Pericolose Visioni

Ho da poco finito di rileggere la mitica antologia di Harlan Ellison Dangerous Visions del 1967. Davvero una cosa superba, nonostante i suoi oltre trent’anni di vita. Un’antologia che ogni appassionato di fantascienza dovrebbe leggere. Un’opera che ha segnato il prima ed il dopo della fantascienza moderna. Per chi non conosce l’antologia, ecco l’elenco dei magnifici 32 scrittori e degli straordinari 33 racconti:

 

Dangerous VisionVespro (Evensong) di Lester Del Rey,

Mosche (Files) di Robert Silverberg,

Il giorno che arrivarono i Marziani (The Day After the Day the Martians Came) di Frederik Pohl,

I cavalieri del Salario Purpureo ovvero La Grande Abbuffata (Riders of the Purple Wage)

di Philip José Farmer,

Il Sistema Malley (The Malley System) di Miriam Allen De Ford,

Un giocattolo per Juliette (A Toy for Juliette) di Robert Bloch,

L’ombra in caccia nella città sull’orlo del mondo (The Prowler in the City at the Edge

of the World) di Harlan Ellison;

La notte in cui scoppiò il tempo (The Night That All Time Broke Out) di Brian W. Aldiss,

L’uomo che andò sulla luna. Due volte (The Man Who Went to the Moon) di Howard Rodman,

La fede dei nostri padri (Faith of our Fathers) di Philip K. Dick,

L’uomo-puzzle (The Jigsaw Man) di Larry Niven,

Alea iacta est (Gonna Roll the Bones) di Fritz Leiber,

Lord Randy, figlio mio (Lord Randy, My Son) di Joe L. Hensley,

Eutopia di Poul Anderson,

Incidente a Moderan (Incident in Moderan) e Via di fuga (The Escaping) di David R. Bunch,

La casa delle bambole (The Doll-House) di James Cross,

Il sesso e/o il signor Morrison (Sex and/or Mr. Morrison) di Carol Emshwiller,

Tu dov’eri? (Shall the Dust Praise Thee?) di Damon Knight,

Se tutti gli uomini fossero fratelli, lasceresti che tua sorella ne sposasse uno?

(If All Men Were Brothers, Would You Let One Marry Your Sister?)

di Theodore Sturgeon,

Cos’è successo ad Auguste Clarot? (What Happened to Auguste Clarot?)

di Larry Eisenberg,

Ersatz di Henry Slesar,

Vai, vai, vai, disse l’uccello (Go, Go, Go, Said the Bird) di Sonya Dorman,

La razza felice (The Happy Breed) di John T. Sladek,

Incontro con un villano (Encounter with a Hick) di Jonathan Brand,

Dall’Ufficio Stampa del Governo (From the Government Printing Office) di Kris Neville,

Terra dei Grandi Cavalli (Land of the Great Horses) di R. A. Lafferty,

Mattatoio (The Recognition) di James G. Ballard,

Giuda (Judas) di John Brunner,

Test di distruttività (Test to Destruction) di Keith Laumer,

Angeli cancerogeni (Carcinoma Angels) di Norman Spinrad,

Auto-da-fè di Roger Zelazny,

Sì, e Gomorra… (Aye, and Gomorrah) di Samuel R. Delany.

5 comments ↓

#1 S* on 05.27.08 at 18:25

Grandissima, un pezzo di storia. Mi sa che non la scrivono più fantascienza così.

#2 X on 05.27.08 at 20:57

SubDirektor, con la mano sul cuore recito un mea culpa. Non sono ancora riuscito a mettere le mani su questo libro mitico. E’ una delle mie lacune peggiori. Conosco però alcuni racconti per altre vie, e quello di Delany è eccezionale al punto che non esiterei a includerlo in una qualsiasi classifica del meglio della fantascienza.

A proposito, auguri per il blog!
X

#3 Maurizio Manzieri on 05.27.08 at 21:34

Ho l’edizione Mondadori del ‘91 e sono corso a ripescarla in biblioteca, quella con la cover di J.K. Potter. Mi sa che prima o poi mi rituffo anch’io! Grazie per lo stimolo… ;-)

#4 Luigi Rosa on 05.31.08 at 10:54

Devo assolutamente mettere le mani su quell’antologia.

#5 tino on 09.09.08 at 14:35

Buongiorno a tutti(e scusate l’intrusione),il mio nome è Tino e da giovane leggevo molta fantascienza(ora mi basta e avanza guardare il telegiornale per sentirmi in altro mondo!). Vorrei rileggere un romanzo che mi era piaciuto molto ma di cui non ricordo nome e autore,la trama è:guerra tra Male e Bene combattuta anche a livello di insetti e piccoli animali,in piccole aree (di colline e siepi e fossi…),giorno e notte,con piccoli scontri che possono essere decisivi all’equilibrio del conflitto diciamo così olistico.Grazie per l’aiuto.Tino