Archive for Luglio, 2009

Bari, 28 luglio 1943: una strage fascista

Posted on Luglio 28th, 2009 in Tempo presente | 5 Comments »

.

Probabilmente pochi, pochissimi in Italia - e anche a Bari - lo sanno o lo ricordano: nel Capoluogo pugliese, il 28 luglio 1943 - Mussolini era uscito di scena da appena due giorni - ebbe luogo un evento assolutamente infame, per mano fascista: l’eccidio di 20 cittadini e il ferimento di altri 30, tutti inermi (i caduti furono in totale 40). Per Via Nicolò dell’Arca, in pieno centro, transitava quel giorno un corteo di circa 200 persone, prevalentemente giovani universitari e docenti. I manifestanti, inneggiando alla libertà, erano diretti verso il carcere barese, nel quale erano rinchiusi numerosi intellettuali e antifasciti baresi e pugliesi, fra i quali il famoso latinista Tommaso Fiore. Ma uomini d’un reparto dell’esercito badogliano si erano appostati dietro le finestre della sede locale del Pnf (Partito nazionale fascista) e da lì presero a sparare sulla folla indifesa.

Read the rest of this entry »

Come ladro di notte

Posted on Luglio 25th, 2009 in Storie d'ordinario infinito | 3 Comments »

.

L’”Urania Collezione” n° 77 uscito a giugno scorso ripropone Come ladro di notte, romanzo di Mauro Antonio Miglieruolo pubblicato la prima volta nel lontano 1966, nella collana “Galassia” (ed. CELT, Piacenza) curata da Vittorio Curtoni e Gianni Montanari. Si tratta di una riproposizione importante, in quanto presenta un’opera tra le più originali, personali e discusse della fantascienza italiana. Con l’occasione riporto, in calce, una mia presentazione del romanzo che ebbi occasione di scrivere qualche anno fa, nonché notizie sull’Autore.

La nuova ristampa di Come ladro di notte contiene una lucidissima analisi-commento del romanzo, a firma di Giuseppe Lippi, curatore delle collane di fantascienza e fantasy mondadoriane. I lettori possono trovarla qui (sul blog di “Urania”).

Nel novembre 2000, sulla rivista telematica “Delos” n° 61 (webzine poi confluita in “Fantascienza.com”), in una mia rubrica di “ripescaggi” storici di autori e titoli della fantascienza italiana, volli a mia volta ripresentare il romanzo di Miglieruolo…

Read the rest of this entry »

Una Luna segreta da Leonardo all’Apollo 11

Posted on Luglio 18th, 2009 in Tempo presente | No Comments »

.

Da sempre circola una voce secondo la quale gli Usa non sono mai andati sulla Luna. Ma io dico: ”21 luglio 1969, ore 2:56 UTC, era davvero la prima volta che un piede umano calpestava quel suolo?” 

Dinanzi all’incredibile eccezionale “piccolo passo per l’Uomo” di Neil Armstrong e i suoi due colleghi, qui in Italia le reazioni furono tante. Per quanto riguarda la fantascienza, molti soloni ne decretarono (finalmente) la morte perchè,  realizzatosi il Sogno, questa pretestuosa narrativa non avrebbe avuto più nulla da dire. Altri sentenziarono che da quel momento (forse per aver reso tangibile e prosaico un mito, ovvero aver calpestato quel suolo) il chiaro di Luna avrebbe perso il suo plurimillenario fascino per gli innamorati (con giusta gioia dei Futuristi, aggiungo). Altri ancora profetizzarono che ormai la via allo spazio era aperta ed entro il 2000 avremmo avuto basi lunari, turismo lunare, città lunari e ovviamente anche i Lunari (cioè uomini, e più in là – perché no – anche famiglie, insomma Terrestri, che trasferendosi lassù avrebbero automaticamente cambiato nome, giusto come un canicattinese diventa rhodense se si trasferisce a Rho). E magari – vaticinarono i più arditi - dalla Luna molto presto si sarebbe fatto il gran salto verso Marte… Eccetera eccetera.

Read the rest of this entry »

Oggi 14 luglio sciopero dei blogger

Posted on Luglio 14th, 2009 in Tempo presente | No Comments »

.

- http://notebookitalia.it/web-blog-italiani-in-sciopero-6055.html

                                                                       

Read the rest of this entry »

Il ciarpame che avanza

Posted on Luglio 12th, 2009 in Tempo presente | 12 Comments »

.

Ultime dall’universo parallelo Berlusconi (il quale continua davvero a vivere in un altro mondo): la D’Addario ha raccontato ancora. La seconda delle sue serate-nottate a Palazzo Grazioli, lei se ne andò perché B. sostava sul letto gigante (regalo di Putin) con altre 4 ragazze, e a lei, sebbene del mestiere, non piacciono le ammucchiate. Emerge inoltre che in alcune giornate B. avrebbe telefonato a Tarantino anche 20 volte per organizzare i suoi tête-á-tête.  B., in queste occasioni, era sempre circondato da gruppi di belle fanciulle che se lo contendevano, eccetera eccetera.

Penso che buona parte della gente, leggendo questa roba, pensi: “beato lui”.
Lo penso anche io.
Nessuno vuol fare il parruccone o l’ipocrita.
Ma, mi spiace dirlo, a mio modesto parere una persona che occupi un posto di alta responsabilità non può agire in questo modo.
Allora – obietterà qualcun altro – si tratta solo di facciata? Se queste cose si fanno sapendole nascondere, è tutto ok? Ricadiamo nell’ipocrisia?
Manco per idea.
Chi occupa certe cariche, ripeto, semplicemente non deve farlo e basta.
Ci sono aspetti della questione che non possono essere accantonati.
Come può una persona che vara leggi – per esempio – contro la prostituzione, circondarsi poi notte e giorno di puttane? Il concetto è evidentemente estensibile a molti altri argomenti e settori. Come può legiferare sulla tv il proprietario di una importante televisione?
Una persona “pubblica” e di alta respinsabilità, deve avere – io penso – anche un privato limpido, specchiante. Altrimenti scelga un altro mestiere. Non si può avere la botte piena etc. etc.

Read the rest of this entry »

Razionalità del non pensare

Posted on Luglio 8th, 2009 in Tempo presente | 8 Comments »

.

Dunque, il Papa scrive sulla “Fede adulta”. Un’espressione che negli ultimi tempi (ma personalmente penso che ci si debba riferire almeno agli ultimi 50 anni) avrebbe assunto un significato ben preciso: ovvero la fede di colui il quale “non dà più ascolto alla Chiesa e ai suoi Pastori, ma sceglie autonomamente ciò che vuol credere e non credere; una fede fai da te, quindi”. Che esista questo modo di “credere” all’interno del cattolicesimo, penso sia verissimo e - direi - anche naturale. Ormai è molto comune sentir dire frasi del tipo “sì, io credo, ma a modo mio perché la Chiesa… perché il Papa… perché il matrimonio… il sesso…” eccetera eccetera, in una serie di “se” e di “ma” che obiettano alla dottrina e che quindi, automaticamente, sarebbero eresia…

Read the rest of this entry »