complimenti allo staff tecnico che ha riconvertito il film in 3D. Il miglior lavoro che abbia visto. L'ultimo film che vidi in 3D fu transformers 3, tra l'altro girato in parte in 3D nativo, ed era un 3D pessimo. Nel caso di Into Darkness, pur essendoci i soliti artefatti tipici della riconversione, alcune scene sono belle come in Avatar. I titoli di cosa in 3D sono uno spettacolo.

Ma andiamo al film.
La prima differenza che ho trovato rispetto a Star Trek 2009 sta nel ritmo. Il primo film partiva alla grande, con la distruzione della USS Kelvin ed il sacrificio del padre di Kirk. Un prologo talmente bello che spesso metto su il film per rivedermi solo quello. Il ritmo di Star Trek 2009 si manteneva alto fino alla distruzione di Vulcano, poi si notava il calo. Qui, con Into Darkness, siamo all'opposto. Il prologo sul pianeta Nibiru è carino ma non memorabile, a parte il momento in cui L'Enterprise esce dalle acque e vola verso il vulcano, una scena talmente bella che mi ha fatto dimenticare tutte le polemiche sulla plausibilità o meno di una nave stellare messa sott'acqua, decisamente meglio che vedere la solita astronavina che si muove d'avanti ad un pianeta. Il ritmo del film stenta a partire fino alla cattura di John Harrison, poi è un crescendo fino ai titoli di coda.
Questo fatto non è positivo. Almeno non lo è stato per me. Perché è forte la delusione quando si esce dalla sala, quella delusione che si prova quando il giro in giostra finisce troppo presto. Ne vorrei vedere di più, ed avrei voluto fortemente che questo film fosse il pilota di una nuova serie. Sopratutto quando il film finisce con le stesse note di come finivano gli episodi della serie classica e poi parte la memorabile musica della sigla della serie classica.

Come dissi nel post dopo la mia prima visione, i personaggi sono tutti utilizzati meglio. Scotty non è solo il momento comico, ma riesce ad essere convincente come capo ingegnere dell'Enterprise. Sulu nelle vesti di facente funzione di capitano è mitico, un rimando certamente al suo futuro di capitano. Chekov resta un pò ai margini, ma almeno ha il suo momento da eroe pure lui. Dove si fanno però scintille sono con Kirk, Spock, McCoy ed il quarto incomodo di questo nuovo universo, Uhura.
Molto più maturi i dialoghi tra Kirk e Spock ed anche McCoy non sfigura, c'è una scena con loro tre che parlano e mi ha ricordato proprio i momenti mitici di loro tre nella serie classica. Uhura per me resta una sorpresa gradita di questo universo, tutt'altro che fastidiosa.
Mitico nel primo film la figura di Pike, e mitica resta anche in questo.

Arriviamo a John Harrison di Cumby. Beh, io con questo attore mi sciolgo. Non sminuisce il suo fascino nemmeno con il doppiaggio. Mi ha fatto venire i brividi lungo la schiena quando minaccia Spock o quando dice "nessuna nave affonda senza il suo capitano".
Anche qua c'è il rimpianto per una serie TV. Visto che questo personaggio potrebbe tranquillamente ritornare. C'è sempre una possibilità con i film, e speriamo che in futuro sia possibile rivederlo. Un personaggio del genere non si lascia nel dimenticatoio.

La storia mi piace, e mi piace che abbiano coinvolto la Sezione 31. L'ammiraglio Marcus riesce ad essere paranoico e nello stesso tempo, viscido a sufficienza per ricordare la figura di Sloan vista in Deep Space Nine. Mi piace anche il fatto che ci siano due cattivi con cui fare i conti. I nostri dovranno allearsi con uno, per fermare l'altro.
Sono un pò deluso per i Klingon. A parte che si vedono poco ma anche perché si vede poco della loro cultura. Per esempio, come mai la luna di Qronos è ridotta a pezzi?
Sono giuste considerazioni di un trekker che non riuscirà mai a soddisfare la sua fame di Star Trek con un film di due ore.

Tecnicamente il film non si discute. Siamo sicuramente alla massima espressione visiva dell'universo di Star Trek.

Confermo la mia prima impressione sul film, se non il migliore, sicuramente tra i migliori film di Star Trek.
Non vedo l'ora di potermelo godere a casa in Blu Ray.

