Entries Tagged 'Scienza' ↓

Commodore 64 per IPhone

Commodore 64La notizia è del 24 giugno, ma solo oggi è arrivata dalla rete nel mio spazio neurale: una società americana, la Monomio, intende far rivivere il vecchio Commodore 64 sull’IPhone. A tal scopo, l’azienda ha già creato  un vero e proprio emulatore del mitico computer, anche se al momento la Apple non ha approvato tale applicazione in via ufficiale. Per quelli della mia generazione il C64 è stato IL COMPUTER (per la verità possedevo anche un Vic 20 e poi sono passato ad un Amiga 600 con ben 20 mega byte di Hard Disk, dico 20), quello dove abbiamo imparato a smanettare e a giocare. Ricordo che all’epoca, insieme ad un complice, imparai anche a programmare un po’ di assembler e creammo un videogioco ispirato a Star Trek, con tanto di Enterprise che doveva evitare delle meteoriti (la fantasia era poca, ma il giochino era carino e funzionava).
Ricordo ancora le cassette su cui erano registrati i programmi e i primi floppy disk da 5 ed un quarto… Maledetta nostalgia tecnologica…
Per chi è interessato la notizia è del Corriere della Sera e potete leggerla qui.

Addio vecchia cara pellicola (senza nostalgia)

Che siamo nell’era digitale non c’è alcun dubbio, ma che la vecchia pellicola venga mandata in pensione dalla Kodak fa un po’ impressione. Per carità, non sono un nostalgico, ma sono anche cresciuto con il cinema a 35 mm, la Polaroid, le videocassette. Senza contare che ho ancora perfettamente funzionante una cinepresa Super8, un banchetto di montaggio per pellicola Super8 e un proiettore all’avanguardia che permetteva anche il montaggio audio.
La pellicola fu sviluppata dalla Kodak nel 1935 e entro fine anno la Kodak ritirerà la pellicola che ormai rappresenta solo l’1% del suo fatturato. Siamo insomma nell’era digitale e senza troppi rimpianti.
Per salutare la grande storia di questa pellicola, Kodak ha creato una galleria di immagini famose, inclusa la ragazza afgana dagli occhi verdi divenuta il simbolo della rivista National Geographic e altre foto di Steve McCurry, uno dei più grandi fotografi al mondo, così come altre immagini dei fotografi professionisti Eric Meola and Peter Guttman, il tutto disponibile su un apposito sito .

Il quotidiano La Repubblica segnala il tutto nel seguente articolo: http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/tecnologia/kodachrome/kodachrome/kodachrome.html