. 

Martedì 19 gennaio alle ore 18,30, a Bari, presso la nota Casa musicale GIANNINI, Vittorio Catani presenta il suo ultimo libro “I suoni del silenzio” (Florestano Edizioni, Bari). Relatori Massimo Del Pizzo e Alessandro Romanelli. Letture di Elisa Robino.

.

 La musica è fonte di misteri: “cantare” ha la medesima radice di “incantesimo”. La musica rappresenta un controsenso: è un linguaggio asemantico, che cioè ci parla di qualcosa, ma paradossalmente non sapremmo dire con precisione di cosa. La musica è l’unica arte invisibile e che esiste solo come fuggevole sequenza temporale, in quanto mondo impalpabile di suoni in successione… Per queste e altre peculiarità insolite, la musica possiede una sua essenza concreta ma enigmatica che da sempre ha originato leggende. Come nelle tre che si raccolgono nel libro I suoni del silenzio (Florestano Edizioni, Bari).

Arnold Schönberg (1874-1951) e l’”universo parallelo” del suo “metodo di composizione con i dodici suoni” (dodecafonia); Jean Sibelius (1865-1957) con i personaggi del poema epico finnico Kalevala e la sua mai ritrovata Ottava Sinfonia; infine (nel futuro prossimo) il compositore Shani e il suo “blocco creativo”, che prelude a un’inverosimile domanda: se sia davvero infinito il numero dei temi musicali possibili. Tre racconti, tre paradossi che assumono valenze metaforiche extramusicali.

.