P.S. Voglio una serie TV nuova! Dannata CBS!
L.MCH
Horus Horus
Messaggi: 5871
Località: non pervenuta
MessaggioInviato: Dom 16 Giu, 2013 02:54    Oggetto:   

MiaPiccolina ha scritto:

P.S. Voglio una serie TV nuova! Dannata CBS!


Fin quando puntano a fare nuovi film entro 1..2 anni, niente serie tv basata su di essi.
Una serie tv richiede attori più economici e nessuno vuole incasinare le cose con simultaneamente un gruppo "per il cinema" ed uno "per la tv".
Se avessero mantenuto la continuity con i film e le serie precedenti avrebebro magari potuto lanciare una nuova serie con nuovi personaggi, ma nella situazione attuale sarebbe troppo rischioso.
Recenso
Trifide Trifide
Messaggi: 226
MessaggioInviato: Dom 16 Giu, 2013 04:22    Oggetto:   

Essere trekker o meno non è una questione di quante volte si è vista una serie, di quante serie trek si sono viste, o quanti libri/vestiti di Star Trek si hanno a casa, ma se si è capito di cosa parla Star Trek.

DS9 per le prime tre stagioni è molto statica e l'espressione spesso assente di Sisko invoglia uno sbadiglio, ma dalla quarta in poi il ragazzo si sveglia, per cui concordo con chi dice che probabilmente il giudizio tranchant del recensore si riferiva alle prime 3 stagioni.

Citazione:
è lecito che il nuovo film di Star Trek (il dodicesimo, o il secondo se preferite contare dal rilancio del franchise operato dalla Paramount quattro anni fa) sia giudicato attraverso il punto di vista di un trekker (dove per trekker, lo specifico solo per i pochi disinformati, significa fan/seguace/adepto della serie televisiva Star Trek e dei suoi spin-off) o piuttosto valutato nel suo insieme sforzandosi di soppesare storia, regia, montaggio, fotografia e interpretazioni esattamente come per qualsiasi altro prodotto mainstream made in Hollywood reso disponibile sul grande schermo per dieci euro a biglietto (undici se non vi portate gli occhialini 3D da casa)?


Rilancio: possibile che il parere di chi è fan di Star Trek (quello vero) debba essere considerato parziale solo perché rileva la palese somiglianza del JJ-Trek con un certo Star Wars - somiglianza lampante e oggettiva che il recensore ha invece saltato a pié pari - mentre chi non si ritiene fan di Star Trek, come il recensore ha certificato - specificando perfino di aver visto prima Star Wars - debba automaticamente considerarsi obiettivo?

Possibile che siamo sempre ai soliti sguardi accondiscendenti che i fan di Star Wars hanno sempre riservato ai fan di Star Trek (quello vero)?

Le opinioni sono tutte lecite ma additare i trekker come vetusti o rigidi non aiuterà il JJ-Trek ad acquisire spessore né dignità, né aiuterà la nascita del JJ-trek-fandom.
Nessuno più dei trekker desiderava la rinascita di Star Trek.
Di Star Trek, non di Star Wars con le uniformi di Star Trek. Dico uniformi, perché dei personaggi è rimasto poco.
Non ho ancora visto il film ma stasera è passata una scena in tv: Kirk correva per i corridoi della nave, saltava squarci nel pavimento... ed emetteva gli stessi urletti di Luke Skywalker nell'Episodio IV. Che poi erano gli stessi urletti che il Kirk bambino del JJ-Trek I emetteva quando sfrecciava nel deserto con l'auto d'epoca.

Se un film si chiama "Star Trek" e contiene personaggi di un franchise che bene o male dura da oltre 45 anni, non può essere recensito solo come film a sé stante, perché questo allora è la prova, come dico io, che il reboot è sempre stato diretto soltanto a chi non conosce la saga, mentre ai fan di Star Trek sono elemosinati alcuni richiami-oboli tanto per salvare le apparenze.
Perciò, i fan di Star Trek sono ben giustificati dal prendere le distanze dal JJ-Trek.

