E di visioni del mondo, aggiungerei. Vi segnalo l’interessantissimo articolo di Tatiana Martino apparso un paio di giorni fa su Weirdletter, in merito al Weird Tale come visione del mondo e missione di dubbio e sospetto abbracciata dall’autore, al punto che S.T. Joshi si spinge a chiamare in ballo “questioni fondamentali come la natura dell’universo e il nostro posto in esso” e a sancire che “alcuni autori sviluppano determinati tipi di visione del mondo che li spingono a scrivere romanzi i quali stimolano nei lettori domande, revisioni, rovesciamenti dei loro punti di vista sull’universo; il risultato è ciò che noi (retrospettivamente) chiamiamo Weird Tale”.

E in un gioco di specchi vi rimando a questa brillante riflessione di Dario Tonani sull’uso della lingua in due dei massimi capolavori del Novecento: l’Arancia Meccanica di Stanley Kubrick e il romanzo di Anthony Burgess che lo ha ispirato, a ulteriore riprova della forza mitopoietica della parola e della sua capacità di generare interi universi di fantasia e di orrore, per esprimere ciò che davvero è il mondo in cui viviamo.