Archive for Novembre, 2008

La pianista Martina Filjak

Posted on Novembre 29th, 2008 in Amadeus | No Comments »

Un successo caloroso per un’artista bravissima

Mercoledì 26 novembre era in cartellone per “Il Coretto”, presso il Kursaal Santalucia di Bari, un recital della giovane pianista croata Marina Filjak (nella foto). Dal dépliant illustrativo apprendiamo che è stata una bimba prodigio, ha debuttato all’età di dodici anni con i notissimi Solisti di Zagabria, nel Concerto per pianoforte e orchestra KV 449 di Mozart; si è esibita in formazioni di tutto rilievo (Amsterdam, Bruxelles, Ljubljana, Mosca, Parigi, Sofia, Vienna, Okido [Giappone], Belgrado e altre città); il suo repertorio comprende autori quali Beethoven, Brahms, Rachmaninov, Grieg, Šostakovič, Bartók, Prokofiev, Kabalevskij. Negli anni, la Filjak ha accumulato riconoscimenti da riempire due colonnine del dépliant, l’ultimo lo scorso anno con la vincita del 1° premio al 58° Concorso pianistico Viotti (Vercelli), dove è risultata prima fra 122 candidati di 26 nazioni. Per la serata erano in programma la Sonata per pianoforte Op. 110, di Beethoven, la bachiana Ciaccona in Re minore BWV 1004 nella rielaborazione di Ferruccio Busoni; Une barque sur l’océan di Maurice Ravel; il Notturno per la mano sinistra, Op. 9 di Scriabin; le brahmsiane Variazioni su un tema di Paganini, Op. 35; infine Triana (da Iberia) di Isaac Albéniz.

Read the rest of this entry »

Sergej Koudriakov a Bari

Posted on Novembre 28th, 2008 in Amadeus | 1 Comment »

.

Un travolgente virtuosismo…

Di notevole interesse il concerto del giovane pianista russo Sergej Koudriakov, la sera di lunedì 3 novembre presso la Sala Giuseppina del Kursaal Santalucia, Bari, nell’ambito delle programmazioni de “Il Coretto”. Nato a Mosca nel 1978, Koudriakov vanta numerosi riconoscimenti fra cui il primo premio al Concorso Internazionale Géza Anda (Zurigo). Questo artista è soprattutto un notevole, talora stupefacente virtuoso della tastiera.

.

Le musiche in programma concedevano in effetti ben poco a un’esecuzione che non fosse tecnicamente impegnata: la Sonata n. 9, Op. 19 di Alexander Scriabin, sei Lieder di Schubert/Lisz (Auf dem Wasser zu singen, Die Forelle, Gretchen, Städchen, Aufenthalt, Erlkönig); i Quattro Impromptus, Op. 90 di Schubert; un pot-purri di arie da Le nozze di Figaro, di Mozart/Liszt/Busoni.

.

 

  Read the rest of this entry »

Futuri in svendita

Posted on Novembre 15th, 2008 in Tempo presente | 12 Comments »

.

Ricordando il Futuro…

La crisi mondiale in atto ridisegna pesantemente gli scenari del nostro futuro, se non interverranno elementi in grado di rallentarne e attutirne gli effetti. Sta di fatto che già da tempo se ne avvertivano i segnali, sebbene poco ci abbiano detto e ci dicano in merito i mezzi d’informazione ufficiali.

 

Non è la prima volta che fattori imprevisti, di violento impatto, mutano l’assetto socio-economico di vaste zone del pianeta in modo sfavorevole – talora anche favorevole. Il paragone immediato è la Grande Crisi del 1929, che negli Usa ridusse al lastrico milioni di persone, con ripercussioni mondiali; e tuttavia l’attuale sconvolgimento è molto più esteso: sia perché già dalle radici ha una connotazione “globale”, sia perché la sua natura è diversa e più insidiosa. Un altro esempio di evento che ha mutato il futuro di centinaia di milioni di persone, se non miliardi, è la caduta del muro di Berlino: scossa “benefica” in questo caso, che ha peraltro mietuto innumerevoli vittime specie nell’Est europeo. Ulteriore rivoluzione in tempi “brevi”: quella informatica, con l’avvento pervasivo di cellulari, computer domestici, Internet, che hanno contribuito a una trasformazione radicale.

 

Read the rest of this entry »

La banda Baader Meinhof

Posted on Novembre 6th, 2008 in Nuovo Cinema Paradiso | No Comments »

.

La banda Baader Meinhof

Titolo originale: Der Baader Meinhof Komplex
Regia: Uli Edel - Interpreti: Martina Gedeck, Moritz Bleibtreu, Johanna Wokalek, Bruno Ganz
Distribuzione: Bim - Durata: 155′

Andreas Baader, Ulrike Meinhof e Gudrun Ensslin dai primi anni ’70  furono a capo di un’organizzazione di estrema  sinistra definita RAF, cioè Rote Armee Fraktion, “Frazione (o Plotone) dell’Armata Rossa”, che dichiarò una opposizione totale al sistema, nonchè ai loro padri, colpevoli di non aver saputo opporsi all’avvento del nazismo. La  RAF mise a segno una serie di sanguinosi attentati, rapine e sequestri di persone in tutta la Germania. Le modalità d’azione ispirarono le Brigate Rosse per il rapimento di Moro. Questo film ha avuto accoglienze controverse, probabilmente perché non prende come taluni vorrebbero le distanze dalla banda Baader Meinhof.

E’ la narrazione in tono cronachistico, girata nei luoghi in cui i fatti avvennero (verosimilmente con momenti di pura invenzione, e c’è chi ha criticato l’opera dal punto di vista storiografico) con l’intenzione – da parte del regista Uli Edel – di lasciare allo spettatore giudizi di merito.

Read the rest of this entry »