A lezione di sceneggiatura insegnano che i personaggi devono essere coerenti, adesso poiché l'astronave in 3D è bellina gettiamo tutto nella spazzatura. Star Trek aveva qualche incoerenza ma nulla di paragonabile al JJ-trek, e non si possono giustificare le varie incoerenze che JJ-trek II presenta con Star Trek addebitandole alla creazione della realtà alternativa avvenuta nel JJ-trek I.
La creazione dell'universo alternativo è avvenuta per l'incursione di Nero, un uomo, un'astronave. L'arrivo di una nave spaziale più avanzata tecnologicamente, e feroce, può aver reso più oscura e guerrafondaia la Federazione? Certo.
Può aver reso Kirk un povero scavezzacollo che gioca a fare il capitano? Sicuro, Nero gli ha ammazzato il genitore, pertanto ha influenzato tutta la sua crescita.

Ma cosa c'entra Spock? Spock che fa la femminuccia in crisi ormonale, quando sappiamo benissimo che lui soffriva in silenzio per le prese in giro dei bambini vulcaniani a causa della sua natura mezza umana. Questo Nero non lo ha cambiato.
Spock perde il controllo ogni secondo, buttando a mare anni di studio ed esercizio della logica vulcaniana, semplicemente per ragioni cinematografiche.

Altrettanto, l'arrivo di Nero non può certo aver cambiato le leggi della fisica. E che nel JJ-trek le leggi della fisica vanno a vento lo avevamo già visto nell'altro film. Ho anch'io il libro "La Fisica di Star Trek" e ricordo che diverse cose erano implausibili ma molte altre no. Ma nella nuova linea temporale un libro come questo non verrà mai scritto, perché Abrams ha "preso le leggi della Fisica e le ha buttate dalla finestra", come diceva Q.
Questo è peggio di un'incoerenza, questo si chiama "Prendere gli spettatori per i tubi di Jeffries".

Per questo, dicevo, valutare un film nel suo insieme prevede anche la conoscenza del franchise dal quale prende il nome e l'analisi della compatibilità con l'universo narrativo preesistente (collegamento sottolineato proprio dalla presenza ricorrente del vecchio Spock) o altrimenti si valuta soltanto l'involucro, il corpo, il lato entertainment.

Infatti non mi sorprende che la maggior parte di chi oggi osanna il JJ-trek lo fa per i mirabolanti effetti speciali, per il supercattivo Cumberbatch, per le scene di battaglia, per la ragazza in intimo, cioè l'involucro.
Tra due mesi avrà già dimenticato tutto e osannerà il prossimo film con altri mirabolanti effetti speciali e distruzioni globali. Che non sarà JarJar-Trek, perché adesso Abrams dovrà prendersi il suo tempo per immaginare qualche altro innovativo movimento della telecamera o decidere dove inserire i lens flare.

Star Trek era altro. Per questo è durato così tanto.
MiaPiccolina ha scritto:

P.S. Voglio una serie TV nuova! Dannata CBS!

Una serie TV sarebbe deleteria per il JJ-trek perché due siluri fotonici non basterebbero più a ingraziarsi il pubblico ma ci vorrebbero contenuti veri, temi profondi, personaggi a tutto tondo, cose che nei film di JJ-trek mancano e mancheranno sempre. Sarebbe quanto meno illogico portare quei burattini sul piccolo schermo: così come sono ora, alla lunga annoierebbero i JJ-fan. Dipingerli a 360 gradi? Bene, ma le differenze con le loro versioni stilizzate cinematografiche salterebbero troppo all'occhio. Ormai Kirk e soci sono bruciati. E visto la piega che ha preso Abrams coi film cosa gli impedirebbe di sfornare una TNG alternativa, dove Picard ha i capelli e Data è un umano che vuole diventare androide? Tanto è tutta colpa di Nero...
Ellie Arroway
Chtorr Chtorr
Messaggi: 347
MessaggioInviato: Dom 16 Giu, 2013 08:42    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

un trekker rabbrividisce di fronte ad alcune cose scritte nella recensione, ma ormai si è capito, questi non sono film per trekker, quindi si può dire tutto e il contrario di tutto.
"C'è una buona possibilità che quando io sarò morto, altri verranno e faranno così bene che le persone diranno "Oh, quello di Roddenberry non era così bello". Ma io sarò lieto di questa frase" (Gene Roddenberry)
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle recensioni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 26, 27, 28  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum