UN LIBRO CHE TI HA DELUSO


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 18, 19, 20, 21  Successivo
Autore Messaggio
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 4900
Località: Verona
MessaggioInviato: Mar 15 Set, 2015 08:17    Oggetto:   

Micronaut ha scritto:
Ho letto di Ballard: La mostrà dell'atrocità e Crash, soprattutto quest'ultimo decisamente un pugno nello stomaco, per adesso il mio periodo "Ballardiano" direi che è finito, ho bisogno di leggere sicuramente qualcosa di più leggero...

Crash, finito anche io ieri sera.
Non è che mi abbia deluso, lo trovo decontestualizzato. L'auto e la libertà sessuale non è più un tema di cui discutere, e dunque si tende a focalizzare l'attenzione su altro.
200 pagine di "cacca pupù" oggi non fanno più clamore.
E' uno di quei romanzi che non reggono il tempo, ahimè.
_Kaos_
Horus Horus
Messaggi: 6180
MessaggioInviato: Lun 28 Set, 2015 18:37    Oggetto:   

Il mondo sommerso di Ballard

l'ho trovato piacevole sotto certi aspetti, l'ambientazione e l'inventiva dei personaggi sono avvincenti e appassionanti, ma alcuni elementi sono tali da far cadere l'incanto dell'immedesimazione.

Vado a memoria, ma alcuni personaggi e i loro comportamenti mi sembrano caratterizzati in modo un po' infantile o fumettistico, insomma un po' slegati da quello che persone vere farebbero in realtà e più vicini a personaggi fiction o fumetti.

Un evento in particolare mi ha colpito molto. Non penso che sia uno SPOILER se descritto in modo così generico.
Quando un elicottero viene colpito con un arma piuttosto leggera se non ricordo male, ebbene questo rimbalza sui palazzi come se fosse un pallone e cade a terra in una piazza in modo completamente innaturale. Tant'è che mi chiesi se quando era stato scritto gli elicotteri esistessero da molto, perché non serve essere appassionati di veivoli per capire che nessun elicottero si comporterebbe mai in modo simile.


Se qualcuno sentisse l'esigenza di spiegarmi questi due passi o contraddire la mia interpretazione, faccia attenzione agli spoiler per gli altri e resti più sul generico o nel micro dettaglio possibile.
senji
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2463
Località: toscana
MessaggioInviato: Ven 02 Ott, 2015 18:30    Oggetto:   

Sto leggendo urania millemondi n. 49 del 2009 perchè c'erano due "importanti" racconti citati da più persone, i tappeti di wang di Egan e storie della tua vita di Chiang.
Mentre i tappeti di wang è eccezionale, sono rimasto molto deluso da storie della tua vita di Chiang.
Boh, credo di non riuscire a capire questo scrittore. Anche questo racconto, decantato come uno dei suoi migliori scritti in assoluto, non solo “non l'ho capito” ma l'ho trovato noioso ed astruso allo stesso tempo, un qlcsa a metà strada fra il complicato (le lunghe ed insistenti spiegazioni, spesso anche complesse, grammaticali) ed il noioso e/o poco interessante (i ricordi della vita della figlia ma pure le suddette spiegazioni). Alcuni parti sono interessanti, così come alcune deduzioni finali che propone, ma cmq un qlcsa di modesto e limitato. 

Forse sono io che non riesco ad apprezzare/capire Ted Chiang ma dopo quest'ennesima delusione ci faccio proprio una croce sopra.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5484
MessaggioInviato: Ven 02 Ott, 2015 21:25    Oggetto:   

senji ha scritto:
  ed il noioso e/o poco interessante (i ricordi della vita della figlia ma pure le suddette spiegazioni). Alcuni parti sono interessanti, così come alcune deduzioni finali che propone, ma cmq un qlcsa di modesto e limitato. 

Forse sono io che non riesco ad apprezzare/capire Ted Chiang ma dopo quest'ennesima delusione ci faccio proprio una croce sopra.

E' quello dello studio antopologico sulla lingua dell' alieno vero?

Io a suo tempo l' ho trovato molto bello ma anche ... insomma privo di un vero interesse.
Alla fine di cosa si parla?
Chiang e' uno scrittore molto capace, con idee brillanti ma che gioca con i lettori senza andare a parare da nessuna parte e non a caso e' uno scrittore part time.
E' una specie di Rudy Rucker piu' serioso ma piu' inconcludente, o almeno a me ha sempre trasmesso questa sensazione.
Lo leggo volentieri ma non ricordo nulla di "trascendentale" o imperdibile di suo.
Sono convinto che se scrivesse con piu' continuita' darebbe piu' consistenza alla sua narrativa.

Non un classico insomma, siamo nella validissima e degnissima zona Daemon Knight a mio modesto parere.
Anche perche' non e' che le sue storie abbiano avuto ne' un successo sconvolgente ne' una forte influenza su lettori ed autori contemporanei e successivi.
Ale K
Cylon Cylon
Messaggi: 278
MessaggioInviato: Sab 03 Ott, 2015 11:05    Oggetto:   

Vi ho risposto qua: http://www.fantascienza.com/forum/viewtopic.php?p=576258&sid=e7d17dd3f7a8789c5719f07d6c22ed1b#576258://

Per mantenere pulito questo thread. Wink
senji
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2463
Località: toscana
MessaggioInviato: Mar 03 Nov, 2015 10:21    Oggetto:   

A proposito di classici che si cita sull'altro tread, in questi ultimi gg ho fulminato (= iniziato ed abbandonato) altri due "classici", cronache marziane di Bradbury è già la seconda volta che lo provo ma non riesco proprio a leggerlo: anche ironico e con spunti arguti, qualche "pretesa" di troppo, qualche idea carina... ma troppo strano, noioso e "vecchio".
L'altro è la matrice spezzata di Sterling che era tanto che dovevo/volevo leggere e finalmente ci ho provato... ma non mi ha preso per niente, mi è sembrato confuso ed intricato, con un sacco di dettagli sul genere "famolo strano" (apposta?) e con un tono di decadenza/degrado fisico-organico-morale (non come cavolo descriverlo) che francamente non mi piace. 
Otrebla
Amante Galattico Amante Galattico
Messaggi: 19571
Località: Nordica
MessaggioInviato: Mer 16 Dic, 2015 10:41    Oggetto:   

Ancora una volta ho avuto la conferma che Greg Egan è semplicemente illeggibile (Diaspora in questo caso).
Fedemone
Fabbricante di universi Fabbricante di universi
Messaggi: 1399
MessaggioInviato: Mer 16 Dic, 2015 13:27    Oggetto:   

Otrebla ha scritto:
Ancora una volta ho avuto la conferma che Greg Egan è semplicemente illeggibile (Diaspora in questo caso).

Un po' troppo tecnichese, ed organizzazione confusa della trama. Come sviluppo romanzesco è sempre carente. Al suo interno contiene "i tappeti di wang", che però funziona meglio da solo.
Contiene insomma tutti i suoi pregi e difetti di scrittore, c'è poco altro da dire.
Frank Zappa
Hortha Hortha
Messaggi: 149
MessaggioInviato: Mer 16 Dic, 2015 17:35    Oggetto:   

Otrebla ha scritto:
Ancora una volta ho avuto la conferma che Greg Egan è semplicemente illeggibile (Diaspora in questo caso).

Non tutto, anche se in massima parte. Distress è il migliore per me. Veramente bello e leggibile.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5484
MessaggioInviato: Mer 16 Dic, 2015 20:36    Oggetto:   

Frank Zappa ha scritto:
Otrebla ha scritto:
Ancora una volta ho avuto la conferma che Greg Egan è semplicemente illeggibile (Diaspora in questo caso).

Non tutto, anche se in massima parte. Distress è il migliore per me. Veramente bello e leggibile.

Permutation City e' molto bello, per il resto preferisco i racconti nei romanzi si perde e diventa irritante.
Il piu' "leggibile" comunque e' Teranesia anche se e' forse il piu' inconcludente.
senji
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2463
Località: toscana
MessaggioInviato: Gio 17 Dic, 2015 00:17    Oggetto:   

Boh, confermo che Egan è uno scrittore strano, alterna piccoli capolavori come i tappeti di wang a monnezze quasi illeggibili (io ho l'esperienza di Incandescence e la scala di schild, quelli citati da voi non li ho letti, cmq alcuni li ho in coda).
Però dico che è uno scrittore che ha dei (gran) numeri al suo arco, per me merita ulteriore conoscenza.
Anubis84
Morlock
Messaggi: 98
Località: In Sicilia, al sole!
MessaggioInviato: Mar 23 Feb, 2016 19:59    Oggetto:   

Le ore invisibili - David Mitchell
 Mi ha deluso, intanto l'ho trovato inutilmente lungo, poteva tagliare almeno 200 pagine. Non so se è dovuto al fatto che vengono pagati in base al numero di parole e quindi ha allungato il brodo per questo. Poi c'è una parte della storia con così tanti nomi da ricordare che mi sono perso.
Fabio Olivaw
Cylon Cylon
Messaggi: 292
Località: Novara
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2016 12:48    Oggetto:   

"I reietti dell'altro pianeta"

bah, sembra propaganda della guerra fredda, non mi è piaciuto per niente.
jonny lexington
Genio del Male Genio del Male
Messaggi: 24575
Località: Quasi polare
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2016 13:21    Oggetto:   

Fabio Olivaw ha scritto:
"I reietti dell'altro pianeta"

bah, sembra propaganda della guerra fredda

in che senso scusa?
Fabio Olivaw
Cylon Cylon
Messaggi: 292
Località: Novara
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2016 14:38    Oggetto:   

jonny lexington ha scritto:
Fabio Olivaw ha scritto:
"I reietti dell'altro pianeta"

bah, sembra propaganda della guerra fredda

in che senso scusa?

beh, il pianeta natio del protagonista è tipicamente comunista, dove tutti sono inquadrati, mediamente poveri, al limite della sopravvivenza, spostati come pedine ecc ecc, l' altro pianeta è capitalista.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 18, 19, 20, 21  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum